Scoperto frammento sconosciuto del Nuovo Testamento

Il frammento fornisce una finestra precedentemente sconosciuta sulla primissima fase dei Vangeli

0
3823
Scoperto frammento del Nuovo Testamento di 1.750 anni
Scoperto frammento del Nuovo Testamento di 1.750 anni

Grigory Kesse, un medievalista dell’Accademia austriaca delle scienze (OeAW) ha recentemente scoperto una sezione perduta della Bibbia, un piccolo frammento manoscritto della traduzione siriaca, scritto nel III secolo e copiato nel VI secolo, è uno dei primi testimoni testuali dei Vangeli e un elemento cruciale della storia del Nuovo Testamento.

Circa 1.300 anni fa uno scriba in Palestina prese un libro dei Vangeli su cui era inciso un testo siriaco e lo cancellò. La pergamena non era molto diffusa nel deserto nel Medioevo, quindi i manoscritti venivano spesso cancellati e riutilizzati.

Uno dei frammenti più antichi che testimonia l’antica versione siriana

“La tradizione del cristianesimo siriaco conosce diverse traduzioni dell’Antico e del Nuovo Testamento”, ha affermato il medievalista Grigory Kessel. “Fino a poco tempo fa, si sapeva che solo due manoscritti contenevano la traduzione in antico siriaco dei vangeli”. Mentre uno di questi è ora conservato nella British Library di Londra, un altro è stato scoperto come palinsesto nel monastero di Santa Caterina sul Monte Sinai. I frammenti del terzo manoscritto sono stati recentemente individuati nel corso del “Sinai Palimpsests Project”.

Il piccolo frammento manoscritto, che oggi può essere considerato come il quarto testimone testuale, è stato identificato da Grigory Kessel utilizzando la fotografia ultravioletta come il terzo strato di testo, cioè il doppio palinsesto, nel manoscritto della Biblioteca Vaticana. Il frammento è finora l’unico residuo noto del quarto manoscritto che attesta la versione in antico siriaco e offre un accesso unico alla primissima fase della storia della trasmissione testuale dei Vangeli.

Il frammento della traduzione siriaca del Nuovo Testamento sotto la luce UV Crediti: Biblioteca Vaticana
Il frammento della traduzione siriaca del Nuovo Testamento sotto la luce UV Crediti: Biblioteca Vaticana

Cosa dice?

Mentre l’originale greco di Matteo capitolo 12, versetto 1 dice: “In quel tempo Gesù passò tra i campi di grano nel giorno di sabato; e i suoi discepoli ebbero fame e cominciarono a cogliere delle spighe e a mangiarle”, la traduzione siriaca dice, “cominciò a raccogliere le spighe di grano a strofinarle tra le mani e a mangiarle”.

Claudia Rapp, direttrice dell’Institute for Medieval Research presso l’OeAW, ha dichiarato: “Grigory Kessel ha fatto una grande scoperta grazie alla sua profonda conoscenza degli antichi testi siriaci e delle caratteristiche della scrittura”. La traduzione siriaca è stata scritta almeno un secolo prima dei più antichi manoscritti greci sopravvissuti, compreso il Codex Sinaiticus. I primi manoscritti sopravvissuti con questa traduzione siriaca risalgono al VI secolo e sono conservati negli strati cancellati, i cosiddetti palinsesti, di fogli di pergamena appena scritti.



“Questa scoperta dimostra quanto possa essere produttiva e importante l’interazione tra le moderne tecnologie digitali e la ricerca di base quando si tratta di un manoscritto medievale”, ha affermato Claudia Rapp.

Estratto dello studio:

I.V.A. iber. 4, un membrum disjectum del manoscritto Sin. geo. 49, contiene su due dei suoi fogli il testo del Vangelo siriaco come lo strato più basso (scriptio ima) all’interno di un doppio palinsesto. Il confronto con le versioni siriache conosciute del testo esistente – Matt 11.30–12.26 – mostra che il testo rappresenta la versione siriaca antica ed è particolarmente simile al Curetonianus (Syc). Per motivi paleografici, il manoscritto evangelico originale è databile alla prima metà del VI secolo. Il frammento è finora l’unica traccia conosciuta del quarto manoscritto testimone della versione in antico siriaco.

Fonte: New Testament Studies

2