Cosa potrebbe causare l’estinzione umana?

La scena si apre su un paesaggio rado e grigio, un albero nodoso in primo piano, frammenti di cenere che scendono lentamente dal cielo. All'orizzonte, alcune figure rannicchiate inciampano in avanti e verso un futuro tetro. Se questo suona familiare, è perché è un tropo visivo comune in molti film post-apocalittici

0
1628

La scena si apre su un paesaggio rado e grigio, un albero nodoso in primo piano, frammenti di cenere che scendono lentamente dal cielo. All’orizzonte, alcune figure rannicchiate inciampano in avanti e verso un futuro tetro. Se questo suona familiare, è perché è un tropo visivo comune in molti film post-apocalittici. 

Di solito, questi film raccontano la storia di una catastrofe – forse un attacco di asteroidi o una guerra nucleareche provoca la scomparsa dell’umanità, e poi segue le sfide che gli umani rimasti devono affrontare mentre cercano di salvare la loro specie dall’estinzione. 

Tali film catturano l’immaginazione del pubblico. Ma cosa accadrebbe se l’estinzione umana fosse meno uno scenario cinematografico, e invece, una realtà incombente? Potrebbe sembrare una domanda sensazionale, ma in realtà dozzine di ricercatori in tutto il mondo trascorrono le loro giornate alle prese con questa possibilità e come potremmo evitarla. 

Il loro compito non è facile. Esistono diverse teorie su ciò che potrebbe alla fine causare l’estinzione umana, dalle invasioni aliene ai catastrofici attacchi di asteroidi. Ma tra coloro che indagano su questa domanda, c’è un consenso generale sul fatto che alcuni rischi per la vita umana siano più plausibili di altri. Nel campo, i ricercatori hanno un nome per questi eventi: li chiamano “rischi esistenziali”. Quello che segue è solo un esempio di alcuni dei rischi che i ricercatori hanno in testa.

Guerra nucleare

Un rischio esistenziale è diverso da quello che potremmo pensare come un pericolo o una minaccia “normale”, ha spiegato Luke Kemp, ricercatore associato presso il Center for the Study of Existential Risk dell’Università di Cambridge nel Regno Unito. Kemp studia il crollo storico della civiltà e il rischio rappresentato dai cambiamenti climatici ai giorni nostri. “Un rischio nella terminologia tipica dovrebbe essere composto da un pericolo, una vulnerabilità e un’esposizione”, ha dichiarato a WordsSideKick.com.



Prendiamo la guerra nucleare, che la storia e la cultura popolare hanno impresso nelle nostre menti, come uno dei maggiori rischi potenziali per la sopravvivenza umana. La nostra vulnerabilità a questa minaccia cresce se i paesi producono uranio altamente arricchito e con l’escalation delle tensioni politiche tra le nazioni. Quella vulnerabilità determina la nostra esposizione. 

Come nel caso di tutti i rischi esistenziali, non sono disponibili stime solide su quanta parte della popolazione terrestre potrebbe eliminare una tempesta nucleare. Ma si prevede che gli effetti di un inverno nucleare su larga scala – il periodo di temperature gelide e produzione alimentare limitata che seguirebbe una guerra, causata da una foschia nucleare fumosa che impedisce alla luce solare di raggiungere la Terra – sarebbero profondi. “Dalla maggior parte dei modelli che ho visto, sarebbe assolutamente orrendo. Potrebbe portare alla morte di vaste fasce di umanità. Ma sembra improbabile che da sola possa portare all’estinzione”. ha affermato Kemp.

pandemie

L’uso improprio delle biotecnologie è un altro rischio esistenziale che tiene svegli i ricercatori la notte. Questa è una tecnologia che sfrutta la biologia per creare nuovi prodotti. Uno in particolare riguarda Cassidy Nelson: l’abuso della biotecnologia per progettare agenti patogeni mortali a rapida diffusione. “Mi preoccupo di tutta una serie di diversi scenari di pandemia. Ma penso che quelli che potrebbero essere creati dall’uomo siano forse la più grande minaccia che potremmo avere dalla biologia in questo secolo”, ha detto. 

In qualità di co-responsabile del team di biosicurezza presso il Future of Humanity Institute dell’Università di Oxford nel Regno Unito, Nelson ricerca questioni di biosicurezza che devono affrontare l’umanità, come nuove malattie infettive, pandemie e armi biologiche. Riconosce che un agente patogeno che è stato specificamente progettato per essere il più contagioso e mortale possibile potrebbe essere molto più dannoso di un agente patogeno naturale, potenzialmente spazzando via ampie fasce della popolazione terrestre in un tempo limitato.

“La natura è piuttosto fenomenale nel trovare agenti patogeni attraverso la selezione naturale. È terribile quando lo fa. Ma non ha questo tipo di ‘intento’ diretto”, ha spiegato Nelson. “La mia preoccupazione sarebbe avere un cattivo attore che ha cercato intenzionalmente di progettare un agente patogeno per avere il maggior impatto negativo possibile”.

