2.1 C
Rome
venerdì, Dicembre 2, 2022
HomeEsplorazione SpazialeLa NASA assegna a SpaceX una seconda missione di atterraggio con equipaggio...

La NASA assegna a SpaceX una seconda missione di atterraggio con equipaggio sulla Luna

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

La NASA ha incaricato SpaceX di sviluppare ulteriormente il suo sistema di atterraggio umano Starship per soddisfare i requisiti dell’agenzia per l’esplorazione umana a lungo termine della Luna durante il programma Artemis.

Con questa aggiunta al contratto già in essere, SpaceX fornirà una seconda missione dimostrativa di atterraggio con equipaggio nel 2027 come parte della missione Artemis IV della NASA.

Riportare gli astronauti sulla Luna per imparare, vivere e lavorare è un’impresa audace. Con più lander pianificati, da SpaceX e futuri partner, la NASA sarà in una posizione migliore per compiere le missioni di domani: condurre più scienza sulla superficie della Luna e prepararsi per le missioni con equipaggio su Marte“, ha dichiarato l’amministratore della NASA Bill Nelson.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Conosciuta come Opzione B, la modifica segue l’assegnazione a SpaceX avvenuta nel luglio 2021 nell’ambito del contratto Next Space Technologies for Exploration Partnerships-2 ( NextSTEP-2 ) Appendice H Opzione A.

La NASA aveva precedentemente annunciato l’intenzione di perseguire questa opzione B con SpaceX. La modifica del contratto ha un valore di circa 1,15 miliardi di dollari.

Continuare i nostri sforzi di collaborazione con SpaceX attraverso l’Opzione B serve a promuovere i nostri piani per il trasporto regolare con equipaggio sulla superficie lunare e stabilire la presenza umana a lungo termine sul nostro satellite come previsto dal programma Artemis“, ha affermato Lisa Watson-Morgan, responsabile del programma Human Landing System presso il Marshall della NASA Centro di volo spaziale a Huntsville, Alabama. “Questo lavoro fondamentale ci aiuterà a concentrarci sullo sviluppo di lander lunari sostenibili e basati sui servizi ancorati ai requisiti della NASA per missioni ricorrenti regolari sulla superficie lunare“.

Lo scopo di questo nuovo lavoro nell’ambito dell’opzione B è sviluppare e dimostrare un lander lunare Starship che soddisfi i requisiti di sostegno della NASA per le missioni oltre Artemis III, incluso la capacità di attracco al Lunar Gateway, ospitare quattro membri di equipaggio e fornire il trasporto di una maggiore massa di forniture in superficie.

La NASA aveva già selezionato SpaceX per sviluppare una variante del sistema di atterraggio umano di Starship per portare i prossimi astronauti americani sulla Luna durante la missione Artemis III, che segnerà il primo ritorno dell’umanità sulla superficie lunare in più di 50 anni. Come parte di tale contratto, SpaceX condurrà una missione dimostrativa senza equipaggio sulla Luna prima di Artemis III.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

L’agenzia sta perseguendo due percorsi paralleli per i lander lunari umani sviluppati in base ai requisiti richiesti per aumentare il pool competitivo di fornitori del settore: il contratto esistente con SpaceX e un’altra sollecitazione rilasciata all’inizio di quest’anno. L’altra sollecitazione, NextSTEP-2 Appendice P, è aperta a tutte le altre società statunitensi per sviluppare ulteriori sistemi di atterraggio umano e include missioni dimostrative senza equipaggio e con equipaggio dall’orbita lunare alla superficie della Luna.

I lander Astronaut Moon sono una parte vitale dei piani di esplorazione dello spazio profondo della NASA, insieme al razzo Space Launch System, alla navicella spaziale Orion, ai sistemi di terra, alle tute spaziali, ai rover e al Gateway.

Durante il programma Artemis, la NASA invierà sulla Luna una serie di nuovi strumenti scientifici per studiare la Luna, far atterrare la prima donna e la prima persona di colore sulla superficie lunare, stabilire una presenza umana sulla Luna a lungo termine e altro ancora. L’agenzia sfrutterà le sperienze e le tecnologie sviluppate per il programma Artemis per prepararsi al prossimo passo: l’invio di astronauti su Marte.

Articoli più letti