Marte rivela una crosta a strati, come la Terra

La missione InSight della NASA fornisce i primi dati sulla struttura interna di un pianeta diverso dalla Terra

595

La missione InSight della NASA ha finalmente sbirciato all’interno di Marte e ha scoperto che la crosta del pianeta potrebbe essere composta da tre strati. Questa è la prima volta che gli scienziati esplorano direttamente l’interno di un pianeta diverso dalla Terra e questo permetterà ai ricercatori di svelare come si è formato ed è evoluto Marte nel tempo.
Prima di questa missione, i ricercatori avevano misurato solo le strutture interne della Terra e della Luna. “Queste informazioni mancavano, fino ad ora, da Marte“, ha detto Brigitte Knapmeyer-Endrun, sismologa dell’Università di Colonia in Germania, in un discorso preregistrato svolto al meeting virtuale dell’Unione geofisica americana il 15 dicembre.

I ‘Marsquakes’ rivelano la geologia nascosta del pianeta rosso

È una scoperta importante per InSight, che è atterrato su Marte nel novembre 2018 con l’obiettivo di studiare la struttura interna del pianeta 1. Il lander InSight è sceso vicino all’equatore marziano, su una pianura nota come Elysium Planitia e utilizza un sismometro molto sensibile per ascoltare l’energia geologica che pulsa attraverso il pianeta 2. Finora, la missione ha rilevato più di 480 “marremoti”, afferma Bruce Banerdt, ricercatore principale della missione e scienziato del Jet Propulsion Laboratory di Pasadena, in California. Marte è meno attivo sismicamente della Terra, ma più della Luna.
Proprio come fanno con i terremoti sulla Terra, i sismologi stanno usando i terremoti per mappare la struttura interna del pianeta rosso. L’energia sismica viaggia attraverso il suolo in due tipi di onde; misurando le differenze nel modo in cui queste onde si muovono, i ricercatori possono calcolare dove iniziano e finiscono il nucleo, il mantello e la crosta del pianeta e la composizione generale di ciascuno. Questi strati geologici fondamentali rivelano come il pianeta si sia raffreddato e formato, miliardi di anni fa, durante la nascita del Sistema Solare. Ora, “abbiamo dati sufficienti per iniziare a rispondere ad alcune di queste grandi domande“, afferma Banerdt.
La crosta continentale terrestre è generalmente suddivisa in sottolivelli di diversi tipi di roccia. I ricercatori sospettavano, ma non sapevano per certo, che anche la crosta marziana fosse stratificata, afferma Justin Filiberto, geologo planetario presso il Lunar and Planetary Institute di Houston, in Texas. Ora, i dati di InSight mostrano che è composto da due o tre livelli.
Una crosta a tre strati si adatterebbe meglio con i modelli geochimici 3 e gli studi sui meteoriti marziani, afferma Julia Semprich, scienziata planetaria presso la Open University di Milton Keynes, nel Regno Unito.
A seconda che la crosta abbia effettivamente due o tre strati, dovrebbe avere uno spessore di 20 o 37 chilometri, ha detto Knapmeyer-Endrun durante il suo discorso. Lo spessore probabilmente varia in diverse località del pianeta, ma è probabile che in media non superi i 70 chilometri, ha aggiunto. Sulla Terra, lo spessore della crosta varia da circa 5 a 10 chilometri sotto gli oceani, a circa 40-50 chilometri sotto i continenti.
Nei prossimi mesi, gli scienziati di InSight hanno in programma di analizzare misurazioni effettuate ancora più in profondità su Marte, afferma Banerdt, per carpire informazioni sul nucleo e sul mantello del pianeta.
Insieme all’ascolto dei marremoti, l’altro grande obiettivo scientifico di InSight è misurare il flusso di calore attraverso il suolo marziano utilizzando una sonda soprannominata la talpa. Dopo molte difficoltà, la talpa è finalmente riuscita a raggiungere una profondità di diversi centimetri, dice Banerdt, e nelle prossime settimane proverà a scavare un’ultima volta prima di arrendersi. “Faremo un ultimo tentativo”, dice.
doi: https://doi.org/10.1038/d41586-020-03562-0

---L'articolo continua dopo la pubblicità---