Marte mostra segni di vita geologica

Fino ad ora, Marte è stato generalmente considerato un pianeta geologicamente morto. Invece, un team internazionale di scienziati riferisce che i segnali sismici indicano che il vulcanismo svolge ancora un ruolo attivo nel plasmare la superficie marziana.

Da quando la missione InSight della NASA ha dispiegato il sismometro SEIS sulla superficie di Marte nel 2018, sismologi e geofisici dell’ETH di Zurigo hanno ascoltato i segnali sismici di oltre 1.300 terremoti.

I ricercatori hanno anche registrato terremoti su Marte sempre più grandi. Un’analisi dettagliata della posizione dei terremoti e del carattere spettrale alla fine ha portato una sorpresa. Con epicentri originari nelle vicinanze del Cerberus Fossae, una regione costituita da una serie di spaccature o graben, questi terremoti raccontano una nuova storia. Una storia che suggerisce che c’è un ruolo ancora attivo svolto dal vulcanismo nel plasmare la superficie marziana.

Marte è vivo

Guidato dall’ETH di Zurigo, un team internazionale di ricercatori ha analizzato un gruppo di oltre 20 recenti terremoti che hanno avuto origine nel sistema Cerberus Fossae graben. Dai dati sismici, gli scienziati hanno concluso che i terremoti a bassa frequenza indicano una fonte potenzialmente calda che potrebbe essere spiegata dall’odierna lava fusa, cioè il magma a quella profondità, e l’attività vulcanica su Marte. In particolare, hanno scoperto che i terremoti si trovano principalmente nella parte più interna di Cerberus Fossae.

Quando hanno scansionato le immagini orbitali osservative della stessa area, hanno notato che gli epicentri si trovavano molto vicino a una struttura che era stata precedentemente descritta come una “giovane fessura vulcanica”. Depositi di polvere più scuri attorno a questa fessura sono presenti non solo nella direzione dominante del vento, ma in tutte le direzioni che circondano l’Unità di Mantellamento Cerberus Fossae.

“L’ombra più scura della polvere indica la prova geologica di un’attività vulcanica più recente – forse negli ultimi 50.000 anni – relativamente giovane, in termini geologici”, ha spiegato Simon Stähler, l’autore principale del documento. Stähler è uno scienziato senior che lavora nel gruppo di sismologia e geodinamica guidato dal professor Domenico Giardini presso l’Istituto di Geofisica, ETH Zurigo.

Perché studiare il prossimo terrestre?

Esplorare i vicini planetari della Terra non è un compito facile. Marte è l’unico pianeta, oltre alla Terra, su cui gli scienziati hanno rover, lander e ora anche droni che trasmettono dati a terra. Finora, tutte le altre esplorazioni planetarie si sono basate su immagini orbitali.

“Il SEIS di InSight è il sismometro più sensibile mai installato su un altro pianeta”, ha affermato Domenico Giardini. “Offre a geofisici e sismologi l’opportunità di lavorare con i dati attuali che mostrano ciò che sta accadendo oggi su Marte, sia in superficie che al suo interno”. I dati sismici, insieme alle immagini orbitali, garantiscono un maggiore grado di confidenza per le inferenze scientifiche.

Marte, uno dei nostri prossimi terrestri più vicini, è importante per comprendere processi geologici simili sulla Terra. Il pianeta rosso è l’unico che conosciamo, finora, che ha una composizione centrale di ferro, nichel e zolfo che un tempo avrebbe potuto supportare un campo magnetico.

Le prove topografiche indicano anche che Marte un tempo conteneva vaste distese d’acqua e forse un’atmosfera più densa. Ancora oggi, gli scienziati hanno appreso che l’acqua ghiacciata, anche se forse per lo più ghiaccio secco, esiste ancora sulle sue calotte polari.

“Anche se c’è molto altro da imparare, le prove del potenziale magma su Marte sono intriganti”, ha dichiarato Anna Mittelholz, Postdoctoral Fellow all’ETH di Zurigo e all’Università di Harvard.

Ultimi resti di vita geofisica

Osservando le immagini del vasto e polveroso paesaggio marziano, è difficile immaginare che circa 3,6 miliardi di anni fa Marte fosse molto vivo, almeno in senso geofisico. Ha vomitato detriti vulcanici per un tempo abbastanza lungo da dare origine alla regione di Tharsis Montes, il più grande sistema vulcanico del nostro sistema solare e l’Olympus Mons, un vulcano quasi tre volte l’altezza del Monte Everest.

Cerberus Fossae nel contesto dei suoi dintorni nella regione Elysium Planitia di Marte vicino all'equatore. Credito: NASA MGS MOLA Science Team
Cerberus Fossae nel contesto dei suoi dintorni nella regione Elysium Planitia di Marte vicino all’equatore. Credito: NASA MGS MOLA Science Team

I terremoti provenienti dal vicino Cerberus Fossae – dal nome di una creatura della mitologia greca conosciuta come il “segugio infernale dell’Ade” che custodisce gli inferi – suggeriscono che Marte non sia ancora del tutto morto. Qui il peso della regione vulcanica sta affondando e formando graben (o spaccature) parallele che separano la crosta di Marte, proprio come le crepe che appaiono sulla parte superiore di una torta durante la cottura.

Secondo Stähler, è possibile che ciò che stiamo vedendo siano gli ultimi resti di questa regione vulcanica un tempo attiva o che il magma si stia spostando proprio ora verso est verso il prossimo luogo di eruzione.

Fonte: Nature Astronomy

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

In Tendenza

Offerte Amazon di oggi: telescopi astronomici super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi voglio proporti i...

Vacanze Sarde: le migliori cose da fare e da vedere a Olbia

Quando si pensa alle vacanze estive, difficilmente non si...

Misteriosa struttura sotterranea Maya scoperta in Messico

Gli archeologi di Campeche, in Messico, hanno trovato una...

Offerte Amazon di oggi: soundbar tv super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi voglio proporti le...

Reti neurali ottiche: più efficienti dal punto di vista energetico

Il Max Planck Institute ha sviluppato un nuovo sistema...

Offerte Amazon di oggi: porte USB per pc super scontate!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

Fusione nucleare: energia del futuro ma non del presente

La fusione nucleare è la fonte di energia più...

Articoli correlati

Popular Categories