Cosa accadrebbe se la Luna fosse due volte più vicina alla Terra?

Nel film di Jim Carrey del 2003 "Bruce Almighty", il personaggio di Carrey acquisisce improvvisamente poteri divini che utilizza per prendere la Luna piena e avvicinarla alla Terra

0
1127
Cosa accadrebbe se la Luna fosse due volte più vicina alla Terra?
Cosa accadrebbe se la Luna fosse due volte più vicina alla Terra?

Nel film di Jim Carrey del 2003 “Bruce Almighty”, il personaggio di Carrey acquisisce improvvisamente poteri divini che utilizza per prendere la Luna piena e avvicinarla alla Terra per corteggiare la sua amata. Più avanti nel film, le riprese di sfondo mostrano notiziari televisivi su inondazioni massicce e senza precedenti in tutto il mondo.

Sebbene il film sia ovviamente fantastico, solleva una domanda: cosa accadrebbe se la Luna fosse due volte più vicina alla Terra rispetto a oggi?

In effetti, lo scenario delle inondazioni del film non è lontano da ciò che potrebbe effettivamente accadere se il nostro satellite fosse improvvisamente molto più vicina alla Terra, ha affermato Neil Comins, fisico dell’Università del Maine. L’effetto più noto della Luna è la sua attrazione gravitazionale sugli oceani della Terra, che si traduce in due alte maree e due basse maree ogni giorno.

Ma se il nostro satellite fosse a metà della distanza, le maree sarebbero otto volte più alte, ha detto Comins. Alcune isole sarebbero completamente sommerse dall’acqua per gran parte della giornata e le coste popolate diventerebbero probabilmente inabitabili a causa dell’alta marea, ha aggiunto.

Ma le maree oceaniche più alte non sarebbero l’unico risultato. La Luna ha anche un effetto di marea sulla terraferma.

Se il nostro satellite fosse improvvisamente due volte più vicino alla Terra, le onde di energia si riverbererebbero attraverso il pianeta a causa dell’improvviso aumento della forza di attrazione gravitazionale.



E quell’improvviso colpo di gravità “avrebbe effettivamente un impatto sulla crosta terrestre, il che significa che potrebbe innescare più terremoti e più eruzioni vulcaniche”, ha affermato Jazmin Scarlett, vulcanologo storico e sociale presso la Queen Mary University di Londra.

Prendiamo, ad esempio, la luna di Giove Io, il mondo vulcanicamente più attivo del sistema solare, ha detto Scarlett. Il vulcanismo di Io deriva dal tira e molla della gravità di Giove e di due delle sue altre lune. La Terra potrebbe avere un destino simile se il nostro satellite fosse improvvisamente la metà più vicino.

Insieme a tutta l’improvvisa deformazione della crosta del pianeta, la rotazione della Terra rallenterebbe nel tempo. Questo perché, mentre la gravità della Luna attira gli oceani, l’attrito risultante tra il fondo dell’oceano e l’acqua rallenta la rotazione della Terra. Oggi, la rotazione terrestre sta rallentando di circa un millesimo di secondo per secolo, ha detto Comins. Se la luna fosse a metà distanza, la rotazione della Terra rallenterebbe ancora di più.

Se dovessimo sopravvivere ai terremoti improvvisi, alle eruzioni vulcaniche, all’allungamento dei giorni e delle notti e alle maree più alte, vedremmo eclissi solari più frequenti poiché la Luna coprirebbe un’area più ampia del cielo. 

E se la Luna dovesse lentamente muoversi a spirale verso la Terra, invece di muoversi all’improvviso?

La crosta e le maree del pianeta si sposterebbero più gradualmente, sperando che la vita si adatti, ha detto Scarlett. I giorni e le notti più lunghi potrebbero cambiare il nostro clima e guidare i cambiamenti evolutivi in ​​più modi. Gli animali dovrebbero adattarsi a una Luna più luminosa di notte. Ad esempio, le prede dovrebbero imparare a nascondersi meglio di notte, poiché i predatori potrebbero avere più luce durante la caccia.

Mentre un Morgan Freeman che conferisce superpoteri non sarà la causa di uno scossone Terra-Luna, qualcosa di naturale potrebbe far avvicinare la Luna alla Terra?

“Se un oggetto sufficientemente massiccio passasse vicino al sistema Terra-Luna, e la Luna fosse nel posto giusto della sua orbita, potrebbe potenzialmente prendere energia dal nostro satellite, e questo la farebbe avvicinare a noi a spirale”, ha detto Comins.

Quindi ci vorrebbe un enorme asteroide che sfrecci sulla Terra nel posto esatto al momento giusto per spingere la Luna verso di noi come una palla che gira intorno a uno scarico. Naturalmente, anche se ciò accadesse, ci vorrebbero ancora molti, molti anni prima che la Luna si allontani della metà di quella che è ora, quindi la Terra non ne sentirebbe subito gli effetti.

2