Mar Rosso: i fondali nascondono le “pozze della morte”

Gli scienziati che hanno esplorato il Mar Rosso hanno fatto una scoperta inquietante quando hanno finalmente raggiunto il fondo

2
134
Mar Rosso

Gli scienziati che hanno esplorato il Mar Rosso hanno fatto una scoperta inquietante quando hanno finalmente raggiunto il fondo.

Situato tra l’Africa e la penisola arabica, il Mar Rosso ospita un ecosistema fertile e affascinante. È anche una rotta marittima incredibilmente trafficata, con tutto il traffico che attraversa il Canale di Suez.

Mar Rosso

Le pozze della morte del Mar Rosso

Il nome del Mar Rosso deriva dalle fioriture rosse stagionali delle alghe che cambiano l’acqua dal suo solito colore blu-verde al rosso. Immergendosi più in profondità gli scienziati sono riusciti a trovare “pozze della morte” sul fondo del mare, così chiamate perché sono zone prive di ossigeno, il che significa che qualsiasi animale abbastanza sfortunato da avventurarsi nelle vicinanze viene stordito e ucciso.

Mar Rosso



Tutto ciò che riesce a essere stordito ma non ucciso verrà catturato da predatori opportunisti che si annidano nelle vicinanze per “nutrirsi degli sfortunati”. Questo non vuol dire che non ci sia nulla all’interno delle “pozze della morte”, che ospitano “microrganismi estremofili” che possano sopravvivere laggiù dove poco altro può farlo.

Lo studio delle pozze di morte del Mar Rosso può aiutare a capire come è iniziata la vita sulla Terra e persino il potenziale per la vita su altri pianeti. Sam Purkis, professore e presidente del Dipartimento di geoscienze marine dell’Università di Miami , ha dichiarato: “La nostra attuale comprensione è che la vita ha avuto origine sulla Terra nelle profondità del mare, quasi certamente in condizioni anossiche, senza ossigeno”.

Lo studio

Lo studio di questa comunità permette quindi di dare uno sguardo al tipo di condizioni in cui la vita è apparsa per la prima volta sul nostro pianeta, e potrebbe guidare la ricerca della vita su altri ‘mondi acquatici’ nel nostro sistema solare e oltre“.

Il fatto che i soliti animali che si trovano sul fondo del mare, come gamberetti, vermi e molluschi, non possano sopravvivere nelle pozze del Mar Rosso significa che rimangono insolitamente incontaminati.

Mar Rosso

Di solito, questi animali bioturbano o agitano il fondale marino, disturbando i sedimenti che vi si accumulano“, ha aggiunto Purkis:”Non è così con le pozze di acqua salata. Nel Mar Rosso, tutti gli strati sedimentari che si depositano sul letto della vasca di acqua salata rimangono intatti”.

Questo significa che i ricercatori hanno anche potuto utilizzare le loro scoperte per imparare di più su tsunami e terremoti. Le nuove pozze di acqua salata: “Rappresentano una documentazione ininterrotta delle precipitazioni passate nella regione, che risale a più di 1.000 anni fa, oltre alle registrazioni di terremoti e tsunami“.

Le loro scoperte hanno suggerito che negli ultimi 1.000 anni, grandi inondazioni dovute a forti piogge si sono verificate circa una volta ogni 25 anni, e gli tsunami si verificano circa una volta ogni 100 anni.

Il Mar Rosso

Il Mar Rosso è lungo 2.350 km e largo 350 km e raggiunge una profondità di 3.000 metri nella zona centrale e di 600-800 metri vicino alla barriera corallina. In corrispondenza del Golfo di Suez e dello stretto di Bab el Mandab la profondità varia dai 60 ai 100 metri.

Mar Rosso

La maggior parte degli scienziati e degli storici hanno fatto ricerche accurate e hanno scoperto che all’interno del Mar Rosso erano custoditi relitti danneggiati durante la seconda guerra mondiale e ci sono monumenti lasciati sotto il mare e hanno affermato che il Mar Rosso è considerato una parte che separa il continente africano e Asia.

Secondo ricerche e statistiche si dice che il Mar Rosso è così chiamato perché al suo interno non si trovano vari tipi di pesci rari, in nessun mare, e per la presenza della coloratissima barriera corallina e per la vicinanza delle montagne rosse che sono chiamate le montagne di Adom che riflettono il colore rosso verso il mare in particolare Hurghada e Sharm El Sheikh e Marsa Alam e Dahab.

2