Scoperto fossile di aracnide spinoso di 308 milioni di anni

Un fossile di aracnide spinoso (Douglassarachne acanthopoda) recentemente scoperto è caratterizzato da una lunghezza del corpo di circa 1,5 centimetri ed è caratterizzato da zampe robuste e spinose, tanto che lo rendono abbastanza diverso da qualsiasi altro aracnide conosciuto, vivente o estinto

0
244
fossile di aracnide spinoso

Un fossile di aracnide spinoso (Douglassarachne acanthopoda) recentemente scoperto, è stato descritto in un nuovo studio sviluppato in collaborazione da Paul Selden dell’Università del Kansas e dal Museo di storia naturale di Londra e Jason Dunlop del Museum für Naturkunde di Berlino.

fossile di aracnide spinoso
Fossile di aracnide spinoso.

Le origini del fossile di aracnide spinoso

“Il fossile di aracnide spinoso proviene dalla località di Mazon Creek nell’Illinois e ha circa 308 milioni di anni“, ha detto l’autore principale Selde: “Questo aracnide ha una lunghezza del corpo di circa 1,5 centimetri ed è caratterizzato da zampe robuste e spinose, tanto che lo rendono abbastanza diverso da qualsiasi altro aracnide conosciuto, vivente o estinto“.

Il ricercatore della KU ha affermato che le misure del C14 del carbonifero sono un’importante fonte di informazioni per gli aracnidi fossili, poiché rappresentano la prima volta nella storia della Terra in cui la maggior parte dei gruppi viventi di aracnidi si sono riuniti insieme. Eppure la fauna era ancora molto diversa da quella odierna.

fossile di aracnide spinoso

I ragni erano un gruppo piuttosto raro, conosciuto a quel tempo solo da lignaggi primitivi, e condividevano questi ecosistemi con vari aracnidi che si sono estinti da tempo“, ha spiegato il coautore Dunlop.



Il fossile di aracnide spinoso è un esempio particolarmente impressionante di una di queste forme estinte. Le zampe molto spinose del fossile appunto ricordano quelle di alcuni moderni mietitori, ma la sua pianta corporea è molto diversa da quella di un mietitore o di qualsiasi altro gruppo di aracnidi conosciuto“.

Questo ha portato i due scienziati a concludere che il fossile di aracnide spinoso non appartiene a nessuno degli ordini di aracnidi conosciuti.

Lo studio

Sfortunatamente, dettagli come l’apparato boccale non possono essere visti, il che rende difficile dire esattamente quale gruppo di aracnidi sia il suo parente più stretto“, ha spiegato Selden: “Il fossile di aracnide spinoso potrebbe appartenere a un gruppo più ampio, che comprende ragni, ragni frusta e scorpioni frusta. Qualunque siano le sue affinità evolutive, questi aracnidi spinosi sembrano provenire da un’epoca in cui gli aracnidi stavano sperimentando una serie di diverse metamorfosi corporee“.

Alcuni di questi in seguito si sono estinti, forse durante il cosiddetto ‘Crollo della foresta pluviale carbonifera’, un periodo poco dopo l’era di Mazon Creek, quando le foreste di carbone hanno iniziato a frammentarsi e a morire. O forse questi strani aracnidi sono riusciti a sopravvivere sino all’estinzione di massa del Permiano?“.

fossile di aracnide spinoso

Secondo il team, la località fossile di Mazon Creek è una delle finestre più importanti sulla vita nel tardo Carbonifero, producendo una vasta gamma di piante e animali affascinanti. Il fossile di aracnide spinoso è stato scoperto in una concrezione di argilla e pietra ferrosa negli anni ’80 da Bob Masek e successivamente acquisito dalla Collezione David e Sandra Douglass ed esposto nel loro Museo della vita preistorica.

Il nome del fossile di aracnide spinoso “Douglassarachne” è un riconoscimento alla famiglia Douglass, che ha gentilmente donato l’esemplare al Field Museum of Natural History di Chicago per studi scientifici una volta diventato evidente che rappresentava una specie non descritta “, ha aggiunto Dunlop: “Quindi, acanthopoda si riferisce alle zampe spinose, uniche e caratteristiche dell’animale”.

Conclusioni

Un’ulteriore possibilità è che il fossile di aracnide spinoso appartenga al più ampio lignaggio Pantetrapulmonata, sensu Shultz (Riferimento Shultz2007 ). Si tratta essenzialmente dei ragni e dei loro parenti più stretti che sono caratterizzati da un restringimento della regione tra il prosoma e l’opistosoma, che è piuttosto estremo in gruppi come i ragni e i ragni frusta.

fossile di aracnide spinoso

I’esemplare in questione mostra una chiara disconformità tra il bordo posteriore procurvo del carapace e i tergiti opistosomiali più diritti, il che suggerisce un accoppiamento relativamente distinto, forse stretto, del prosoma e dell’opistosoma, e possibilmente un certo telescopico dei tergiti sotto la parte posteriore del carapace.

Anche la serie relativamente indifferenziata di tergiti opistosomiali e un piccolo postaaddome/pigidio sul retro dell’opistosoma sarebbero tipici di questo insieme di aracnidi. Se i tergiti fossero divisi in placche mediane e laterali ciò farebbe pensare all’estinto ordine degli aracnidi Trigonotarbida, sebbene questo carattere sia riscontrabile anche nei Ricinulei.

Lo studio è stato pubblicato sul Journal of Paleontology.

2