spot_img
Home Alimentazione e Salute L’abitudine di fare brevi sonnellini regolari potrebbe ridurre il rischio di demenza

L’abitudine di fare brevi sonnellini regolari potrebbe ridurre il rischio di demenza

Sonnellini regolari e brevi mantengono il nostro cervello giovane preservandone il volume, una qualità legata a funzioni cognitive sane e un minor rischio di demenza e altre malattie

0
218
Brevi sonnellini regolari potrebbero ridurre il rischio di demenza
Brevi sonnellini regolari potrebbero ridurre il rischio di demenza

Sonnellini regolari e brevi mantengono il nostro cervello giovane preservandone il volume, una qualità legata a funzioni cognitive sane e un minor rischio di demenza e altre malattie.

Ricercatori provenienti da Stati Uniti, Regno Unito e Uruguay hanno analizzato i dati di 378.932 persone di età compresa tra 40 e 69 anni per vedere come se la cavano riguardo la demenza le persone capaci di schiacciare regolari pisolini rispetto a persone non hanno questa capacità.

A quanto pare, le persone capaci di regolari sonnellini sembrano mantenere cervelli più grandi. “Il nostro studio indica un nesso causale tra il sonnellino abituale e un volume cerebrale totale maggiore“, afferma l’autrice principale Valentina Paz, neuroscienziata dell’University College di Londra (UCL).

Precedenti ricerche su adulti di età superiore ai 65 anni suggeriscono che il sonnellino diurno migliora la cognizione a breve termine, con le persone capaci di fare sonnellini in grado di ottenere risultati migliori nei test cognitivi. Il nuovo studio non ha registrato la durata del pisolino, ma studi precedenti suggeriscono che i pisolini inferiori a 30 minuti siano i migliori, in quanto hanno meno probabilità di influenzare il sonno notturno.

Il tempo di risposta e la memoria diminuiscono maggiormente durante l’invecchiamento e il deterioramento cognitivo è comune negli anziani, quindi Paz e i suoi colleghi affermano che l’identificazione di fattori di rischio modificabili come i modelli di sonno è importante.

L’associazione tra pisolino e volume cerebrale non è ben caratterizzata“, scrive il team nell’articolo, “anche se quasi un terzo degli anziani fa un pisolino e le riduzioni del volume cerebrale sono più comuni negli anziani“.



Uno degli autori dell’articolo ha condotto uno studio precedente che utilizzava i dati della Biobanca del Regno Unito sui sonnellini auto-riferiti per identificare le varianti genetiche che influenzano la nostra propensione al pisolino. Sensori indossati al polso registravano le misurazioni dell’attività fisica per verificare i dati auto-segnalati.

La nuova ricerca ha analizzato gli esiti sanitari e cognitivi per le persone portatrici di queste varianti genetiche, oltre a diversi sottoinsiemi, ma soprattutto i dati sono stati adattati per evitare potenziali pregiudizi. Ad esempio, i ricercatori non hanno considerato le persone portatrici di una variante legata all’eccessiva sonnolenza diurna.

I dati genetici e le scansioni cerebrali erano disponibili per 35.080 individui, quindi i ricercatori hanno esaminato il volume del cervello e 92 sezioni di DNA che sono state collegate alla propensione per i regolari kips diurni e hanno eseguito l’analisi utilizzando la randomizzazione mendeliana.

Questo approccio può aiutare a guidare le decisioni mediche, di salute pubblica e genetiche identificando i geni già noti per avere qualche effetto sulla salute, consentendo al ricercatore di identificare altri effetti che potrebbero essere influenti negli studi osservazionali. Utilizzato in questo contesto, lo strumento analitico aiuta a ridurre i potenziali pregiudizi derivanti da altre associazioni tra sonnellini e benefici per la salute.

Questo è il primo studio che tenta di districare la relazione causale tra il pisolino diurno abituale e gli esiti cerebrali cognitivi e strutturali“, afferma Paz.

Nelle autovalutazioni, il 57% delle persone ha dichiarato di non aver “mai” o “raramente” fatto un pisolino durante il giorno, mentre il 38% ha affermato di averlo fatto “a volte” e il 5% “di farlo abitualmente”.

Ma “abitualmente” i pisolini di mezzogiorno avevano fattori che potevano influenzare la salute se non presi in considerazione, come l’età avanzata, il fumo, il diabete e le malattie cardiovascolari.

Osservando i geni impostati alla nascita, la randomizzazione mendeliana evita i fattori di confusione che si verificano durante la vita che possono influenzare le associazioni tra sonnellini e risultati sulla salute“. Spiega Paz.

La randomizzazione mendeliana ha scoperto che le persone predisposte al sonnellino avevano cervelli “più giovani” quando si trattava di volume del cervello come misura dell’età. I cervelli delle persone portate al sonnellino diurno erano in media più grandi di 15,8 centimetri cubi e la differenza media stimata nel volume del cervello era equivalente a un invecchiamento compreso tra 2,6 e 6,5 anni.

Per alcune persone, i brevi sonnellini diurni possono essere una parte del puzzle che potrebbe aiutare a preservare la salute del cervello durante l’invecchiamento“, afferma l’autrice senior Victoria Garfield, epidemiologa genetica presso l’UCL.

Naturalmente, il volume totale del cervello è solo un’associazione e i ricercatori affermano che sorprendentemente non hanno trovato alcuna differenzain altre tre misure: volume dell’ippocampo (un’area del cervello fondamentale per la formazione della memoria), tempo di reazione, o elaborazione visiva.

Sebbene questo sia uno studio ben condotto, ha dei limiti“, afferma la neuroscienziata Tara Spires-Jones dell’Università di Edimburgo, che non è stata coinvolta nella ricerca. “Anche con queste limitazioni“, aggiunge Spires-Jones, “questo studio è interessante perché si aggiunge ai dati che indicano che il sonno è importante per la salute del cervello“.

Gli autori hanno riconosciuto che tutti i partecipanti allo studio erano di origine bianca europea, il che limita la generalizzabilità dei risultati dello studio, e suggeriscono che studi futuri dovrebbero indagare anche su altri gruppi di età, utilizzando studi di controllo randomizzati. L’autosegnalazione è un’altra limitazione, sebbene il pisolino sia difficile da misurare in altri modi e i dati corrispondenti del sensore del polso aumentano la fiducia del team nell’accuratezza dei rapporti.

Tuttavia, saperne di più sull’impatto del pisolino sul cervello è particolarmente utile per aiutare la prevenzione e il trattamento del deterioramento cognitivo nella popolazione che invecchia. “Spero che studi come questo che mostrano i benefici per la salute dei pisolini brevi possano aiutare a ridurre lo stigma che esiste ancora intorno al pisolino diurno“, conclude Garfield.

Lo studio è stato pubblicato su Sleep Health.

2