Scoperti in fondo all’oceano alcuni pesci e altre creature dall’aspetto bizzarro

Dai pesci che si muovono su trampoli a creature trasparenti appiattite nella melma; questi strani abitanti degli abissi sono stati scoperti durante lo studio di due nuovi parchi marini situati a 2.500 chilometri al largo della costa occidentale dell'Australia. Un sogno diventato realtà per i biologi marini

0
6371
Scoperte in fondo all'oceano alcuni pesci e altre creature dall'aspetto bizzarro
Scoperte in fondo all'oceano alcuni pesci e altre creature dall'aspetto bizzarro

Dai pesci che si muovono su trampoli a creature trasparenti appiattite nella melma; questi strani abitanti degli abissi sono stati scoperti durante lo studio di due nuovi parchi marini situati a 2.500 chilometri al largo della costa occidentale dell’Australia. Un sogno diventato realtà per i biologi marini.

Anche prima della partenza della spedizione, avvenuta il 30 settembre 2022, Tim O’Hara, curatore senior della sezione dedicata agli invertebrati marini del Museums Victoria (MV), prevedeva che sarebbero state fatte una o due scoperte.

Sappiamo che la regione è ricoperta da enormi montagne sottomarine formate durante l’era dei dinosauri e sappiamo che la regione si trova in un punto critico tra l’Oceano Pacifico e l’Oceano Indiano“, aveva detto O’Hara.

Siamo davvero entusiasti della prospettiva di scoprire nuove specie, forse anche nuovi rami dell’albero della vita, che fino ad ora sono rimasti nascosti sotto le onde in questa regione inesplorata“.

Durante il viaggio verso i territori del nuovo parco marino che proteggeranno 740.000 chilometri quadrati di oceano intorno a Cocos Keeling e alle Isole di Natale, i ricercatori hanno osservato un’incredibile schiera di pesci alati che si lanciavano in aria.

Questi animali rischiano di essere catturati dagli uccelli marini affamati nel loro tentativo di sfuggire a pesci più grandi, ha spiegato il biologo ittico Yi-Kai Tea dell’Australian Museum Research Institute in un post sul blog sul viaggio .



Utilizzando il sonar, i team della nave da ricerca (RV) Investigator hanno mappato il fondale marino in 35 giorni di esplorazione durante il loro viaggio di 13.000 chilometri, scoprendo antiche montagne marine, coni vulcanici, canyon e creste. I vulcani estinti si sono formati da 140 a 50 milioni di anni fa.

Il sonar ha rivelato che le Cocos Keeling Islands erano cime gemelle di un’enorme montagna marina che si ergeva a quasi 5.000 metri dal fondo del mare. È stata inoltre individuata una terza cima sommersa, a 350 metri sotto il livello del mare.

L’equipaggio ha riferito di aver raccolto un grande bottino di specie dopo aver campionato gli habitat con piccole reti a strascico da 60 metri fino a una profondità di 5.500 metri sotto la superficie.

O’Hara stima che fino a un terzo di queste specie possa essere nuovo per la scienza. Ciò include un tipo sconosciuto di anguilla cieca, con la pelle trasparente e appiccicosa.

Pesce dalla lunga pelle trasparente dalla testa grossa con occhi dorati
Un’anguilla cieca. (Ben Healley/Musei Victoria)

Questi pesci hanno occhi davvero ridotti. In effetti, se vedi l’immagine, scoprirai che sono come piccole depressioni dorate nella pelle. Hanno una pelle molto morbida, flaccida e gelatinosa e sono incredibilmente rari“, ha detto all’Australian Broadcasting Corporation Dianne Bray, responsabile delle collezioni senior di MV.

Poi c’è l’adorabile pesce pipistrello d’altura, che sembra un raviolo con le membra e ha un’espressione che sembra dire “per favore amami” sul viso minuscolo. Questa strana piccola creatura si fa strada lungo il fondo del mare su zampe piccole e tozze con grandi “piedi”.

SemiCircleshapedRavioliLikeFishWithLegsAndTail
Pesce pipistrello d’altura. (Ben Healley/Musei Victoria)

Questi sono piccoli parenti della rana pescatrice… hanno una minuscola esca che si trova in una depressione sul muso che possono effettivamente muovere per attirare la preda ed essenzialmente camminano sul fondo con le loro braccia e gambe modificate“, spiega Bray.

Un altro pesce che è stato catturato si ancora a terra con pinne a palafitte bizzarramente allungate, con le quali può librarsi senza sforzo appena sopra il fondo del mare, in attesa di balzare su prede ignare al di sotto.

 

Le squadre hanno anche scoperto un granchio eremita che utilizzava come guscio un corallo zoantide coloniale di acque profonde. Questi coralli molli appiccicosi tendono a incorporare sabbia o altri frammenti di materiale che si trovano in giro per darsi una struttura, compresi i granchi, sembrerebbe.

Fantastici cetrioli di mare, molte stelle marine e molte lumache di mare abitano questa regione, così come molti altri esseri sconosciuti degli abissi.

Quando la nave tornerà sulla terraferma, le creature campionate saranno studiate da tassonomi specializzati in diversi gruppi di animali per confermare la loro identità o descrivere nuove specie, utilizzando il DNA estratto dagli animali come fonte vitale di informazioni.

I risultati della ricerca effettuata in questo viaggio saranno inestimabili per la nostra comprensione degli ambienti di acque profonde dell’Australia e dell’impatto che gli esseri umani stanno avendo su di essi“, ha spiegato Lynley Crosswell, CEO di MV.

2