Quasi pronti per il trapianto di utero per donne trans

Un chirurgo a Nuova Delhi, in India, ha in programma di eseguire un trapianto di utero, inserendo l'utero di un donatore in una donna transgender nella speranza che possa rimanere incinta e portare a termine una gravidanza

0
678

Un chirurgo a Nuova Delhi, in India, ha in programma di eseguire un trapianto di utero, inserendo l’utero di un donatore in una donna transgender nella speranza che possa rimanere incinta e portare a termine una gravidanza. Sebbene questa procedura possa sembrare oltre le attuali capacità mediche, trapianti di utero sono stati eseguiti con successo in donne cis (donne assegnate femmine alla nascita), con la prima donna che ha partorito dopo un’operazione nel 2014.

Nel 2018 si è verificata un’altra prima volta quando un bambino è nato dopo che una donna – nata senza utero a causa della sindrome di Mayer-Rokitansky-Küster-Hauser (MRKH) – ha ricevuto un trapianto di utero da un donatore deceduto.

La dott.ssa Narendra Kaushik, che dirige l’Olmec Transgender Surgery Institute, ritiene che l’intervento chirurgico sarà presto possibile e andrà a beneficio della salute e della felicità delle donne trans che ricevono un utero da donatore. Sebbene non vi sia una spinta particolarmente grande per questo tipo di intervento chirurgico da parte della comunità transgender, un sondaggio sulle donne trans nel 2021 ha rilevato che il 90% delle donne trans ritiene che un trapianto di utero potrebbe migliorare la loro qualità di vita,alleviando i sintomi disforici e migliorando i sentimenti della femminilità”.

Ogni donna transgender vuole essere il più femminile possibile“, ha detto il dottor Kaushik in un’intervista a The Mirror. “E questo include essere una madre. La strada verso questo è con un trapianto di utero, lo stesso di un rene o di qualsiasi altro trapianto“.

Questo è il futuro. Non possiamo prevedere esattamente quando ciò accadrà, ma accadrà molto presto. Abbiamo i nostri piani e siamo molto molto ottimisti su questo“.

L’utero utilizzato per l’operazione proverrà da un donatore morto, secondo The Mirror. Gli esperti ritengono che ricevere un trapianto utero-vaginale da un donatore deceduto sia l’opzione più sicura. Questa procedura dovrebbe ridurre il tempo dell’intervento chirurgico e altre potenziali complicazioni nel ricevente, nonché l’evidente riduzione del rischio per il donatore già deceduto.



Nonostante una serie di considerazioni anatomiche, ormonali, sulla fertilità e ostetriche che richiedono considerazione, non vi è alcun argomento clinico schiacciante contro l’esecuzione di [trapianti di utero] come parte di [chirurgia di riassegnazione di genere]“, ha concluso il team. “Tuttavia, la maggiore radicalità associata all’operazione di recupero, inclusa una cuffia vaginale più lunga e una dissezione legamentosa più ampia, richiede potenzialmente l’uso di donatori deceduti“.

Bisogna però dire che saranno necessari ulteriori studi sugli animali per determinare se i riceventi di utero saranno in grado di concepire e mantenere la gravidanza.

Come per tutti gli interventi chirurgici, questa procedura non è priva di rischi. È stato tentato in precedenza, con il primo tentativo di trapianto di utero effettuato su Lili Elbe, pittrice e donna trans, nel lontano 1931. Morì tre mesi dopo per un infarto, a seguito di un’infezione acquisita durante l’operazione.

Attualmente, i criteri di Montreal per la fattibilità etica del trapianto uterino – una serie di linee guida per medici e professionisti sanitari quando considerano l’esecuzione di un trapianto uterino – non consentono il trapianto di un utero in donne transessuali, principalmente a causa di problemi di sicurezza.

Le questioni mediche riguardanti il ​​trapianto di utero con una ricevente non cisgender includono la creazione di un’adeguata vascolarizzazione uterina de novo, la necessità di un’adeguata sostituzione ormonale per sostenere l’impianto e la gravidanza e il posizionamento dell’utero in una pelvi non ginecoidea“, ha affermato il dott. Amel Alghrani, professore di diritto presso la School of Law and Social Justice dell’Università di Liverpool ed ex lavoratore presso il General Medical Council nel Regno Unito.

Queste considerazioni significano che il trapianto uterino nelle donne transgender non soddisfa la prima stipulazione dei criteri di Moore per l’innovazione chirurgica, che richiede che le nuove procedure chirurgiche abbiano un background di ricerca adeguato. È su questa base che i criteri di Montreal escludono trapianti su donne non-cisgender“.

La dottoressa Narendra Kaushik, che non ha ancora fissato un calendario per l’operazione, osserva che l’operazione richiederà alla ricevente di sottoporsi a un trattamento di fecondazione in vitro per rimanere incinta. Un’altra complicazione che una donna trans potrebbe dover affrontare dopo un’operazione del genere sarebbe che le donne cis generalmente hanno fisiologicamente bacini più larghi, che aiutano a partorire. Tuttavia, i cesarei potrebbero essere utilizzati come opzione per superare eventuali complicazioni, proprio come nelle donne cis.

2