La carne coltivata in laboratorio un po’ più vicina agli scaffali dei supermercati

la Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha annunciato questa settimana che l'azienda di carne coltivata Upside Foods ha superato il primo ostacolo per raggiungere la piena commercializzazione nei mercati tradizionali

181
La carne coltivata in laboratorio un po' più vicina agli scaffali dei supermercati
La carne coltivata in laboratorio un po' più vicina agli scaffali dei supermercati

La carne coltivata in laboratorio disponibile in commercio è dietro l’angolo ormai da un po’ di tempo, eppure gli scaffali dei supermercati e gli scomparti dei congelatori nelle nostre cucine rimangono entrambi misteriosamente privi di questo alimento dal suono fantascientifico.

Sembra, però, che le cose stiano per cambiare, poiché la Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha annunciato questa settimana che l’azienda di carne coltivata Upside Foods ha superato il primo ostacolo per raggiungere la piena commercializzazione nei mercati tradizionali.

La consultazione pre-commercializzazione della FDA con l’azienda includeva una valutazione del processo di produzione dell’azienda e del materiale cellulare in coltura prodotto dal processo di produzione, compresa la creazione di linee cellulari e banche cellulari, controlli di produzione e tutti i componenti e gli input“, si legge nel comunicato dell’ente di sanità pubblica. “Non abbiamo ulteriori domande in questo momento per trarre conclusioni sulla sicurezza dell’azienda“.

Come chiarisce l’annuncio, ciò non significa che i consumatori americani vedranno immediatamente comparire nei negozi la carne coltivata in laboratorio: “La consultazione volontaria prima dell’immissione sul mercato non è un processo di approvazione”, scrive la FDA. Invece, è la conferma che l’agenzia ha esaminato le informazioni sulla sicurezza, presentate da Upside Foods, riguardanti la sicurezza e la produzione dei prodotti a base di carne coltivata – ed ora il processo di approvazione del prodotto andrà avanti.

È senza dubbio una buona notizia per l’azienda californiana che ormai lavora per portare carne coltivata in laboratorio sul mercato ormai da cinque anni e che finora non ha potuto commercializzare i suoi prodotti. Ma Upside ha accolto con favore le indagini sulla sua attività, proponendo tour dell’azienda e lanciando una campagna di pubbliche relazioni su vasta scala in attesa dell’approvazione normativa.

Quando portiamo prodotti come questo nel mondo, ci aspettiamo che le persone facciano molte domande“, ha detto a Fast Company Uma Valeti, CEO e fondatrice di Upside Foods, nel novembre dello scorso anno. “E il modo migliore per rispondere è iniziare a parlarne ben prima che un prodotto arrivi sul mercato, demistificandolo”.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Con questa fase normativa iniziale superata, tuttavia, Upside Foods – noto come Memphis Meats fino a maggio 2021 – ha un programma intenso di ostacoli futuri da superare.

Oltre a soddisfare i requisiti della FDA, inclusa la registrazione della struttura per la parte del processo di coltura cellulare, l’azienda avrà bisogno di una concessione di ispezione da parte del Servizio di ispezione e sicurezza alimentare del Dipartimento dell’agricoltura degli Stati Uniti (USDA-FSIS) per lo stabilimento di produzione”, osserva la FDA. “Inoltre, il cibo stesso richiede un marchio di ispezione da USDA-FSIS prima che possa entrare nel mercato statunitense“.

Insomma, probabilmente ci vorrà del tempo ma entro tempi relativamente brevi potremmo avere la possibilità di scoprire se la carne di pollo cresciuto in laboratorio è davvero buonaa come è stato pubblicizzato. Fino ad allora, l’unico modo per godersi la carne di pollo senza provare sensi di colpa nel mangiare un animale è con un viaggio a Singapore, l’unico paese al mondo in cui la carne coltivata è attualmente disponibile per l’acquisto.

Tuttavia, le cose sembrano muoversi verso un futuro in cui la carne coltivata in laboratorio sarà una parte normale della vita e la FDA, a quanto pare, è totalmente d’accordo. “Poiché questo prodotto si avvicina all’ingresso nel mercato statunitense, ci stiamo coordinando strettamente con USDA-FSIS per garantire che sia adeguatamente regolamentato ed etichettato“, scrivono.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Il nostro obiettivo è sostenere l’innovazione nelle tecnologie alimentari mantenendo sempre come priorità la produzione di alimenti sicuri”, conclude il comunicato. “Il cibo umano prodotto con cellule animali coltivate deve soddisfare gli stessi severi requisiti, compresi i requisiti di sicurezza, di tutti gli altri alimenti”.