OSIRIS-REx sta per consegnare i campioni dell’asteroide Bennu – video

La navicella spaziale OSIRIS-REx della NASA sta tornando sulla Terra con un campione raccolto dalla superficie rocciosa dell'asteroide Bennu, l'arrivo è previsto per il 24 settembre

0
420
OSIRIS-REx consegnerà i campioni dell'asteroide Bennu
OSIRIS-REx consegnerà i campioni dell'asteroide Bennu

La navicella spaziale OSIRIS-REx della NASA sta tornando sulla Terra con un campione raccolto dalla superficie rocciosa dell’asteroide Bennu. Quando la sua capsula campione si paracaduterà nel deserto dello Utah il 24 settembre 2023, OSIRIS-REx diventerà la prima missione in assoluto degli Stati Uniti a riportare sulla Terra un campione di asteroidi.

Il ritorno di OSIRIS-REx

Dopo sette anni nello spazio, compreso un toccante atterraggio su Bennu per raccogliere polvere e rocce, questa intrepida missione sta per affrontare una delle sue più grandi sfide: consegnare il campione di asteroide sulla Terra proteggendolo dal calore, dalle vibrazioni e dall’impatto terrestre contaminanti.

“Una volta che la capsula del campione sarà atterrata, il nostro team correrà contro il tempo per recuperarla e portarla al sicuro in una camera bianca temporanea”, ha dichiarato Mike Moreau, vice project manager presso il Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland.

Quindi, nei prossimi sei mesi, il team OSIRIS-REx si eserciterà e perfezionerà le procedure necessarie per recuperare il campione nello Utah e trasportarlo in un nuovo laboratorio costruito per il materiale presso il Johnson Space Center della NASA a Houston. Lì, gli scienziati apriranno il campione, ne distribuiranno fino a un quarto al team scientifico OSIRIS-REx in tutto il mondo per l’analisi e cureranno il resto affinché altri scienziati possano studiarlo, ora e nelle generazioni future.



Gli ingegneri della dinamica di volo della NASA Goddard e KinetX Aerospace stanno rivedendo la traiettoria che porterà il veicolo spaziale vicino alla Terra. Alla Lockheed Martin di Denver, i membri del team stanno tenendo d’occhio il veicolo spaziale e stanno preparando un gruppo per recuperare la capsula del campione. Quest’estate, gli equipaggi in Colorado e Utah si eserciteranno in tutti i passaggi per recuperare la capsula in sicurezza, proteggendola dalla contaminazione. Al Johnson Space Center, il team di curatori sta provando la procedura per disimballare ed elaborare il campione all’interno delle scatole a guanti. Nel frattempo, i membri del team scientifico del campione stanno preparando le indagini che eseguiranno con il materiale del campione una volta ricevuto.

La capsula campione dell'asteroide Bennu della navicella spaziale OSIRIS-REx della NASA si lancerà con il paracadute nel deserto dello Utah il 24 settembre 2023. Credito: NASA
La capsula campione dell’asteroide Bennu della navicella spaziale OSIRIS-REx della NASA si lancerà con il paracadute nel deserto dello Utah il 24 settembre 2023. Credito: NASA

“Il team OSIRIS-REx ha già compiuto imprese straordinarie caratterizzando e campionando l’asteroide Bennu”, ha affermato Dante Lauretta, investigatore principale di OSIRIS-REx dell’Università dell’Arizona, Tucson. “Questi risultati sono il frutto dell’ampia formazione e delle prove che abbiamo eseguito in ogni fase del percorso. Stiamo portando quel livello di disciplina e dedizione in questa fase finale delle operazioni di volo”.

Gli asteroidi sono i materiali antichi rimasti dall’era originale della formazione dei pianeti e possono contenere precursori molecolari della vita. Gli scienziati hanno imparato molto dallo studio dei frammenti di asteroidi che hanno naturalmente raggiunto il suolo come meteoriti. Ma per capire se gli asteroidi hanno avuto un ruolo nel fornire questi composti sulla superficie terrestre oltre 4 miliardi di anni fa, gli scienziati hanno bisogno di un campione incontaminato dallo spazio, privo di contaminanti terrestri.

