11 C
Rome
domenica, Dicembre 4, 2022
HomeEsplorazione SpazialeOrganismi alieni: potrebbero essere i nuovi pericoli dell'industria spaziale

Organismi alieni: potrebbero essere i nuovi pericoli dell’industria spaziale

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Gli scienziati avvertono che senza buone misure di biosicurezza, gli “organismi alieni” sulla Terra potrebbero diventare una realtà più strana della finzione.

Pubblicato sulla rivista internazionale BioScience, un team di scienziati, tra cui il dott. Phill Cassey, capo del dipartimento di ecologia e biologia evolutiva dell’Università di Adelaide, chiede un maggiore riconoscimento dei rischi di biosicurezza davanti all’industria spaziale.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“Oltre alle missioni spaziali guidate dal governo, l’arrivo di aziende private come SpaceX ha significato che ora ci sono più attori che mai nell’esplorazione dello spazio”, ha affermato Cassey. “Dobbiamo agire ora per mitigare questi rischi”.

Correlato: Oggetto non identificato a 45km dalla navicella spaziale di SpaceX

La biosicurezza spaziale riguarda sia il trasferimento di organismi dalla Terra allo spazio (contaminazione diretta) sia viceversa (contaminazione di ritorno). Mentre la ricerca sottolinea che al momento il rischio che eventuali organismi alieni sopravvivano ad un viaggio nello spazio è basso, non è impossibile.

Il Dr. Cassey ha affermato: “I rischi che hanno una bassa probabilità di accadimento, ma che hanno il potenziale per conseguenze estreme, sono al centro della gestione della biosicurezza. Perché quando le cose vanno male, vanno davvero male”.

La ricerca fornisce prove evidenti di come gli esseri umani abbiano diffuso organismi provenienti da altri ambienti nelle regioni più remote della terra e del mare, e persino nello spazio

Per affrontare i rischi delle specie invasive derivanti dai viaggi spaziali, gli autori suggeriscono che il campo emergente della “scienza dell’invasione”, che si occupa delle cause e delle conseguenze dell’introduzione di organismi in nuovi ambienti, potrebbe offrire insegnamenti preziosi. Ciò include il fatto che i sistemi insulari come isole, laghi e habitat remoti sono i più vulnerabili alle minacce di invasione.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ulteriori approfondimenti che potrebbero essere applicati includono protocolli per il rilevamento precoce, la valutazione dei pericoli, la risposta rapida e le procedure di contenimento attualmente utilizzate in risposta alle minacce delle specie invasive.

Il dottor Cassey ha dichiarato: “È molto più economico prevenire la contaminazione biologica da parte di organismi alieni implementando protocolli di sicurezza sulla Terra che su Marte, per esempio”.

Sia il Dr. Cassey che il co-autore Dr. Andrew Woolnough dell’Università di Melbourne e dell’Università di Adelaide suggeriscono che, con alcuni dei protocolli di biosicurezza al mondo, l’Australia è ben posizionata per contribuire con le proprie competenze in questo settore.

“Abbiamo una fantastica opportunità di contribuire alla politica internazionale e di sviluppare misure di mitigazione della biosicurezza che possono essere utilizzate dall’industria spaziale privata in espansione. Questa è un’opportunità di sviluppo economico non sfruttata”, ha affermato il dott. Woolnough.

Leggi anche: Lo scioglimento del permafrost potrebbe rilasciare batteri e virus sconosciuti

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Nonostante il valore per la biosicurezza spaziale, gli autori affermano che i biologi dell’invasione devono ancora essere coinvolti nelle pianificazioni del Comitato per la protezione planetaria di ricerca spaziale.

Nella ricerca sostengono che questo dovrebbe cambiare perché “una maggiore collaborazione tra biologi delle contaminazioni di organismi alieni e astrobiologi migliorerebbe i protocolli internazionali esistenti per la biosicurezza planetaria, sia per la Terra che per i corpi extraterrestri che potrebbero contenere la vita”.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Poiché i piani per l’esplorazione dello spazio e l’uso commerciale si espandono rapidamente, le misure di biosicurezza e le valutazioni del rischio che li informano devono adattarsi. Sono necessari protocolli sofisticati per prevenire la contaminazione biologica degli ambienti extraterrestri dalla Terra e viceversa.

Tali protocolli dovrebbero essere informati dalla ricerca sulle invasioni biologiche – diffusione assistita dall’uomo di organismi in ambienti nuovi – che ha rivelato, tra l’altro, che il rischio di invasione è guidato dalla tempistica e dalla frequenza degli eventi di introduzione, il cui controllo richiede di affrontare attività umane meno sicure associate al trasporto di organismi.

Le contaminazioni da organismi alieni ed i loro impatti sono difficili da prevedere

Questi fenomeni sono governati da dipendenze dal contesto che coinvolgono tratti dell’organismo e dell’ambiente ricevente per cui la diagnosi precoce e la risposta rapida sono cruciali per la prevenzione, ma indebolite da metodi tassonomici che non riescono a riconoscere ciò che è “alieno” rispetto a ciò che è nativo.

La collaborazione tra astrobiologi, biologi dell’invasione e responsabili politici potrebbe migliorare notevolmente i protocolli di biosicurezza planetaria.

Articoli più letti