La grotta Saint Marcel era un luogo di navigazione 8.000 anni fa

La grotta Saint Marcel in Francia è uno degli antri più spettacolari al mondo. La zona d’ingresso è stata occupata dall’uomo per millenni, risalenti al Paleolitico medio. C’è tuttavia  molto di più oltre all’ingresso.

grotta Saint Marcel

La storia della grotta Saint Marcel

La grotta si estende per almeno 64 chilometri, una cavità tortuosa e contorta scavata nella crosta terrestre. Il nostro mondo è pieno di buchi affascinanti, pericolosi ma meravigliosi nelle tranquille profondità della crosta.

Esplorare una grotta significa essere a tu per tu con il meraviglioso: un mondo calmo, quasi alieno, molto lontano dalle chiacchiere e dalla frenesia del mondo in superficie. La grotta Saint Marcel è proprio uno di questi luoghi.

A causa della sua lunga storia di insediamenti, la grotta Saint Marcel è di grande interesse per gli antropologi. Ora però gli scienziati guidati dal geomorfologo Jean-Jacques Delannoy del Centro nazionale francese per la ricerca scientifica (CNRS) hanno trovato un enigma. Nel profondo della grotta Saint Marcel, attraverso un percorso pericoloso che comprende pozzi profondi, hanno trovato stalagmiti rotte a più di 1,5 chilometri (0,93 miglia) oltre l’ingresso, suggerendo la presenza di esseri umani – circa 8.000 anni fa.

grotta Saint Marcel

 

Anche per gli standard odierni, che includono dispositivi di sicurezza, apparecchiature sofisticate e illuminazione potente, le fosse sul percorso sono considerate pericolose. Questo solleva la domanda: come facevano gli antichi esseri umani ad accedere al sito e a uscirne di nuovo?

grotta Saint Marcel

Delannoy ha dichiarato: “Questa scoperta e il fatto che le strutture risalgano a circa 8.000 anni fa è eccezionale. Ciò solleva la questione della conoscenza delle caverne in quel periodo preistorico, della loro capacità di esplorare e attraversare i pozzi e della loro padronanza dell’illuminazione”.

La parte della grotta studiata da Delannoy e dai suoi colleghi è nota da tempo, con diverse formazioni rocciose rotte chiamate speleotemi che ricoprono il pavimento. Si tratta di depositi minerali formati dalle acque sotterranee nelle caverne, come le stalagmiti (una formazione rivolta verso l’alto sul pavimento della grotta) e le stalattiti (una formazione pendente verso il basso sul soffitto della grotta).

Antiche tracce di presenza umana

Non è raro che le grotte più famose abbiano concrezioni rotte. Alla fine del XIX secolo, era una cosa normale per gli esploratori e i turisti rompere pezzi di roccia come souvenir o lasciare segni sulle pareti della grotta per commemorare la loro visita.

Si è ipotizzato che gli speleotemi rotti della grotta Saint Marcel fossero opera di tali turisti. Delannoy e i suoi colleghi hanno tuttavia trovato antiche tracce di presenza umana in altre grotte, il che ha sollevato dubbi su quando, esattamente, le rocce della grotta di Saint Marcel siano state studiate.

Fortunatamente, con le rocce, ci sono modi in cui possiamo scoprirlo, e questo è quello che i ricercatori hanno deciso di fare. Le concrezioni si formano da una lunga e continua interazione con l’acqua. È possibile rompere una stalagmite alla radice, ma se l’acqua continua a scorrere e depositare minerali, quella stalagmite ricrescerà.

La scoperta da arte dei ricercatori

I ricercatori hanno esaminato la ricrescita sulle formazioni rotte, ma non è tutto. Hanno anche analizzato i rapporti tra uranio e torio negli speleotemi, una tecnica nota come datazione uranio-torio. E questo lavoro è stato fruttuoso, perché l’uranio è solubile in acqua, ma uno dei suoi prodotti di decadimento, il torio, non lo è, quindi qualsiasi torio presente in un campione è il prodotto di decadimento dell’uranio dopo che il minerale è appunto decaduto.

Poiché il tasso di decadimento dell’uranio in torio è fisso e noto, gli scienziati possono esaminare la quantità di ciascuno di essi nel campione per determinare quanto tempo è trascorso dalla formazione del minerale. Utilizzando queste tecniche, i ricercatori hanno scoperto che gli speleotemi si sono formati per lo più tra 125.000 e 70.000 anni fa.

Il team ha scoperto che la prima punta rotta risale a circa 10.000 anni fa. La più recente risale a circa 3.000 anni fa. È stato tuttavia trovato un altro indizio. Sembra che un gran numero di pezzi rotti siano stati posizionati deliberatamente, creando una struttura nella camera. Questa struttura, hanno scoperto i ricercatori, è stata creata circa 8.000 anni fa.

I ricercatori non hanno dubbi. Gli esseri umani vivevano nella grotta Saint Marcel molto prima di quanto ognuno di noi possa pensare. Qui i nostri antenati navigavano, in qualche modo, nel passaggio oscuro e pericoloso, rompendo le rocce per costruire qualcosa. Il modo in cui lo hanno fatto è per il lavoro futuro.

Depositi di fuliggine sulle pareti della camera potrebbero essere un indizio, se fossero collocati contemporaneamente alla costruzione. La grotta Saint Marcel contiene ancora tanti segreti da svelare e il lavoro dei ricercatori continua.

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Ricerca della vita aliena: in arrivo nuove straordinarie tecnologie

Per più di 60 anni, i ricercatori hanno cercato...

In Tendenza

Scimpanzé: inaspettato come il 14% delle interazioni siano gesti

La comunicazione è una delle caratteristiche più distintive degli...

Per le Olimpiadi 2024, Parigi diventa ecosostenibile

Le Olimpiadi 2024 di Parigi daranno la priorità alla...

Olimpiadi di Parigi 2024: caldo record, atleti a rischio

Le Olimpiadi di Parigi 2024 si stanno avvicinando rapidamente,...

Offerte Amazon di oggi: smartphone super scontati!

Per le offerte Amazon di oggi ho pensato di...

Vita intelligente: 5 ipotesi per rendere chiaro se siamo soli

L’idea che l’umanità possa essere sola nella galassia è...

WorldView Legion: 2 satelliti di categoria superiore

Il 18 luglio 2024, Maxar Intelligence ha rilasciato le...

Flavanoli per controllare la pressione sanguigna naturalmente

Gli alimenti ricchi di flavanoli, come mele, bacche, noci e...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Articoli correlati

Popular Categories