Una foresta pluviale nell’Antartide dei dinosauri

Un antico nucleo di sedimenti vecchio di 90 milioni di anni, risalente al Cretaceo ci ha rivelato uno scenario sorprendente: foglie, pollini e spore, una scoperta che ci mostra un'antica foresta pluviale risalente all'epoca in cui i dinosauri dominavano la Terra.

6700

Il passato del Polo Sud potrebbe rappresentare uno sguardo sul suo futuro?
Un antico nucleo di sedimenti vecchio di 90 milioni di anni, risalente al Cretaceo ci ha rivelato uno scenario sorprendente: foglie, pollini e spore, una scoperta che ci mostra un’antica foresta pluviale risalente all’epoca in cui i dinosauri dominavano la Terra.
“Attraverso il nucleo dei sedimenti possiamo ricostruire una visione attendibile davvero interessante di cosa c’era in quel punto”, ha spiegato Karsten Gohl, dell’Helmholtz Institute for Polar and Marine Research (AWI) Alfred Wegener Institute, che ha guidato la spedizione. “È come se fossimo penetrati in un moderno ambiente paludoso e ne stessimo studiando il sistema radicale vivente, le piccole particelle di piante e il polline – ma questo è tutto preservato da 90 milioni di anni fa. È fantastico“.
L’immagine di questa antica foresta pluviale antartica ci permette di studiare gli ecosistemi del cretaceo in questa parte del nostro pianeta, a meno di 800 chilometri dal Polo Sud, quando il clima era più caldo e il livello del mare, a livello globale, era di oltre 100 metri più alto di oggi.
Come dice l’autore principale, il geologo Johann Klages, la vegetazione doveva essere stata piuttosto speciale perché, essendo così a sud, avrebbe dovuto sopportare 3-4 mesi di oscurità polare. “Probabilmente queste piante, avevano un modo molto efficace di spegnersi per un periodo di tempo molto più lungo e poi riprendersi al ritorno della luce solare“, ha ipotizzato. “È un adattamento piuttosto interessante, attualmente non presente in nessuna specie vegetale ma che potrebbe ripresentarsi in caso di necessità“, ha spiegato in un’intervista a BBC News.
Dame Jane Francis, Direttrice del British Antarctic Survey, la cui ricerca si concentra sulla comprensione dei cambiamenti climatici passati durante l’alternanza di effetti serra ed ere glaciali, in particolare nelle regioni polari, le aree sulla Terra più sensibili ai cambiamenti climatici, afferma che ci sono stati diversi periodi nella storia della Terra durante i quali i grandi ghiacciai dell’Antartide erano completamente assenti.
Questo studio fondamentale, afferma, rappresenta la prima prova della presenza di foreste cretacee così vicine al Polo Sud – a soli 900 km di distanza. “E, sì, probabilmente c’erano dei dinosauri nelle foreste“, aggiunge. “Sulla punta della penisola antartica è possibile trovare tutta una serie di fossili – cose come adrosauri e sauropodi e primitivi dinosauri simili a uccelli. L’intera gamma di dinosauri che visse nel resto del mondo riuscì a scendere in Antartide durante il Cretaceo”.
La foresta pluviale perduta dei dinosauri dell'Antartide - "Avvolta nelle tenebre 90 milioni di anni fa"
Per mantenere questo ecosistema, i gas serra nell’atmosfera – come l’anidride carbonica – devono essere stati almeno tre o quattro volte i livelli attuali. Se oggi la concentrazione di CO2 nell’atmosfera è appena sopra le 400 parti per milione (ppm), all’epoca la concentrazione doveva essere superiore a 1.000 ppm e forse fino a 1.600 ppm.
Il mondo era un posto diverso e le differenze climatiche rispetto ad oggi erano rilevanti“, ha osservato il geofisico marino, co-autore dello studio, Dr. Robert Larter. “In particolare, le posizioni dei continenti e i modelli delle correnti oceaniche erano diversi. Tuttavia, non vi è dubbio che il fattore più importante che ha portato a un clima così caldo sono stati i livelli estremamente elevati di CO2 nell’atmosfera in quel momento. Vale la pena notare che se l’attuale tasso di aumento di CO2 continua a crescere ai ritmi attuali (aumento di 44 ppm negli ultimi 20 anni), raggiungeremo un livello di CO2 superiore a 1.000 ppm in meno di 300 anni“.
Durante la spedizione nel Continente Bianco, riferisce Becky Ferreira per Motherboard Science, le calotte di ghiaccio dell’isola vicina iniziarono ad avanzare verso il sito in fase di campionamento, minacciando di tagliare il cavo tra il trapano e la nave. Prima di evacuare l’area per evitare la perdita di attrezzature costose, Klages e i suoi colleghi hanno deciso di prendere un ultimo nucleo di tre metri. A differenza dell’arenaria di colore chiaro, questo nucleo era scuro, suggerendo che fosse ricco di materiali organici. “Siamo abbastanza fiduciosi ora nel dire che in quell’epoca non c’era ghiaccio, che l’Antartide era completamente vegetata e che c’erano concentrazioni molto elevate di CO2 nell’atmosfera“.
Klages e i suoi colleghi hanno simulato cosa accadrebbe se l’atmosfera attuale raggiungesse gli stessi livelli di CO2 del cretaceo e hanno scoperto che: “La presenza di una calotta glaciale fa una differenza enorme, anche se si hanno concentrazioni di CO2 molto elevate“, questo perché le calotte polari hanno una grande capacità di riflettere la luce solare, evitando che le temperature a livello globale si alzino troppo. “Questo ci dice che è davvero importante per noi capire come preservare le calotte glaciali“.
Dobbiamo esaminare questi climi estremi che si sono succeduti sul pianeta, perché ci mostrano come si presenta l’effetto serra“, ha concluso. “Dobbiamo impegnarci molto a studiare e capire, perché rischiamo di ritrovarci, tra non molto tempo, in una situazione che non saremo più in grado di controllare”.
Fonti: NatureMotherboard Science e BBC News.