Juno ha ripreso un oggetto misterioso vicino Giove

Juno ha catturato alcune misteriose, ma al contempo interessanti, immagini accanto alla grande macchia rossa di Giove

0
6718
Juno

Il 15 maggio 2024, la navicella spaziale Juno della NASA ha catturato immagini interessanti di un oggetto misterioso vicino alla Grande Macchia Rossa di Giove.

Questo fenomeno, osservato nell’ultimo sorvolo della sonda, si aggiunge al crescente corpus di conoscenze sulla dinamica atmosferica del gigante gassoso.

Juno

Dettagli sulla scoperta di Juno

Durante il suo 51esimo passaggio ravvicinato, la JunoCam di Juno ha registrato un’inspiegabile struttura ovale bianca vicino alla Grande Macchia Rossa di Giove. Gli scienziati hanno ipotizzato che questo potrebbe trattarsi della formazione di un nuovo ciclone, un evento non nuovo nell’atmosfera del pianeta.

Juno



La missione in corso

Lanciata nel 2011, Juno mira a studiare la composizione di Giove, il campo gravitazionale, il campo magnetico e la magnetosfera polare. La missione cerca di scoprire le origini del pianeta e la sua atmosfera profonda, fornendo informazioni sulle sue enormi tempeste e sulle sue caratteristiche uniche.

Juno

L’aspetto di questo ovale bianco potrebbe offrire nuovi dati sui processi atmosferici. Il monitoraggio continuo di Juno ha aiutato gli scienziati a comprendere il clima del pianeta e ha contribuito a una ricerca più ampia sui pianeti gassosi giganti nel nostro Sistema Solare e oltre.

Juno

La NASA ha previsto di analizzare ulteriormente queste immagini, utilizzando potenzialmente gli altri strumenti di Juno per raccogliere maggiori informazioni. I risultati probabilmente influenzeranno le missioni future e miglioreranno la nostra comprensione dell’atmosfera complessa e in continua evoluzione di Giove. Queste scoperte hanno evidenziato l’importanza continua dell’esplorazione spaziale e il ruolo di missioni come Juno nell’espansione della nostra conoscenza dell’universo.

Che cos’è la Grande Macchia rossa di Giove?

Dato che l’abbiamo nominata, crediamo opportuno dare alcune informazioni circa la Grande Macchia Rossa di Giove. Si tratta di una delle caratteristiche più affascinanti e misteriose del nostro sistema solare. Questo colossale vortice atmosferico ha affascinato astronomi e scienziati per secoli, sin dalla sua prima osservazione nel XVII secolo. 

La prima documentazione della Grande Macchia Rossa risale al 1665, quando l’astronomo italiano Giovanni Cassini ha descritto un’enorme tempesta su Giove. Ci sono, tuttavia, dibattiti sul fatto che quella osservazione corrisponda all’attuale macchia, poiché le tempeste su Giove possono durare per decenni ma anche scomparire. Le osservazioni sistematiche sono iniziate nel XIX secolo, quando telescopi più avanzati hanno permesso agli astronomi di seguire con maggiore precisione i dettagli atmosferici del pianeta gassoso.

La Grande Macchia Rossa è un anticiclone, una tempesta che ruota in senso antiorario nell’emisfero sud di Giove. Le sue dimensioni sono impressionanti: attualmente misura circa 16.350 chilometri di larghezza, abbastanza grande da contenere tre pianeti Terra affiancati. Le dimensioni della macchia non sono però costanti. Studi recenti hanno mostrato una riduzione significativa nel corso degli ultimi decenni. Nel 1880, la macchia era larga circa 40.000 chilometri, ma da allora ha continuato a ridursi.

La composizione esatta della Grande Macchia Rossa è ancora un argomento di ricerca. La sua colorazione distintiva, che varia dal rosso intenso all’arancione, potrebbe essere dovuta alla presenza di composti chimici come il fosforo, lo zolfo e composti organici complessi, che si trovano nell’atmosfera superiore di Giove e reagiscono sotto l’influenza della radiazione ultravioletta del Sole. Alcuni scienziati hanno suggerito che la colorazione potrebbe essere dovuta a reazioni chimiche che avvengono nelle nubi di ammoniaca e idrosolfuro di ammonio.

La dinamica atmosferica di Giove è estremamente complessa. La Grande Macchia Rossa è sostenuta da forti venti che raggiungono velocità di 432 km/h. La tempesta è confinata da due correnti a getto che si muovono in direzioni opposte, una verso nord e una verso sud. Questo confinamento crea una sorta di “recinto” che mantiene la tempesta in una posizione relativamente stabile nonostante la turbolenta atmosfera del pianeta.

Le teorie sulla formazione della Grande Macchia Rossa sono molteplici. Una delle ipotesi più accreditate suggerisce che la macchia sia stata generata da instabilità barocline nell’atmosfera di Giove, una situazione in cui variazioni di temperatura e pressione creano vortici. Altre teorie indicano che potrebbe trattarsi di un fenomeno simile ai vortici polari terrestri, ma su scala molto più grande.

Negli ultimi decenni, la Grande Macchia Rossa ha mostrato segni di cambiamento. La sua riduzione in termini di dimensioni è stata monitorata da varie missioni spaziali e osservatori terrestri. La sonda Voyager della NASA, che ha sorvolato Giove nel 1979, ha fornito le prime immagini ravvicinate della macchia. Più recentemente, la missione Juno, lanciata nel 2011, ha fornito dati dettagliati sull’atmosfera del pianeta e sulla struttura interna della tempesta. I dati di Juno hanno rivelato che la macchia si estende per circa 300 chilometri di profondità nell’atmosfera del gigante gassoso, suggerendo che la tempesta sia molto più radicata di quanto si possa pensare.

La comprensione della Grande Macchia Rossa è fondamentale per la meteorologia planetaria e per la comprensione delle dinamiche atmosferiche su scala globale. Studiare questa tempesta ci aiuta a comprendere non solo l’atmosfera di Giove, ma anche i processi atmosferici di altri pianeti giganti gassosi, sia nel nostro sistema solare che in sistemi planetari lontani.

Le future missioni spaziali, come la possibile estensione della missione Juno e nuove missioni proposte per esplorare il corpo celeste e le sue lune, continueranno a fornire dati cruciali. Gli scienziati si sono augurati di rispondere a domande fondamentali, come la longevità della macchia e i meccanismi che la sostengono.

La Grande Macchia Rossa di Giove rimane uno dei fenomeni più affascinanti e studiati del sistema solare. Nonostante i secoli di osservazioni e le recenti scoperte, molte domande rimangono senza risposta.

La continua riduzione delle sue dimensioni e i cambiamenti nella sua colorazione e struttura hanno offerto agli scienziati un laboratorio naturale per studiare la dinamica delle tempeste su un pianeta gigante gassoso.

Con l’avanzamento della tecnologia e delle missioni spaziali, ci avviciniamo sempre di più a svelare i segreti di questa gigantesca tempesta, mantenendo viva la meraviglia e il mistero che circonda questo affascinante fenomeno. 

2