Un piccolo conflitto nucleare causerebbe una carestia globale

Gli eventi globali di quest'anno, in particolare in Ucraina, hanno sollevato i timori di un conflitto nucleare a livelli che non si vedevano dai tempi della guerra fredda

297
Un piccolo conflitto nucleare causerebbe una carestia globale
Un piccolo conflitto nucleare causerebbe una carestia globale

Gli Stati Uniti e la Russia hanno recentemente concordato di tenere colloqui sul Nuovo Trattato START, l’unico accordo rimasto che regola i due più grandi arsenali nucleari del mondo.

Sebbene questa sia indubbiamente una buona notizia, non dobbiamo permettere che ci faccia cullare nell’autocompiacimento. Gli eventi globali di quest’anno, in particolare in Ucraina, hanno sollevato i timori di un conflitto nucleare a livelli che non si vedevano dai tempi della guerra fredda. Nel mondo rimangono più di 10.000 testate nucleari e il linguaggio del Cremlino riguardo alle armi di distruzione di massa è diventato sempre più minaccioso nel 2022.

Al di là degli orribili destini delle vittime nelle zone colpite, uno scambio nucleare su larga scala altererebbe profondamente il sistema climatico così come lo conosciamo, mentre scenari più limitati potrebbero avere un impatto devastante.

Un corpus di studi in continua crescita ha dimostrato che anche un conflitto nucleare locale potrebbe portare a una catastrofe climatica

Carestia globale e crisi climatica

Nel 1982, un gruppo di scienziati, tra cui Carl Sagan, iniziò a lanciare l’allarme su un’apocalisse climatica che potrebbe seguire una guerra nucleare. Usando semplici simulazioni al computer e eruzioni vulcaniche storiche come analoghi naturali, hanno mostrato come il fumo che si alzava nella stratosfera dalle tempeste di fuoco urbane potesse bloccare il Sole per anni.

Denominato come “inverno nucleare”, anche un piccolo conflitto potrebbe innescare una carestia catastrofica lontano dal luogo della guerra. Ronald Reagan e Mikhail Gorbachev, leader degli Stati Uniti e dell’Unione Sovietica negli anni ’80, hanno entrambi citato questo scenario quando hanno dichiarato che una guerra nucleare non poteva essere vinta.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La minaccia contemporanea ha stimolato una nuova era di ricerca sul potenziale impatto climatico di una guerra nucleare. Utilizzando gli ultimi strumenti computazionali, i ricercatori hanno studiato le conseguenze che potrebbe avere per tutte le forme di vita presenti sulla Terra. La ricerca più recente ha mostrato che un conflitto nucleare sconvolgerebbe in modo massiccio il sistema climatico e causerebbe una carestia globale. Potrebbe anche compromettere drammaticamente l’oceano e i suoi ecosistemi per decenni o migliaia di anni dopo il conflitto.

Come la guerra nucleare potrebbe congelare il Mar Baltico

I ricercatori hanno esplorato lo scenario di una guerra nucleare tra Stati Uniti e Russia, e hanno osservato che ciò porterebbe 150 miliardi di tonnellate di fuliggine delle città in fiamme, all’alta atmosfera. Hanno scoperto che la scarsa luminosità e il rapido raffreddamento causerebbero grandi cambiamenti fisici nell’oceano, inclusa una drammatica espansione del ghiaccio marino artico. Questo ghiaccio crescerebbe fino a bloccare le regioni costiere normalmente prive di ghiaccio essenziali per la pesca, l’acquacoltura e la navigazione in tutta Europa.

Tre anni dopo una simile guerra, il ghiaccio marino artico si espanderebbe del 50%, ghiacciando il Mar Baltico e chiudendo importanti porti come Copenaghen e San Pietroburgo. 

