L’ippocampo: il “narratore” del cervello

Un nuovo studio di imaging cerebrale del Center for Neuroscience dell'Università della California, Davis, mostra che l'ippocampo è il narratore del cervello, che collega eventi separati e distanti in un'unica narrazione

0
1686

Un nuovo studio di imaging cerebrale del Center for Neuroscience dell’Università della California, Davis, mostra che l’ippocampo è il narratore del cervello, che collega eventi separati e distanti in un’unica narrazione. Il lavoro è stato pubblicato su Current Biology

La gente ama le storie. Troviamo più facile ricordare gli eventi quando fanno parte di una narrativa generale. Ma nella vita reale, i capitoli di una storia non si susseguono facilmente l’uno dall’altro. Altre cose accadono nel mezzo. 

“Le cose che accadono nella vita reale non sono sempre collegate direttamente, ma possiamo ricordare meglio i dettagli di ogni evento se formano una narrazione coerente”, ha affermato Brendan Cohn-Sheehy, MD/Ph.D. studente alla UC Davis e primo autore della ricerva. 

Cohn-Sheehy e i colleghi del laboratorio di memoria dinamica del professor Charan Ranganath presso il Center for Neuroscience hanno utilizzato la risonanza magnetica funzionale per visualizzare l’ippocampo dei volontari mentre imparavano e ricordavano una serie di racconti. 

Le storie, create appositamente per lo studio, presentavano personaggi principali e secondari in un evento. Le storie sono state costruite in modo tale che alcune formassero narrazioni collegate in due parti e altre no. 



I ricercatori hanno riprodotto le registrazioni delle storie ai volontari nello scanner fMRI. Il giorno dopo, li hanno scansionati di nuovo mentre i volontari ricordavano le storie. I ricercatori hanno confrontato i modelli di attività nell’ippocampo tra l’apprendimento e il ricordo delle diverse storie. 

Come previsto, hanno visto più somiglianze per l’apprendimento di pezzi di una storia coerente che per storie che non si collegavano. I risultati ottenuti mostrano che i ricordi coerenti vengono intrecciati insieme, ha affermato Cohn-Sheehy“Quando arrivi al secondo evento, torni al primo evento e ne incorpori parte nella nuova memoria”, ha detto. 

L’ippocampo tesse i ricordi

Successivamente, hanno confrontato i modelli dell’ippocampo durante l’apprendimento e il recupero. Hanno scoperto che quando si ricordano storie che hanno formato una narrazione coerente, l’ippocampo attiva più informazioni sul secondo evento rispetto a quando si ricordano storie non collegate. 

“Il secondo evento è dove l’ippocampo sta formando una memoria connessa”, ha affermato Cohn-Sheehy

Quando i ricercatori hanno testato la memoria delle storie dei volontari, hanno scoperto che la capacità di riportare l’attività dell’ippocampo del secondo evento era legata alla quantità di dettagli che i volontari potevano ricordare. 

Mentre altre parti del cervello sono coinvolte nel processo della memoria, l’ippocampo sembra riunire pezzi nel tempo e formarli in ricordi narrativi collegati, ha detto Cohn-Sheehy

L’opera fa parte di una nuova era nella ricerca sulla memoria. Tradizionalmente, nelle neuroscienze, i ricercatori hanno studiato i processi di base della memoria che coinvolgono informazioni disconnesse, mentre la psicologia ha una tradizione di studiare come funziona la memoria per catturare e connettere gli eventi nel “mondo reale”. Questi due campi stanno iniziando a fondersi, sostiene Cohn-Sheehy

“Stiamo usando l’imaging cerebrale per ottenere processi di memoria realistici”, ha affermato. 

La ricerca sui processi di memoria potrebbe in definitiva portare a migliori test clinici per le prime fasi del declino della memoria nell’invecchiamento o nella demenza, o per valutare i danni alla memoria causati da lesioni cerebrali. 

2