Identificata una nuova classe di asteroidi ricchi d’acqua

Gli astronomi hanno fatto una scoperta rivoluzionaria con l'aiuto di nuove misurazioni a infrarossi. Un team di ricercatori internazionali, tra cui geoscienziati dell'Università di Heidelberg, ha identificato una classe di asteroidi precedentemente sconosciuta

0
539
Identificata una classe sconosciuta di asteroidi ricchi d'acqua
Identificata una classe sconosciuta di asteroidi ricchi d'acqua

Gli astronomi hanno fatto una scoperta rivoluzionaria con l’aiuto di nuove misurazioni a infrarossi. Un team di ricercatori internazionali, tra cui geoscienziati dell’Università di Heidelberg, ha identificato una classe di asteroidi precedentemente sconosciuta.

Utilizzando la spettroscopia a infrarossi, gli scienziati sono stati in grado di caratterizzare questi piccoli corpi celesti.

Gli asteroidi appena scoperti si trovano nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove e sono simili al pianeta nano Cerere ricco di acqua. Le simulazioni al computer suggeriscono che questi asteroidi siano stati spostati nella posizione attuale nella fascia degli asteroidi poco dopo la loro formazione a causa di complessi processi dinamici nelle zone esterne del Sistema Solare.

Il pianeta nano Cerere

Con un diametro equatoriale di circa 900 chilometri, il pianeta nano Cerere è l’oggetto più grande nella fascia di asteroidi tra Marte e Giove. Anche molti altri piccoli pianeti orbitano in questa regione. “Questi sono i resti dei materiali da cui sono stati creati i pianeti del nostro Sistema Solare quattro miliardi e mezzo di anni fa. In questi piccoli corpi e nei loro frammenti, i meteoriti, troviamo numerose reliquie che indicano direttamente il processo di formazione dei pianeti”, ha spiegato il prof. Mario Trieloff dell’Istituto di Scienze della Terra dell’Università di Heidelberg.

L’attuale studio mostra che i piccoli corpi astronomici provengono da tutte le regioni del primo Sistema Solare.

Per mezzo di piccoli corpi del Sistema Solare esterno, l’acqua avrebbe potuto raggiungere la Terra ancora in crescita sotto forma di asteroidi, poiché i mattoni dei pianeti nel Sistema Solare interno tendevano ad essere aridi, secondo il Prof. Trieloff, che dirige il gruppo di ricerca di Geo e Cosmochimica.
I nuovi spettri infrarossi sono stati misurati dal Dr. Driss Takir presso la struttura del telescopio a infrarossi della NASA presso l’Osservatorio Mauna Kea alle Hawaii (USA).

“Le misurazioni astronomiche consentono l’identificazione di asteroidi simili a Cerere con un diametro di appena 100 chilometri, attualmente situati in una regione ristretta tra Marte e Giove vicino all’orbita di Cerere”, ha dichiarato il dott. Takir, astrofisico presso il Johnson Space Center della NASA e autore principale dello studio.



Allo stesso tempo, gli spettri infrarossi supportano conclusioni sulla composizione chimica e mineralogica dei corpi. Proprio come Cerere, ci sono minerali sulla superficie degli asteroidi scoperti che hanno avuto origine da un’interazione con l’acqua liquida.
I piccoli corpi astronomici sono piuttosto porosi. L’elevata porosità è un’altra caratteristica condivisa con il pianeta nano Cerere e un’indicazione che il materiale roccioso è ancora abbastanza originale.

“Poco dopo la formazione degli asteroidi, le temperature non erano abbastanza alte da convertirli in una struttura rocciosa compatta, quindi hanno mantenuto il carattere poroso e primitivo tipico dei pianeti di ghiaccio esterni situati lontano dal Sole”, ha spiegato il Dr. Wladimir Neumann, membro del team del Prof. Trieloff. A lui si deve la modellazione computerizzata dello sviluppo termico dei piccoli corpi.

Le proprietà di questi oggetti simili a Cerere e la loro presenza in una zona relativamente ristretta della fascia esterna degli asteroidi, suggeriscono che questi corpi si siano formati per la prima volta in una regione fredda ai margini del nostro Sistema Solare. Le interruzioni gravitazionali nelle orbite di grandi pianeti come Giove e Saturno – o “l’instabilità del pianeta gigante” – hanno cambiato la traiettoria di questi asteroidi in modo tale che gli oggetti sono stati “impiantati” nell’odierna cintura di asteroidi. Ciò è stato dimostrato attraverso calcoli numerici eseguiti dai ricercatori sugli sviluppi della traiettoria nel Sistema Solare primordiale.

Fonte: Nature Astronomy

2