Peggio ancora, l’improvviso calo della luce e delle temperature oceaniche decimerebbe le alghe marine, il fondamento della rete alimentare marina, creando una carestia oceanica lunga anni. Mentre l’intero oceano ne risentirebbe, gli effetti peggiori si concentrerebbero a latitudini più elevate, compresa tutta l’Europa e soprattutto negli Stati baltici, dove la luce oceanica è già scarsa.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Le acque dell’Artico e del Nord Atlantico ne pagherebbero il peso, probabilmente innescando il collasso dell’intero ecosistema.

Sebbene la pesca sia un settore relativamente piccolo dell’economia europea, potrebbe esserci un’ulteriore pressione per guardare verso il mare per il cibo se i sistemi agricoli terrestri dovessero crollare, lasciando il continente con poche opzioni per la sicurezza alimentare.

Un oceano cambiato

Una riduzione della luce solare e temperature più basse causerebbero più ghiaccio marino e meno alghe negli oceani. Tuttavia, i ricercatori sono rimasti scioccati dal fatto che il nostro oceano modello rimarrebbe completamente trasformato per decenni dopo la guerra. Il ghiaccio marino si stabilizzerebbe in uno stato di nuova espansione dove probabilmente rimarrebbe per centinaia di anni.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Dieci anni dopo i conflitti, la produttività marina globale potrebbe riprendersi e persino superato il suo stato iniziale. Ciò si verifica perché i cambiamenti duraturi nella circolazione oceanica spingono i nutrienti in superficie dalla profondità. Una volta che la fuliggine si dirada e la luce si riprende, il fitoplancton può utilizzare questi nutrienti per crescere rapidamente.

Sfortunatamente, tali “buone notizie” non raggiungono mai l’Europa, poiché la produttività marina rimane compromessa nell’Artico e nell’Atlantico settentrionale rispetto al resto del mondo. Ciò si verifica perché il nuovo stato ambientale favorisce un tipo diverso, più grande, di alghe marine che possono effettivamente rimuovere i nutrienti dalla superficie dell’oceano una volta che muoiono e affondano, contrastando il surplus fisico.

Perché l’oceano dovrebbe essere così lento a riprendersi da un conflitto nucleare?

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

L’acqua si riscalda e si raffredda molto lentamente e l’oceano è fortemente stratificato con diverse masse d’acqua sovrapposte l’una sull’altra. Ciò conferisce all’oceano una “memoria” molto più lunga dell’atmosfera. Una volta disturbati, molti cambiamenti non sono reversibili su scale temporali umane o è improbabile che tornino al loro stato iniziale.

Queste scoperte aggiungono una nuova prospettiva su quanto l’umanità possa influenzare il sistema Terra. Mentre siamo alle prese con il fatto che le nostre emissioni di gas serra possono rimodellare il clima in un lampo di tempo geologico, vale la pena ricordare che gli arsenali nucleari rimangono abbastanza grandi da cambiare radicalmente il sistema terrestre in un batter d’occhio.

Prevenire un conflitto nucleare

Date queste dure intuizioni, c’è un imperativo morale per chiedersi cosa si potrebbe e si dovrebbe fare per prevenire un conflitto nucleare. Di recente, una nuova interpretazione di una vecchia filosofia ha iniziato a filtrare da Oxford. L’idea, nota come “lungotermismo”, postula che una corretta contabilizzazione dell’enorme numero di possibili vite umane future dovrebbe dare la priorità a quasi tutte le azioni che riducono anche leggermente il rischio di estinzione umana.

Questa logica viene fornita con tutti gli ornamenti standard del tentativo di fare matematica con la moralità. Tuttavia, inizia ad avere molto più senso quando ti rendi conto che il rischio di un evento a livello di estinzione – e quindi la possibilità che potremmo evitarlo – non è inimmaginabilmente basso.

Anche un conflitto più limitato potrebbe spingere i nostri oceani in uno stato fondamentalmente nuovo che potrebbe durare molto più a lungo di quanto ci saremmo aspettati. Comprendere la lunghezza e il peso di questi tempi dovrebbe essere in prima linea nel nostro calcolo della diplomazia in corso.