Scoperto il buco nero più vicino alla Terra

Gli astronomi hanno scoperto un buco nero da record, in quanto si tratta di quello più vicino alla nostra Terra. La scoperta è avvenuta grazie al telescopio Gemini North alle Hawaii

0
7228
Scoperto il buco nero più vicino alla Terra
Scoperto il buco nero più vicino alla Terra

Gli astronomi hanno scoperto un buco nero da record, in quanto si tratta di quello più vicino alla nostra Terra. La scoperta è avvenuta grazie al telescopio Gemini North alle Hawaii.

I buchi neri sono gli oggetti più estremi dell’universo. Versioni supermassicci di questi oggetti inimmaginabilmente densi probabilmente risiedono al centro di tutte le grandi galassie. I buchi neri di massa stellare, che pesano da cinque a 100 volte la massa del sole, sono molto più comuni, con una stima di 100 milioni nella sola Via Lattea. Solo pochi sono stati confermati fino a oggi, tuttavia e la maggior parte di essi è ancora “attiva”.

Quando un buco nero è attivo?

Un buco nero è attivo quando brilla mentre consuma materiale da una stella vicina, a differenza dei buchi neri dormienti che non lo fanno. Gli astronomi che utilizzano il telescopio Gemini North alle Hawai’i, uno dei telescopi gemelli dell’International Gemini Observatory, gestito dal NOIRLab della NSF, hanno scoperto il buco nero più vicino alla Terra, che i ricercatori hanno soprannominato Gaia BH1.

Questo buco nero dormiente pesa circa 10 volte la massa del Sole e si trova a circa 1.600 anni luce di distanza nella costellazione dell’Ofiuco, il che lo rende tre volte più vicino alla Terra rispetto al precedente detentore del record, un binario di raggi X nella costellazione del Monoceros.

Come è stata possibile la nuova scoperta?

La nuova scoperta è stata resa possibile effettuando squisite osservazioni del movimento della compagna del buco nero, una stella simile al Sole che orbita attorno al buco nero all’incirca alla stessa distanza della Terra rispetto al Sole. “Prendi il sistema solare, metti un buco nero dove si trova il sole e il sole dove si trova la Terra, e otterrai questo sistema”, ha spiegato tramite alcune dichiarazioni da Phys.org, il professor Kareem El-Badry, astrofisico del Center for Astrophysics | Harvard & Smithsonian e il Max Planck Institute for Astronomy e l’autore principale dell’articolo che descrive questa scoperta.

“Sebbene ci siano state molte rilevazioni dichiarate di sistemi come questo, quasi tutte queste scoperte sono state successivamente confutate. Questa è la prima rilevazione inequivocabile di una stella simile al sole in un’ampia orbita attorno a un buco nero di massa stellare nella nostra galassia”.



Quanti buchi neri ci sono nello spazio?

Sebbene ci siano probabilmente milioni di buchi neri di massa stellare che vagano per la Via Lattea, quei pochi che sono stati rilevati sono stati scoperti dalle loro interazioni energetiche con una stella compagna. Quando il materiale di una stella vicina si muove a spirale verso il buco nero, si surriscalda e genera potenti raggi X e getti di materiale.

Se un buco nero non si sta nutrendo attivamente (cioè è dormiente) si fonde semplicemente con l’ambiente circostante. “Ho cercato buchi neri dormienti negli ultimi quattro anni utilizzando un’ampia gamma di set di dati e metodi”, ha affermato Kareem El-Badry. “I miei tentativi precedenti, così come quelli di altri, hanno prodotto un serraglio di sistemi binari mascherati da buchi neri, ma questa è la prima volta che la ricerca ha dato i suoi frutti”.

Anomalie non passate inosservate

Il team ha originariamente identificato il sistema come potenzialmente sede di un buco nero analizzando i dati della navicella spaziale Gaia dell’Agenzia spaziale europea. Gaia ha catturato le minuscole irregolarità nel movimento della stella causate dalla gravità di un oggetto massiccio invisibile.

Per esplorare il sistema in modo più dettagliato, Kareem El-Badry e il suo team si sono rivolti allo strumento Gemini Multi-Object Spectrograph su Gemini North, che ha misurato la velocità della stella compagna mentre orbitava attorno al buco nero e ha fornito una misurazione precisa del suo periodo orbitale.

2