Il prossimo test di Starship dovrebbe effettuarsi intorno al 15 giugno

Nel frattempo SpaceX avrebbe ottenuto dalla FAA un nuovo permesso per un test di Starship con una finestra che si aprirebbe il 15 giugno

I manager della NASA incaricati del prossimo viaggio dell’umanità nello spazio profondo hanno parlato positivamente del recente volo di prova di Starship, dei dati raccolti e delle conseguenti modifiche al design che saranno testate nel prossimo lancio.

Nel frattempo SpaceX avrebbe ottenuto dalla FAA un nuovo permesso per un test di Starship con una finestra che si aprirebbe il 15 giugno.

NASA, SpaceX Starship e programma Artemis: la situazione

Mentre le riparazioni del sito di lancio continuano alla base stellare di SpaceX, in Texas, in vista della continuazione della campagna di test che mira a un successo orbitale quest’anno, SpaceX dovrà lanciare un gran numero di Starship prima di essere pronta ad onorare il contratto con la NASA del sistema di atterraggio umano (HLS) per la Luna, coinvolgendo numerosi veicoli cisterna e un lander con equipaggio.

SpaceX si è aggiudicata il contratto HLS Option A nel 2021, che prevede una dimostrazione dei vari elementi del sistema.

Ciò include l’attracco del lander alla navicella Orion, il trasferimento dell’equipaggio da Orion al lander in orbita lunare, lo svolgimento di un’attività extraveicolare dopo l’atterraggio sulla superficie lunare e il ritorno dell’equipaggio e di altri materiali dalla superficie.

L’opzione A includeva missioni dimostrative sia senza equipaggio che con equipaggio.

Questo contratto è stato seguito dall’opzione B HLS vincente di SpaceX alla fine del 2022, che copre la missione Artemis IV sulla Luna. La NASA domani annuncerà una seconda opzione per il lander HLS “per sviluppare un sistema di atterraggio umano sostenibile per la missione Artemis V Moon“, venerdì.

L’attuale programma della NASA prevede che la missione dimostrativa lunare senza equipaggio venga lanciata nel 2024, prima della missione Artemis III del 2025.
NSF 2023 05 17 00 08 37 018 scaled
Le singole missioni richiederanno sia il lancio della Starship in configurazione lander lunare che di più navi cisterna per consentire alla prima di essere rifornita in orbita prima del suo viaggio verso la Luna. Tuttavia, il numero esatto di lanci necessari per il rifornimento rimane poco chiaro.

In vista delle missioni HLS, Starship ha in cantiere un’ambiziosa serie di test, ora finalmente partiti grazie al lancio di Booster 7 e Ship 24 .

Amit Kshatriya, vice amministratore associato per il programma Moon to Mars presso la direzione della missione di sviluppo dei sistemi di esplorazione presso la sede della NASA, ha aggiornato questa settimana l’esplorazione umana e le operazioni del Consiglio consultivo della NASA.

[C’è] un sacco di hardware che si muove attraverso la base stellare. Ovviamente sapete tutti che avevano un test di volo. Hanno raggiunto circa 39 chilometri in termini di apogeo prima della fine della missione“, ha osservato Kshatriya.

Abbiamo ottenuto un sacco di dati da quella missione e quei ragazzi non vedono l’ora di poter effettuare un nuovo lancio in cui provare le modifiche emerse dal primo lancio”. Il booster 9 e una Starship ancora da confermare sono pronti a volare nella prossima missione, per testare un gran numero di miglioramenti rispetto al booster precedente.

Ci sono così tanti miglioramenti da Booster 7 a Booster 9, letteralmente centinaia, alcuni importanti“, ha osservato Musk durante un recente Twitter Spaces. “Siamo passati dal TVC idraulico a quello elettrico dal Booster 7 al Booster 9. L’intera struttura dello scudo termico sulla base è stata completamente ridisegnata“. Booster 9 attualmente risiede all’interno del mega bay presso il sito di produzione di Starbase, insieme ad altri booster e Starship, tutti in attesa del loro turno.

Il sito di lancio è l’obiettivo principale del lavoro in corso per preparare il prossimo test. Tuttavia, un elemento degno di nota è la ricertificazione del sistema di terminazione del volo (FTS), richiesta dopo che Booster 7 si è rifiutato di morire quando l’FTS è stato attivato dopo che ha iniziato a perdere il controllo durante la prima fase di volo.

Un test probabilmente correlato a questo sforzo si è svolto questa settimana presso il sito di test Masseys di SpaceX, con il serbatoio di prova B6 aperto con successo durante il test.

“Abbiamo un paio di membri del team nel programma HLS che sono impegnati con la FAA e SpaceX“, ha osservato Kshatriya, prima di aggiungere che stanno principalmente osservando e riferendo che il team di SpaceX sa già cosa deve fare.

A condizione che le modifiche al sito di lancio consentano un’inversione di tendenza del pad senza la necessità di un lungo periodo di riparazioni, SpaceX potrebbe potenzialmente lanciare diversi voli da Starbase prima della fine dell’anno.

Ciò aprirebbe la strada a un test di rifornimento prima di entrare nella demo HLS.
NSF 2023 05 17 03 04 07 783 scaledStanno lavorando su una fuga di gas e su come ciò influisce sul tipo di fase di aggregazione del propellente della missione“, ha aggiunto Kshatriya, aggiungendo che il lavoro è ben avviato sulla versione con equipaggio di Starship, per un riferimento al sistema di supporto vitale.

SpaceX è un partner fondamentale. Ho trascorso 12 ore con il team di Hawthorne e ho avuto modo di vedere cosa sta succedendo lì. Voglio dire, in termini di produzione di Raptor e di tutto il loro ECLSS [Environmental Control and Life Support System] e altri sviluppi per Starship”.

Ti dirò che noi [NASA] collaboriamo pienamente con loro in termini di come interpretano i dati. Sono molto fiducioso che SpaceX sia aperto al nostro contributo e viceversa“.

Sul lato Raptor, un’altra pietra miliare è stata raggiunta di recente, quando “Raptor v3” ha raggiunto una pressione della camera di 350 bar, con una spinta di 269 tonnellate, sul banco di prova del treppiede presso il banco di prova McGregor di SpaceX.

L’astronave attualmente vola con i motori Raptor v2, con modifiche aggiuntive, come il TVC elettrico, in arrivo da Booster 9 in poi. Tuttavia, Musk ha già notato che è in arrivo un altro aggiornamento, spesso citato come Raptor 2.5, prima di notare la designazione “v3” per questo ultimo test cardine.

La sfida principale per il programma HLS riguarda più agenzie e fornitori che si allineano con il programma Artemis.

A causa della dipendenza da quel [programma], sai, stiamo esaminando tutte le opzioni e abbiamo chiesto a tutti i nostri appaltatori di portare la loro produzione il più possibile avanti perché, ovviamente, vogliamo davvero per volare questa missione nel modo in cui l’abbiamo progettata. Ma l’altra cosa importante, dal punto di vista assicurativo, è continuare a volare”.

Quindi chiediamo a tutti di aggregare quanto più hardware possibile per noi. E poi, a seconda di dove siamo con il resto della produzione, proprio come hanno fatto durante l’Apollo, dove hanno scaricato e volato missioni quando il Lander non era disponibile, sceglieremo quelle missioni in base all’hardware disponibile“.

Questa è la nostra strategia generale che, dal punto di vista della produzione, riteniamo sia molto importante comunicare a tutti i nostri fornitori, inclusa SpaceX“.

Articoli più letti

Related articles