2.3 C
Rome
venerdì, Dicembre 2, 2022
HomeMisteriRegistrata l'attività cerebrale dei pazienti durante le esperienze di pre morte

Registrata l’attività cerebrale dei pazienti durante le esperienze di pre morte

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Secondo una nuova ricerca guidata da ricercatori della NYU Grossman School of Medicine e altri, circa il 20% delle persone che sopravvivono alla rianimazione cardiopolmonare (RCP) dopo un arresto cardiaco descrivono lucidamente esperienze di premorte avvenute mentre erano apparentemente incoscienti e sull’orlo della morte.

Nello studio sono stati inclusi 567 uomini e donne il cui cuore ha smesso di battere durante il ricovero in ospedale e che hanno ricevuto la RCP tra maggio 2017 e marzo 2020 negli Stati Uniti e nel Regno Unito. Meno del 10% si è ripreso a sufficienza per essere dimesso dall’ospedale nonostante il trattamento immediato.

I sopravvissuti hanno riferito di ricordare lucidamente esperienze uniche, inclusa la percezione della separazione dal corpo e l’osservazione dall’esterno degli eventi senza provare dolore o angoscia. Hanno anche riportato di avere effettuato una valutazione significativa della propria vita, comprese le loro azioni, intenzioni e pensieri verso gli altri. I ricercatori hanno scoperto che queste esperienze di pre morte sono diverse da allucinazioni, sogni, delusioni, illusioni o coscienza indotta dalla RCP.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Nella ricerca sono stati inclusi anche test per l’attività cerebrale nascosta. Una scoperta chiave riguarda la presenza di picchi di attività cerebrale, comprese le cosiddette onde gamma, delta, theta, alfa e beta fino a un’ora dopo la RCP. Alcune di queste onde cerebrali si verificano normalmente quando le persone sono coscienti e svolgono funzioni mentali superiori, tra cui il pensiero, il recupero della memoria e la percezione cosciente.

Queste esperienze che i pazienti ricordano dopo la rianimazione e i cambiamenti delle onde cerebrali possono essere i primi segni della cosiddetta esperienza di pre-morte ed è la prima volta che riusciamo a registrarli in un ampio studio“, afferma Sam Parnia, MD, PhD, ricercatore capo dello studio e medico rianimatore, oltre che professore associato presso il Dipartimento di Medicina della NYU Langone Health, nonché direttore dell’organizzazione per la terapia intensiva e la ricerca sulla rianimazione. “I nostri risultati dimostrano che mentre siamo sull’orlo della morte e in coma, le persone subiscono un’esperienza cosciente interiore unica, inclusa la consapevolezza senza angoscia.

L’identificazione di segni elettrici misurabili di attività cerebrale lucida e intensificata, insieme a storie simili tra loro di esperienze di pre morte ricordate dai pazienti, suggerisce che il senso umano di sé e della coscienza, proprio come altre funzioni del corpo biologico, potrebbe non fermarsi completamente al momento della morte, secondo Parnia.

Queste esperienze lucide non possono essere considerate un trucco di un cervello disordinato o morente, ma piuttosto un’esperienza umana unica che emerge sull’orlo della morte“, afferma Parnia.

Quando il cervello si spegne, molti dei suoi sistemi di inibizione naturali vengono rilasciati. Conosciuto come disinibizione, questo processo fornisce l’accesso alle profondità della coscienza di una persona, inclusi i ricordi immagazzinati, i pensieri dalla prima infanzia alla morte e altri aspetti della realtà. Sebbene nessuno conosca lo scopo evolutivo di questo fenomeno, rivela chiaramente “domande intriganti sulla coscienza umana, anche mentre si muore“, afferma Parnia.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Gli autori dello studio concludono che, sebbene gli studi fino ad oggi non siano stati in grado di provare in modo assoluto la realtà o il significato delle esperienze e delle affermazioni di consapevolezza dei pazienti in relazione alla morte, è impossibile negarle. La conclusione è che l’esperienza ricordata sulla morte meriti un’ulteriore autentica indagine empirica senza pregiudizi.

I ricercatori hanno in programma di presentare i risultati dello studio a un simposio scientifico sulla rianimazione che fa parte delle sessioni scientifiche 2022 dell’American Heart Association che si terrà a Chicago il 6 novembre.

Circa 25 ospedali negli Stati Uniti e nel Regno Unito hanno partecipato allo studio, chiamato AWARE II. Sono stati arruolati solo pazienti ricoverati per standardizzare la RCP e i metodi di rianimazione utilizzati dopo l’arresto cardiaco, nonché le registrazioni dell’attività cerebrale. In questo studio sono state anche esaminate ulteriori testimonianze di 126 sopravvissuti in comunità a un arresto cardiaco con ricordi auto-riferiti per fornire una maggiore comprensione dei temi legati all’esperienza di morte rievocata.

Parnia afferma che sono necessarie ulteriori ricerche per definire con maggiore precisione i biomarcatori di quella che è considerata la coscienza clinica, l’esperienza di morte ricordata dall’uomo e per monitorare gli effetti psicologici a lungo termine della rianimazione dopo l’arresto cardiaco.

Questa presentazione è intitolata “AWAreness during REsuscitation II: a multicenter study of conscious and awareness in heartarre” e sarà presentata durante il simposio scientifico sulla rianimazione alle Scientific Sessions 2022 dell’American Heart Association domenica 6 novembre presso l’Hyatt Hotel Regency Chicago a Chicago.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Articoli più letti