La teoria dei giochi ci aiuterà a trovare civiltà aliene

Molti scienziati hanno discusso se sia privo di rischi per l'umanità inviare messaggi verso le stelle. Secondo alcuni potremo attirare una o più civiltà più avanzate della nostra rischiando di finire schiacciati

0
1323
Indice

La nostra galassia contiene miliardi di esopianeti. Grazie a un modello matematico basato sulla competizione tra giocatori, i ricercatori pensano di aver ristretto il campo di ricerca su mondi lontani che hanno maggiori probabilità di ospitare la vita intelligente.

Molti scienziati hanno discusso se sia privo di rischi per l’umanità inviare messaggi verso le stelle. Secondo alcuni potremo attirare una o più civiltà più avanzate della nostra rischiando di finire schiacciati. Ha senso correre un rischio simile?

Secondo alcuni è proprio questa paura la risposta al famoso paradosso di Fermi che si chiede come mai non abbiamo captato messaggi radio (o di altra natura) da civiltà extraterrestri.

Forse non le abbiamo captate perché semplicemente non esistono (e dunque siamo soli) o che l’assenza di segnali non sia altro che la strategia migliore che le civiltà extraterrestri adottano per non essere trovate (e invase) da civiltà più avanzate e potenzialmente bellicose. C’è un’altro modo per risolvere il paradosso ideato da Enrico Fermi che si pose la domanda (riferendosi a ipotetiche civiltà extraterrestri) dove sono tutti quanti? Eamonn Kerins dell’Università di Manchester, nel Regno Unito, afferma che il paradosso può essere evitato utilizzando la teoria dei giochi per determinare il modo migliore per trovare e comunicare con civiltà extraterrestri.

La teoria dei giochi applicata alla ricerca di civiltà extraterrestri restringe drasticamente anche il numero e il tipo dei candidati esopianeti che vale la pena studiare in dettaglio per un potenziale contatto. In realtà, Kerins afferma che questo processo restringe la ricerca di esopianeti potenzialmente abitabili che dovrebbero essere considerati per il contatto a un solo esopianeta.



Il fulcro dell’approccio ideato da Kerins è la rilevabilità reciproca. Secondo il ricercatore il modo più efficace per trovare i luoghi adatti ad ospitare vita extraterrestre è trovare quei pianeti extrasolari dove potenziali esseri intelligenti e tecnologicamente avanzati possono osservare il nostro mondo.

“La rilevabilità reciproca è un approccio basato sulla teoria dei giochi volto a migliorare le possibilità di comunicazione tra due civiltà compatibili con SETI”, afferma Kerins.

Naturalmente, le due civiltà avranno accesso a informazioni diverse. Ciò sarà determinato da fattori come la luminosità della stella madre, che può cancellare il segnale di un pianeta, l’orbita dell’esopianeta e così via. Quindi la rilevabilità reciproca non è sempre simmetrica. Un’altra civiltà mirerebbe a trovare un segnale di tipo differente da quello che noi cerchiamo. In effetti la nostra esistenza potrebbe essere rivelata da segnali di qualche tipo che non sappiamo di inviare. Se una civiltà aliena si concentra su questi segnali, probabilmente non entreremo mai in contatto con loro.

Quindi la strategia migliore è limitare le nostre ricerche agli esopianeti che consentirebbero a una civiltà di cercarci nello stesso modo in cui li cerchiamo noi. In tal caso, entrambi avrebbero informazioni simili. Kerins chiama questa “informazione del denominatore comune”.

Una volta scoperto l’esopianeta con le caratteristiche richieste, la domanda seguente sarebbe su chi dovrebbe contattare la civiltà aliena. Entrambe le parti possono decidere che la discrezione è la parte migliore e che il silenzio sarebbe la via da seguire. In caso contrario, la teoria dei giochi suggerisce che la parte con le informazioni del denominatore più comune dovrebbe parlare per prima. “L’onere di trasmettere ricade sulla parte con [informazioni a comune denominatore] superiore sull’altra parte”, afferma Kerins.

Almeno questa è la teoria. Kerins continua ad applicarla all’archivio esopianeti della NASA che attualmente contiene 74 esopianeti nelle zone abitabili delle loro stelle madri.

Per la legge della rilevabilità reciproca, il posto migliore per cercare altre civiltà è nel sottoinsieme di esopianeti che possono osservare la Terra con lo stesso metodo. Il modo più popolare per individuare gli esopianeti è misurare il calo di luminosità della stella madre, dovuto al passaggio di un pianeta.

Chiaramente solo una frazione degli esopianeti sarà allineata con il sistema solare in modo tale da misurare il transito della Terra davanti al Sole. Ad oggi conosciamo solo un esopianeta potenzialmente abitabile che possa osservare il transito del nostro mondo davanti al Sole.

Questo esopianeta è K2-155d, una super-Terra in orbita nella zona abitabile di una stella chiamata K2-155 che si trova nella costellazione del Toro. È stato scoperto, insieme a due pianeti gemelli che non si trovano nella zona abitabile, utilizzando il telescopio spaziale Kepler nel 2018.

Dovremmo contattarli o attendere un loro segnale? L’approccio teorico del gioco di Kerins ci da la risposta. Poiché K2-155d è una super-Terra che orbita attorno a una stella relativamente luminosa, è più visibile per noi di quanto lo sia la Terra per loro. “In questo caso, spetta a noi trasmettere a K2-155d”. Quindi, se una civiltà su K2-155d sta facendo un ragionamento simile, dovrebbe essere in attesa del nostro segnale.

Questo approccio teorico del gioco non ha rivelato ancora un candidato con l’onere di contattarci. Ma Kerins afferma che ciò è dovuto al fatto che le stelle a bassa luminosità che più probabilmente ospiteranno questi candidati non sono state ancora esaminate. In futuro qualcosa cambierà. Infatti, sappiamo che la Via Lattea probabilmente ospita migliaia di esopianeti sia nella zona abitabile che nella zona di transito terrestre che soddisfano i criteri della teoria del gioco per un potenziale contatto. Naturalmente, niente di tutto questo significa che una civiltà esiste effettivamente su uno qualsiasi di questi esopianeti; solo che se esistono, quella condizione offre le migliori possibilità di contatto.

Forse è solo questione di tempo prima di trovare un esopianeta in una posizione tale da poterci contattare. Non ci rimane che continuare a cercare un candidato adatto e aspettare un eventuale segnale, a meno che non ci sia già qualcuno la fuori che aspetta una chiamata dalla Terra.

2