Esperienze di premorte: il mistero affrontato da uno psicologo

L'impressione della vita che scorre davanti agli occhi è stata riportata per oltre un secolo da molte persone che sono incorse in esperienze di premorte. In alcuni casi, le persone non vedono una revisione della loro intera vita, ma una serie di esperienze ed eventi passati che hanno un significato speciale per loro

0
1485
Esperienze di premorte: il mistero affrontato da uno psicologo

A proposito di esperienze di premorte: all’età di 16 anni, Tony Kofi, un apprendista muratore che viveva a Nottingham, cadde dal terzo piano di un edificio. Durante la caduta gli sembrò che il tempo rallentasse enormemente e vide una complessa serie di immagini lampeggiare davanti ai suoi occhi.

Ecco come descrisse l’esperienza: “Nella mia mente ho visto molte, molte cose: bambini che non avevo ancora avuto, amici che non avevo mai visto ma che ora sono miei amici. La cosa che mi è rimasta veramente in mente è stata vedermi suonare uno strumento“. Poi Tony impattò al suolo e perse conoscenza.

Quando fu dimesso dall’ospedale, si sentiva una persona diversa e rifiutò di tornare alla sua vita precedente. Nelle settimane successive, le immagini che aveva visto durante la caduta continuarono a riaffiorare nella sua mente. Sentiva che gli era stato “mostrato qualcosa” e che quelle immagini rappresentavano il suo futuro.

Più tardi, Tony vide l’immagine di un sassofono e lo riconobbe come lo strumento che si era visto suonare. Usò i soldi del risarcimento dell’incidente per comprarne uno. Ora, Tony Kofi è uno dei musicisti jazz di maggior successo del Regno Unito, avendo vinto due volte i BBC Jazz Awards, nel 2005 e nel 2008.

Sebbene la convinzione di Tony di aver visto nel suo futuro sia rara, non è affatto raro che le persone riferiscano di aver assistito a scene del loro passato durante situazioni di emergenza di una frazione di secondo. Dopotutto, è da qui che deriva la frase “la vita mi è passata davanti agli occhi“.



Ma cosa spiega questo fenomeno? Gli psicologi hanno proposto una serie di spiegazioni, ma direi che la chiave per comprendere l’esperienza di Tony risiede in una diversa interpretazione del tempo stesso.

Esperienze di premorte: quando la vita scorre davanti ai nostri occhi

L’esperienza della vita che scorre davanti agli occhi è stata riportata per oltre un secolo. Nel 1892, un geologo svizzero di nome Albert Heim cadde da un precipizio mentre scalava una montagna. Nel suo resoconto della caduta, scrisse che era “come su un palcoscenico lontano, tutta la mia vita passata [stava] svolgendosi in numerose scene“.

Più recentemente, nel luglio 2005, una giovane donna di nome Gill Hicks era seduta vicino a una delle bombe esplose sulla metropolitana di Londra. Nei minuti dopo l’incidente, è rimasta sospesa sull’orlo della morte dove, come lei stessa la descrive: “la mia vita mi scorreva davanti agli occhi, guizzava attraverso ogni scena, ogni momento felice e triste, tutto quello che avevo fatto, detto, vissuto“.

In alcuni casi, durante le esperienze di premorte le persone non vedono una revisione della loro intera vita, ma una serie di eventi passati che hanno un significato speciale per loro.

Forse sorprendentemente, visto quanto sia comune, l’esperienza del rivedere la propria vita vita è stata studiata molto poco. Sono state avanzate alcune teorie, ma sono comprensibilmente incerte e piuttosto vaghe.

Ad esempio, un gruppo di ricercatori israeliani ha suggerito nel 2017 che gli eventi della nostra vita possono esistere come un continuum nelle nostre menti e possono venire alla ribalta in condizioni estreme di stress psicologico e fisiologico come ad esempio in un momento in cui si rischia la vita, accendendo le esperienze di premorte.

Un’altra teoria è che, quando siamo vicini alla morte, i nostri ricordi si “scaricano” improvvisamente, come il contenuto di un bidone che viene svuotato. Ciò potrebbe essere correlato alla “disinibizione corticale” – un’interruzione dei normali processi regolatori del cervello – in situazioni altamente stressanti o pericolose, causando una “cascata” di impressioni mentali.

Ma la revisione della vita viene solitamente riportata come un’esperienza serena e ordinata, completamente diversa dal tipo di caotica cascata di esperienze associate alla disinibizione corticale. E nessuna di queste teorie spiega come sia possibile che una così grande quantità di informazioni – in molti casi, tutti gli eventi della vita di una persona – si manifestino in un periodo di pochi secondi, e spesso molto meno.

Esperienze di premorte: spazio e tempo

Una spiegazione alternativa è pensare al tempo in senso “spaziale”. La nostra visione del tempo è come una freccia che si muove dal passato attraverso il presente verso il futuro, in cui abbiamo accesso diretto solo al presente. Ma la fisica moderna ha messo in dubbio questa visione semplice e lineare del tempo.

Infatti, a partire dalla teoria della relatività di Einstein, alcuni fisici hanno adottato una visione “spaziale” del tempo. Sostengono che viviamo in un “universo a blocchi” statico in cui il tempo si disperde in una sorta di panorama in cui il passato, il presente e il futuro coesistono simultaneamente.

Anche il fisico Carlo Rovelli – autore del bestseller L’ordine del tempo – sostiene che il tempo lineare non esiste come fatto universale. Questa idea riflette il punto di vista del filosofo Immanuel Kant, il quale sosteneva che il tempo non è un fenomeno oggettivamente reale, ma un costrutto della mente umana.

Questo potrebbe spiegare perché alcune persone sono in grado di rivedere gli eventi di tutta la loro vita in un istante. Molte ricerche precedenti hanno suggerito che la nostra normale percezione del tempo è semplicemente un prodotto del nostro normale stato di coscienza.

In molti stati alterati di coscienza, il tempo rallenta in modo così drammatico che i secondi sembrano allungarsi in minuti. Questa è una caratteristica comune delle situazioni di emergenza, così come degli stati di profonda meditazione o delle esperienze con droghe psichedeliche.

I limiti della comprensione

Ma che dire delle apparenti visioni di Tony Kofi del suo futuro? Ha davvero intravisto scene della sua vita futura? Si vedeva suonare il sassofono perché in qualche modo il suo futuro di musicista era già stabilito?

Ci sono ovviamente alcune interpretazioni banali dell’esperienza di Tony. Forse, per esempio, è diventato un sassofonista semplicemente perché si è visto suonare nella sua visione. Ma non credo sia impossibile che Tony abbia intravisto eventi futuri.

Se il tempo esiste davvero in senso spaziale – e se è vero che il tempo è un costrutto della mente umana – allora forse in qualche modo gli eventi futuri potrebbero già essere presenti, così come gli eventi passati sono ancora presenti e durante le esperienze di premorte in qualche modo otteniamo accesso a questa dimensione.

Certo, è molto difficile dargli un senso. Ma perché tutto dovrebbe avere un senso per noi? Ci devono essere alcuni aspetti della realtà che sfuggono alla nostra comprensione.

Dopotutto, siamo solo animali, con una consapevolezza limitata della realtà. E forse più di ogni altro fenomeno, questo è particolarmente vero per il tempo.La conversazione

Steve Taylor, Professore Associato di Psicologia, Università di Leeds Beckett .

Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con una licenza Creative Commons. Leggi l’articolo originale.

2