Inoltre, le rocce più fragili osservate su Bennu probabilmente non sarebbero sopravvissute al passaggio attraverso l’atmosfera terrestre come meteoriti. “Ci sono due cose pervasive sulla Terra: l’acqua e la biologia”, ha affermato il dottor Jason Dworkin, scienziato del progetto OSIRIS-REx presso la NASA Goddard. “Entrambi possono alterare gravemente i meteoriti quando atterrano sul terreno e confondere la storia raccontata dalla chimica e dalla mineralogia del campione. Un campione incontaminato potrebbe fornire informazioni sullo sviluppo del sistema solare”.

Il 24 settembre, mentre la navicella spaziale OSIRIS-REx sorvolerà la Terra, rilascerà la sua capsula di ritorno del campione, ponendo così fine alla sua missione primaria. La capsula, che si stima contenga circa una tazza del materiale di Bennu – 8,8 once +/- 3,6 once (250 grammi +/- 101 grammi) per la precisione – atterrerà entro un’ellisse di 37 miglia per 9 miglia (59 km di 15 km) all’interno della proprietà del Dipartimento della Difesa che fa parte dello Utah Test and Training Range e del Dugway Proving Grounds.

I membri del team OSIRIS-REx della NASA Goddard, KinetX, Lockheed Martin e del Langley Research Center della NASA a Hampton, in Virginia, stanno utilizzando modelli di computer per testare i piani di navigazione in vari scenari meteorologici, attività solare e detriti spaziali per garantire che quando la capsula entrerà Atmosfera terrestre alle 10:41 ET (8:41 MT), atterrerà all’interno dell’area mirata 13 minuti dopo.

Le squadre di recupero sono responsabili della messa in sicurezza del sito di atterraggio della capsula di ritorno del campione e del trasporto in elicottero in una camera bianca portatile situata presso il poligono. Inoltre, gli equipaggi raccoglieranno campioni di suolo e aria intorno alla capsula di atterraggio. Questi campioni aiuteranno a identificare se qualche minuscolo contaminante è entrato in contatto con il campione dell’asteroide.

Una volta che la capsula è all’interno dell’edificio con la camera bianca portatile, i membri del team rimuoveranno lo scudo termico, il guscio posteriore e altri componenti per preparare il contenitore del campione per il trasporto a Houston.

Il ritorno sulla Terra di campioni dall’asteroide Bennu sarà il culmine di uno sforzo di oltre 12 anni da parte della NASA e dei suoi partner di missione, ma segna l’inizio di una nuova fase di scoperta mentre gli scienziati di tutto il mondo rivolgeranno la loro attenzione all’analisi di questo materiale unico e prezioso risalente alla prima formazione del nostro sistema solare.

Il Goddard Space Flight Center della NASA supervisiona la gestione della missione, l’ingegneria dei sistemi, la sicurezza e la garanzia della missione per OSIRIS-REx. L’Università dell’Arizona, Tucson, guidata dal ricercatore principale Dante Lauretta, guida il team scientifico, la pianificazione dell’osservazione scientifica e l’elaborazione dei dati. Lockheed Martin Space in Colorado ha costruito il veicolo spaziale e gestisce le operazioni di volo, mentre Goddard e KinetX Aerospace guidano il veicolo spaziale.

La cura dei campioni, compresa l’elaborazione all’arrivo sulla Terra, avverrà presso il Johnson Space Center della NASA a Houston. Le collaborazioni internazionali includono lo strumento OSIRIS-REx Laser Altimeter della Canadian Space Agency e una partnership con la missione Hayabusa2 della Japan Aerospace Exploration Agency per la scienza dei campioni di asteroidi.

OSIRIS-REx è la terza missione del programma New Frontiers della NASA.

2