La vita nel nostro sistema solare potrebbe essere iniziata su Marte

Le molecole organiche che hanno permesso alla vita di emergere erano già presenti su Marte circa 4,5 miliardi di anni fa, suggerisce una nuova ricerca

683
E dopo la Luna, Marte. Come ci arriveremo?
E dopo la Luna, Marte. Come ci arriveremo?

Le molecole organiche che hanno permesso alla vita di emergere erano già presenti su Marte circa 4,5 miliardi di anni fa, suggerisce una nuova ricerca.

E mentre questi componenti critici potrebbero aver fatto l’autostop sulla Terra nello stesso periodo, era sul Pianeta Rosso che, in quel momento, la vita poteva trovare le condizioni più ospitali.

La Terra e Marte sono entrambi membri del Sistema Solare interno, composto da quattro pianeti rocciosi e dalla fascia degli asteroidi. Poco dopo la loro formazione, questi pianeti rocciosi subirono un brutale bombardamento di rocce mentre un numero altissimo di asteroidi pioveva sul Sistema Solare interno, scaricandosi in gran parte sui pianeti rocciosi.

Queste rocce vennero assimilate nella crosta sia della Terra che di Marte ma il movimento della tettonica a placche sul nostro mondo natale portò i residui di questi antichi impatti all’interno del pianeta. Al contrario, la superficie di Marte non è sottoposta al fenomeno della tettonica, il che significa che le rocce che si schiantarono contro il pianeta in un lontano passato rimangono al loro posto e possono essere studiate.

Analizzando 31 meteoriti marziani, gli autori dello studio hanno cercato di rispondere a una serie di domande fondamentali sulla loro origine. Ad esempio, fino ad ora gli scienziati non avevano mai determinato se questi antichi proiettili provenissero dal Sistema Solare interno o esterno, o se trasportassero del materiale organico che avrebbe potuto permettere lo sviluppo della vita.

Usando misurazioni degli isotopi di cromo ad altissima precisione, i ricercatori hanno identificato i meteoriti come condriti carboniose provenienti dal Sistema Solare esterno. Sulla base della prevalenza di tali rocce su Marte e del fatto che il ghiaccio di solito rappresenta il 10 percento della loro massa, gli autori hanno calcolato che questi antichi impatti hanno portato su Marte abbastanza acqua da coprire l’intero pianeta con un oceano profondo 307 metri.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Significativamente, è anche noto che le condriti carboniose del Sistema Solare esterno trasportano ancora oggi molecole organiche come gli amminoacidi nel Sistema Solare interno. Questi composti sono essenziali per la formazione del DNA e probabilmente hanno fornito le materie prime che hanno permesso alla vita di emergere.

In quel momento, Marte è stato bombardato da asteroidi pieni di ghiaccio. È successo nei primi 100 milioni di anni dell’evoluzione del pianeta“, ha spiegato in una dichiarazione l’autore dello studio, il professor Martin Bizzarro. “Ed è interessante notare che quegli asteroidi trasportavano anche molecole organiche biologicamente importanti per la vita“.

Tuttavia, mentre le condizioni su Marte potrebbero essere state ideali per la vita in quel primo frangente, lo stesso non si può dire per la Terra. “Dopo questo periodo, è accaduto qualcosa di catastrofico per la potenziale vita sulla Terra“, afferma Bizzaro.

Si ritiene che ci sia stata una gigantesca collisione tra la Terra e un altro pianeta delle dimensioni di Marte. È stata una collisione energetica che ha formato il sistema Terra-Luna e, allo stesso tempo, ha fuso la superficie del nostro pianeta, spazzando via tutta la vita potenziale sulla Terra“.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Presi insieme, questi risultati suggeriscono che la vita probabilmente aveva maggiori possibilità di prosperare su Marte che sulla Terra durante le prime centinaia di milioni di anni del Sistema Solare interno.

Lo studio è pubblicato sulla rivista Science Advances .