Ma nonostante la paura che potrebbe creare, specialmente nel nostro mondo attualmente colpito dalla pandemia, crede che la probabilità che ciò accada sia ridotta. (Vale anche la pena ricordare che tutte le prove indicano che il COVID-19 non è stato creato in un laboratorio. Mentre i progressi scientifici e tecnologici stanno costantemente abbassando la soglia per le persone in grado di farlo, “ciò significa anche che le nostre capacità di fare qualcosa al riguardo stanno aumentando gradualmente”, ha detto. “Questo mi dà un senso di speranza, che se potessimo effettivamente superarlo, quel bilanciamento del rischio potrebbe andare a nostro favore”. Tuttavia, l’entità della potenziale minaccia mantiene l’attenzione dei ricercatori concentrata su questo rischio.

Dal cambiamento climatico all’IA

Un tour delle minacce alla sopravvivenza umana difficilmente può escludere il cambiamento climatico, un fenomeno che sta già guidando il declino e l’estinzione di più specie in tutto il pianeta. Potrebbe scagliare l’umanità verso lo stesso destino?

Gli accompagnamenti ai cambiamenti climatici – insicurezza alimentare, scarsità d’acqua ed eventi meteorologici estremi – sono destinati a minacciare sempre più la sopravvivenza umana, su scala regionale. Ma guardando al futuro, il cambiamento climatico è anche ciò che Kemp ha descritto come un “moltiplicatore del rischio esistenziale” su scala globale, il che significa che amplifica altre minacce alla sopravvivenza dell’umanità.

“Sembra che abbia tutte queste relazioni sia con il conflitto che con il cambiamento politico, il che rende il mondo un posto molto più pericoloso in cui stare”. Immagina: la scarsità di cibo o acqua che intensifica le tensioni internazionali e scatena guerre nucleari con vittime umane potenzialmente enormi. 

Questo modo di pensare l’estinzione mette in luce l’interconnessione dei rischi esistenziali. Come Kemp ha suggerito in precedenza, è improbabile che un evento di estinzione di massa derivi da una singola calamità come una guerra nucleare o una pandemia. Piuttosto, la storia ci mostra che la maggior parte dei crolli di civiltà sono guidati da diversi fattori interconnessi. E l’estinzione come la immaginiamo di solito – il rapido annientamento di tutti sulla Terra – è solo uno dei modi in cui potrebbe svolgersi. 

 

C’è anche un’altra prospettiva in questo: un rischio esistenziale per l’umanità non deve necessariamente minacciare la nostra sopravvivenza per essere contato. Un rischio potrebbe essere quello di ridurre il nostro potenziale come specie, che sia la nostra capacità di diventare una razza che viaggia nello spazio o di raggiungere un certo livello di dominio tecnologico“In un certo senso, è quasi una minaccia per la nostra esistenza”, ha detto Nelson

In altre parole, distrugge la nostra idea dello scopo dell’umanità – che alcuni potrebbero obiettare, è quello di progredire. Un rischio importante che rientra in questa categoria è l’intelligenza artificiale : i ricercatori filosofeggiano che i robot intelligenti, scatenati involontariamente sul mondo, potrebbero imporre una sorveglianza diffusa sugli umani o superarci fisicamente e mentalmente. Ciò usurperebbe il nostro dominio sul pianeta e, per molti, potrebbe alterare radicalmente l’idea di cosa significhi essere un essere umano.

L’umanità stessa?

Per quanto ampi siano questi rischi, hanno tutti una cosa in comune: gli esseri umani svolgono un ruolo chiave nel determinare la gravità di questi rischiE se gli esseri umani fossero il loro più grande rischio di estinzione

Questo è un punto focale della ricerca di Sabin Roman. Come ricercatore associato presso il Centro per lo studio del rischio esistenziale, modella l’evoluzione e il collasso della società, osservando le civiltà del passato, tra cui l’Impero Romano e l’Isola di Pasqua. Per come la vede Roman, la maggior parte dei rischi esistenziali sono “auto-creati”, radicati nelle società e nei sistemi che producono. A suo avviso, l’attrazione dell’umanità per la crescita continua porta allo sfruttamento, alla distruzione del pianeta e al conflitto. Ironia della sorte, ciò aumenta solo alcune delle più grandi minacce che affrontiamo oggi e la nostra vulnerabilità ad esse. “Un po’ troppo dipende dalla crescita economica perpetua. Se cercassimo di ottimizzare qualcos’altro, sarebbe un bene!” Ha affermato. 

Roman paragona la nostra civiltà a una linea di tessere del domino, dove il rischio non è tanto la spinta che dà inizio alla cascata, quanto la vulnerabilità a quella minaccia. “La linea del domino è molto vulnerabile a qualsiasi perturbazione”, ha detto. “Se vogliamo davvero cambiare qualcosa, c’è un impatto realistico molto limitato che possiamo avere sui fattori esterni. È più il nostro funzionamento interno come società che può cambiare”.

 

Quindi, quella visione nel film apocalittico è quella che attende l’umanità? Non abbiamo previsioni accurate o risposte semplici sul nostro destino qui sulla Terra. Ma guardando indietro alle società crollate, una cosa di cui Roman è sicuro è che gli umani non sono mai stati meglio equipaggiati per proteggersi. “La cosa diversa è noi che possiamo effettivamente imparare da tutte quelle lezioni passate”, ha affermato. “L’opportunità di imparare è enorme.”

 
 
 
 
 
2