I più antichi progetti di costruzione in antiche incisioni di 8000 anni

Gli archeologi hanno descritto quelli che potrebbero essere i più antichi esempi di progetti di costruzione nella storia umana, antiche incisioni in Giordania e in Arabia Saudita tra 7.000 e 8.000 anni fa

0
1290
Incisioni di 8.000 anni sono gli esempi più antichi di piani di costruzione
Incisioni di 8.000 anni sono gli esempi più antichi di piani di costruzione

Gli archeologi hanno descritto quelli che potrebbero essere i più antichi esempi di progetti di costruzione nella storia umana, antiche incisioni ritrovate in Giordania e in Arabia Saudita tra 7.000 e 8.000 anni fa.

I motivi geometrici incisi sono stati abbinati alle vicine megastrutture del deserto costruite molto prima delle piramidi egizie, portando un team internazionale di ricercatori a concludere che rappresentano una sorta di primo progetto che guida la loro creazione.

Dalla vista di un aereo o di un satellite di passaggio, le enormi e antiche incisioni hanno forme distinguibili che utilizzano parti del paesaggio naturale. Quelli a forma di freccia sono noti come “aquiloni” e gli archeologi sospettano che rappresentino enormi trappole per la caccia, progettate per incanalare mandrie selvagge in recinti o addirittura giù da scogliere.

Grazie a una recente analisi di antiche incisioni su pietra, ora abbiamo una comprensione più chiara del processo di progettazione alla base di questi aquiloni.

Esempi di aquiloni del deserto trovati nel deserto dell'Arabia Saudita. ( KLDAP )
Esempi di aquiloni del deserto trovati nel deserto dell’Arabia Saudita. ( KLDAP )

“L’estrema precisione di queste incisioni è notevole, rappresentano gigantesche strutture in pietra neolitiche vicine, il cui intero disegno è impossibile da cogliere senza vederlo dall’alto”, ha dichiarato Rémy Crassard, archeologo presso il Centro nazionale francese per la ricerca scientifica (CNRS).

“Rivelano una padronanza mentale ampiamente sottovalutata della percezione dello spazio, finora mai osservata a questo livello di accuratezza in un contesto così antico”, ha aggiunto.



I piani trovati in Arabia Saudita nel 2015 coprono una lastra di pietra che misura poco meno di 4 metri di lunghezza e sono stati probabilmente scolpiti con picconi a mano circa 8.000 anni fa. Raffigurano una coppia di aquiloni del deserto vicini separati da 3,5 chilometri (2,2 miglia).

Le incisioni trovate in Giordania, nel frattempo, sono state scolpite in un blocco di calcare lungo 80 centimetri circa 7.000 anni fa. Queste incisioni raffigurano un aquilone di forma simile agli otto aquiloni del deserto trovati nella regione vicina.

La pietra incisa dal Giordano. ( Crassard et al., PLOS ONE , 2023 )
La pietra incisa dal Giordano. ( Crassard et al., PLOS ONE , 2023 )

Nonostante le loro enormi dimensioni, gli aquiloni del deserto sono diventati noti agli accademici moderni solo negli anni ’20, quando i piloti dell’aeronautica britannica li hanno avvistati mentre volavano sopra. Da allora, ne sono stati contati oltre 6.000, che punteggiano il Medio Oriente e parti dell’Asia centrale.

Queste enormi megastrutture hanno quasi il doppio dell’età della Grande Piramide di Giza, eppure hanno ricevuto solo una frazione dell’attenzione. Gli schemi di pietra sono stati portati alla luce nel 2015, eppure gli scienziati li hanno analizzati correttamente solo ora.

“Fino a poco tempo fa”, scrivono i ricercatori, “quasi nessuno studio approfondito era stato condotto per migliorare la nostra comprensione della loro funzione”.

Sfortunatamente, con una ricerca così limitata, il loro ruolo nella società antica non è ancora chiaro, sebbene esista una forte ipotesi principale che suggerisca che gli aquiloni del deserto siano stati progettati per catturare o uccidere animali selvatici usando strategie di caccia di massa.

Il più antico è stato costruito almeno 9.000 anni fa. Allora, la penisola arabica era molto più umida e verde di quanto non lo sia oggi. Molti aquiloni “del deserto” si trovavano su quella che un tempo sarebbe stata una prateria, un’utile base per recintare le mandrie al pascolo.

Le sofisticate incisioni tendono anche a formare canali che conducono a pozzi, dirupi o recinti.

I piani della Giordania sono eccezionalmente accurati e chiari da vedere. Sono disegnati in scala ad eccezione delle fosse alle estremità degli aquiloni, che sono di dimensioni esagerate. Disegnare le fosse più grandi potrebbe averle rese più facili da osservare, o forse sono state ingrandite per sottolineare il loro ruolo importante nelle operazioni di caccia.

“Piani comparabili, almeno pensati per essere in scala, possono essere trovati solo molto più tardi durante il terzo e il secondo millennio a.C. in Mesopotamia”, hanno dichiarato Crassard e colleghi.

Inoltre, questi esempi di prime mappe non sono così accurati come le incisioni di aquiloni trovate in Arabia Saudita e Giordania.

Anche per il miglior topografo di oggi sarebbe “difficile produrre uno schizzo di un aquilone geometricamente affidabile come le incisioni” senza i moderni strumenti di mappatura, suggeriscono i ricercatori .

“Sembrerebbe quindi che chi ha inciso gli aquiloni sapesse utilizzare una tecnica di rilevamento, a noi ancora sconosciuta, che implica nozioni di misurazione e persino di calcolo”.

Ci sono ancora più misteri dietro gli aquiloni del deserto di quanto pensassimo.

Fonte: PLOS ONE

2