Trigonellina presente nel caffè mantiene giovani i muscoli

La molecola naturale trigonellina presente nel caffè, nel fieno greco e anche nel corpo umano, può aiutare per migliorare la salute e la funzionalità dei muscoli

2
122
Trigonellina

Un consorzio di ricerca guidato da Nestlé Research in Svizzera e dalla Yong Loo Lin School of Medicine, Università Nazionale di Singapore (NUS Medicine) ha recentemente scoperto che la molecola naturale trigonellina presente nel caffè, nel fieno greco e anche nel corpo umano, può aiutare per migliorare la salute e la funzionalità dei muscoli.

Trigonellina

La trigonellina è presente nel caffè, nel fieno greco e anche nel corpo umano

In una collaborazione internazionale tra l’Università di Southampton, l’Università di Melbourne, l’Università di Teheran, l’Università dell’Alabama del Sud, l’Università di Toyama e l’Università di Copenhagen, il lavoro si basa su un precedente studio collaborativo che ha descritto nuovi meccanismi della sarcopenia umana.

La sarcopenia è una condizione in cui i cambiamenti cellulari che si verificano durante l’invecchiamento indeboliscono gradualmente i muscoli del corpo e portano ad una perdita accelerata di massa muscolare, forza e ridotta indipendenza fisica.

Un problema importante durante la sarcopenia è che il cofattore cellulare NAD + diminuisce durante l’invecchiamento, mentre i mitocondri, le centrali energetiche nelle nostre cellule, producono meno energia. Il gruppo di studio ha scoperto che i livelli di trigonellina erano più bassi nelle persone anziane con sarcopenia.



Trigonellina

Fornire la trigonellina in modelli preclinici ha comportato un aumento dei livelli di NAD + , un aumento dell’attività mitocondriale e ha contribuito al mantenimento della funzione muscolare durante l’invecchiamento.

Approcci nutrizionali per combattere l’invecchiamento
I livelli di NAD + possono essere migliorati con diversi precursori alimentari come l’amminoacido essenziale L -triptofano (L-Trp) e forme di vitamina B3 come l’acido nicotinico (NA), la nicotinamide (NAM), la nicotinamide riboside (NR) e la nicotinamide mononucleotide ( NMN).

Bassi livelli di trigonellina in chi è colpito da sarcopenia

Il Professore associato Vincenzo Sorrentino del Programma di ricerca traslazionale sulla longevità sana presso NUS Medicine ha aggiunto: “I nostri risultati ampliano l’attuale comprensione del metabolismo del NAD + con la scoperta della trigonellina come nuovo precursore del NAD + e aumentano il potenziale di stabilire interventi con i produttori di NAD + . vitamine per applicazioni sia per la longevità sana che per le malattie associate all’età”.

L’alimentazione e l’attività fisica sono importanti raccomandazioni sullo stile di vita per mantenere i muscoli sani durante l’invecchiamento: “Siamo stati entusiasti di scoprire, attraverso una ricerca collaborativa, che una molecola naturale contenuta negli alimenti come la Trigonellina comunica con i segni cellulari dell’invecchiamento“.

“I benefici della trigonellina sul metabolismo cellulare e sulla salute muscolare durante l’invecchiamento aprono promettenti applicazioni traslazionali”, ha affermato Jerome Feige, capo del dipartimento di salute fisica presso Nestlé Research.

Trigonellina

 

La trigonellina migliora la respirazione mitocondriale e la biogenesi, riduce l’atrofia muscolare legata all’età e aumenta la durata della vita e la mobilità attraverso un meccanismo NAD + -dipendente che richiede sirtuina.

L’integrazione alimentare di trigonellina nei topi maschi ha migliorato la forza muscolare e previene l’affaticamento durante l’invecchiamento. Collettivamente, i ricercatori hanno identificato l’integrazione nutrizionale di trigonellina come una strategia di potenziamento del NAD + con potenziale terapeutico per il declino muscolare associato all’età.

I benefici della trigonellina nel diabete

Esistono prove che la Trigonella da foenum-graecum L. (fieno greco), un’erba tradizionale cinese, e i suoi componenti sono benefici nella prevenzione e nel trattamento del diabete e delle malattie del sistema nervoso centrale.

Trigonellina

Le attività farmacologiche di questa molecola sono state valutate in modo più approfondito rispetto agli altri componenti del fieno greco, soprattutto per quanto riguarda il diabete e le malattie del sistema nervoso centrale.

La trigonellina ha attività ipoglicemizzante, ipolipidemizzante, neuroprotettiva, antiemicrania, sedativa, di miglioramento della memoria, antibatterica, antivirale e antitumorale ed è stato dimostrato che riduce la neuropatia uditiva diabetica e l’aggregazione piastrinica.

Agisce influenzando la rigenerazione delle cellule β, la secrezione di insulina, le attività degli enzimi legati al metabolismo del glucosio, le specie reattive dell’ossigeno, l’estensione assonale e l’eccitabilità dei neuroni.

2