Singapore: approvato il consumo di carne di pollo sintetica

A differenza dei prodotti oggi esistenti, che imitano la carne con ingredienti di origine vegetale, la carne coltivata ci fornirà un nuovo modo di consumare proteine animali. Oltre a evitare la macellazione degli animali, la carne coltivata potrebbe essere la chiave per affrontare i problemi di salute pubblica legati al consumo di carni di origine animale

1011

La carne coltivata a partire da cellule animali è stata autorizzata per la prima volta alla vendita. L’approvazione, concessa dalla Singapore Food Agency all’azienda alimentare statunitense Eat Just per i loro “bocconcini di pollo” coltivati, è una svolta per il futuro del consumo della carne.
A differenza dei prodotti oggi esistenti, che imitano la carne con ingredienti di origine vegetale, la carne coltivata ci fornirà un nuovo modo di consumare proteine animali. Oltre a evitare la macellazione degli animali, la carne coltivata potrebbe essere la chiave per affrontare i problemi di salute pubblica legati al consumo di carni di origine animale. La carne sintetica avrebbe inoltre un impatto ambientale minimo rispetto all’impatto ambientale della carne ottenuta in maniera convenzionale.
Sebbene non sia così ecologico come mangiare solo piante, la carne coltivata può essere un modo per saziare il nostro appetito globale di carne animale eliminando tutti i problemi che l’allevamento animale comporta.
La tecnologia è stata sviluppata in diversi anni, con la Nasa che ha sperimentato per la prima volta la carne coltivata nel lontano 2001. Oltre un decennio dopo, nel 2013, gli assaggiatori hanno provato il primo hamburger di carne coltivata al mondo in un evento seguito dalla stampa a Londra. All’epoca la qualità era discutibile: gli assaggiatori dissero che, nonostante un gusto decisamente carnoso, il prodotto mancava di consistenza e soprattutto di grasso, problemi che l’industria sta ancora cercando di risolvere. Forse ancora più importante, i costi eccessivamente alti ponevano la commercializzazione molto lontana nel tempo: all’epoca l’hamburger di carne coltivata costava 280.000 dollari, una cifra decisamente fuori portata.
Gli scienziati da allora hanno fatto passi da gigante nel processo di  trasformazione della carne coltivata. Milioni di dollari sono stati investiti nelle dozzine di startup che si occupano di carne coltivata in Asia, Europa e in America. Gli scienziati hanno superato molte barriere tecniche, dallo sviluppo di linee cellulari, alla raffinazione nei bioreattori fino all’identificazione di un mezzo sostenibile per la crescita della carne. Dopo la notizia dell’approvazione a Singapore, non è improbabile che altri paesi seguano l’esempio: le discussioni normative stanno già bene in corso in Europa e negli Stati Uniti.
Una volta che la carne coltivata sarà approvata e avrà libero accesso al mercato, la prossima grande domanda riguarda i consumatori: chi vorrà mangiare carne coltivata e come convincere più persone ad abbracciare il futuro del cibo? Queste domande sono state l’argomento della ricerca di dottorato di Chris Bryant dell’Università di Bath. I dati lasciano un cauto ottimismo sull’adozione da parte dei consumatori della carne coltivata in laboratorio.
Sebbene la maggior parte delle persone mangi carne, molte non si sentono a proprio agio con il modo in cui gli animali vengono trattati negli allevamenti intensivi e la maggior parte vede il veganismo come uno stile di vita più etico e più rispettoso dell’ambiente.
Questa ambivalenza riguardo al consumo di carne può spiegare l’interesse per la sua controparte coltivata: i sondaggi indicano che più della metà dei consumatori europei e circa due terzi degli americani desidera provare la carne coltivata. In Asia, dove la carne coltivata verrà venduta per la prima volta, l’accettazione da parte del pubblico è ancora più alta.
Non tutti sono d’accordo con il consumo di questo tipo di cibo “sintetizzato in laboratorio”: la ricerca ha scoperto che alcuni consumatori sono preoccupati per la sicurezza alimentare e potrebbero considerare la carne coltivata un pericolo per la salute. Molte di queste paure sembrano essere associate alla neofobia alimentare (paura di nuovi cibi). Tali preoccupazioni sembrano essere più comuni nei consumatori più anziani, meno istruiti e più conservatori. Detto questo, gli studiosi “religiosi” hanno indicato che la carne coltivata potrebbe essere approvata sia come kosher che come halal, indicando un potenziale fascino per i gruppi religiosi.
È improbabile che anche coloro che sono aperti a provare la carne coltivata la adottino, a meno che non sia conveniente e superi l’importantissima prova del gusto. Eat Just ha detto che sebbene il loro primo pollo coltivato nel loro genere sia attualmente un costoso prodotto di fascia alta, è probabile che a nel prossimo futuro la carne coltivata sarà più economica della carne animale tradizionale. I consumatori di Singapore decideranno se i bocconcini di pollo supereranno la prova del gusto, ma le dimostrazioni di Eat Just hanno lasciato i giornalisti impressionati.
È probabile che tutte queste cose migliorino con il tempo. Non solo i prodotti a base di carne coltivata diventeranno migliori e meno costosi con l’avanzare della tecnologia, ma i consumatori probabilmente lo considereranno più accettabile quando questi prodotti diventeranno più familiari. È probabile che l’approvazione da parte della Singapore Food Agency venga vista dai consumatori come un importante segnale di sicurezza e qualità, facendone crescere il consenso.
Inoltre, i dati suggeriscono che la carne coltivata può attrarre i consumatori, cosa che le alternative a base vegetale non riescono a soddisfare. Coloro che consumano alternative di carne a base vegetale hanno maggiori probabilità di essere donne e probabilmente hanno già tendenze alla riduzione della carne. Al contrario, la carne coltivata tende ad attrarre di più gli uomini, specialmente i mangiatori di carne più assidui.
Mentre alcuni possono vedere la carne coltivata come innaturale, i più grandi amanti della carne sono generalmente i più entusiasti di provarla. La tecnologia, quindi, ha il potenziale per ridurre sostanzialmente la domanda di carne convenzionale, forse molto più della carne di origine vegetale.
Sarà fondamentale ottenere il prezzo e il gusto giusti per favorire l’accettazione da parte dei consumatori di carne coltivata. Esiste un certo livello di neofobia alimentare e non tutti saranno tra i primi ad adottare, ma l’accettazione della carne coltivata probabilmente aumenterà inesorabilmente con il tempo e con l’aumentare della familiarità dei prodotti che miglioreranno e saranno più abbordabili economicamente.
La scienza della carne coltivata ha fatto passi da gigante negli ultimi dieci anni, dalla prova del concetto all’approvazione per la vendita al pubblico. L’approvazione è un’importante pietra miliare per la tecnologia e un importante segnale al mondo che la carne coltivata non è solo sicura, ma fattibile e potrebbe svolgere un ruolo importante nel futuro dell’alimentazione umana.
Fonte: https://theconversation.com/singapore-approves-cell-cultured-chicken-bites-who-will-be-the-first-to-try-them-151388