Nuove idee, perché spesso le rifiutiamo?

Non è un segreto che le nuove idee, quelle che cambiano lo stato delle cose, spesso si scontrano con un diffuso rifiuto quando vengono alla luce. La storia della scienza e della cultura è piena di esempi

Molti di noi diffidano delle nuove idee e spesso le nuove tecnologie devono attravresare un lungo periodo prima di riuscire a fare breccia nelle persone. Ad esempio, quando il personal computer fu presentato al pubblico per la prima volta, negli anni ’80, alcune persone svilupparono quella che divenne nota come “computerfobia“, una riluttanza a parlare o anche solo a leggere di computer, la paura di essere sostituiti dalla macchina o schiavizzati da essa, la convinzione che il computer potesse danneggiare la salute e una serie di altre ansie.

Il fenomeno è stato descritto in studi di psicologia, riviste e giornali, perfino in manuali di formazione informatica. Gli appassionati di personal computer, e ce n’erano molti, pensavano che i resistenti fossero pazzi, ma i resistenti pensavano che gli entusiasti fossero degli idioti. La computerfobia raggiunse il picco nel 1986, per poi iniziare lentamente a svanire quando le persone iniziarono a usarli in massa. Si scoprì che il personal computer era un mezzo ottimo per imparare cose nuove, lavorare in modo creativo, giocare e connettersi con i propri cari, colleghi e luoghi lontani.

La paura delle nuove idee

Non è un segreto che le nuove idee, quelle che cambiano lo stato delle cose, spesso si scontrano con un diffuso rifiuto quando vengono alla luce. La storia della scienza e della cultura è piena di esempi. Recentemente, Wayne Johnson, studioso di economia dell’Università dello Utah, e Devon Proudfoot, ricercatore di creatività della Cornell University, hanno cercato di capire perché.

Per molto tempo, la ricerca sulla creatività si è concentrata su come si generano nuove idee, su qual è l’ingrediente segreto per riuscirci. Penso che non sia proprio questo il problema”, afferma Johnson. “Ci sono così tante idee. L’ostacolo è accettare queste idee e convincere la gente a sostenerle”. In una serie di cinque esperimenti, gli studiosi hanno testato le iniziative imprenditoriali del programma televisivo Shark Tank, i film in anteprima al Sundance Film Festival dal 2015 al 2022, l’arte astratta, i panini insoliti e l’intenzione degli individui di investire in nuove idee.

Il loro studio, pubblicato su Nature, ha scoperto che quanto più un’idea è nuova, tanti più gruppi di persone non sono d’accordo sul suo potenziale valore – e che altri interpretano questo disaccordo come un segnale di rischio. Il disaccordo stesso genera quindi resistenza.

Abbiamo incontrato Johnson per parlare di ciò che ostacola le nuove idee.

Nel tuo articolo scrivi che le idee creative sono generalmente definite come quelle che non sono solo nuove, ma anche utili. Come determiniamo quanto utile potrebbe essere una nuova idea?

Questa è una delle questioni con cui la letteratura sulla creatività non si è ancora confrontata. È difficile definire il valore, perché ciò che ha valore per una persona potrebbe non averlo per altri. Quindi sia la novità che il valore sono giudicati soggettivamente. La novità stessa è una cosa difficile da definire. Cosa c’è di nuovo? Abbiamo studiato e interrogato su questa questione per decenni. La migliore risposta che le persone sono riuscite a dare, secondo me, è che la novità è la distanza da un punto di riferimento. Quindi, prendi un piatto tradizionale pakistano. Non è affatto nuovo, ma se lo presenti a qualcuno nel Michigan centrale che non ne ha mai sentito parlare, è abbastanza nuovo, giusto?

Dici anche che esiste una relazione inversa tra la novità e la misura in cui puoi prevederne l’utilità. Perché?

Bene, quando usiamo qualcosa per un po’, abbiamo un’idea abbastanza chiara di cosa farne. Quindi, ad esempio, l’elettricità. Conosco tanti modi in cui può essere utile. La uso tutti i giorni. Ho un’ottima conoscenza di quanto sia utile l’elettricità. Ma quando era veramente nuova, la gente non ne aveva alcuna esperienza. Non la usavano per alimentare le loro case o i lampioni. E quindi c’era la domanda: la userò? È sicura? Per noi ora, tutte queste domande hanno avuto una risposta e disponiamo di molti più dati su quanto sia utile. Ecco cosa succede quando un’idea è nuova. Ci chiediamo: è geniale o è stupida?

Gli esperti hanno difficoltà con le nuove idee?

C’è un articolo di Erik Dane del 2017 su qualcosa chiamato radicamento cognitivo, in cui si sostiene che maggiore è la tua esperienza, più ossificate diventano le tue strutture di conoscenza, meno ti esponi ad altre fonti di informazione. E così diventa davvero difficile accettare o valorizzare una cosa nuova. Ci affidiamo agli esperti per giudicare le cose, ma la novità specifica di per sé significa che l’esperienza è meno utile. Quando qualcosa è nuovo, nessuno può esserne un esperto. Ecco perché a volte gli esperti commettono tali errori.

Un biologo di nome Andres Wagner ha recentemente scritto un libro intitolato Sleeping Beauties. Parte della sua premessa è che le innovazioni nella biologia e nella cultura devono essere introdotte più volte prima di prendere piede. Cosa ne pensi di questo?

Si adatta molto bene alla nostra teoria. Quando un’idea è davvero, davvero nuova, nessuno ha un punto di riferimento per quell’idea. Ogni introduzione successiva è una possibilità per stabilire un positivo punto di riferimento di confronto.

Puoi farmi un esempio di come un punto di riferimento potrebbe influenzare la percezione del valore?

Negli anni ’70, Tom Gilrovich fece uno studio in cui creò un falso paese. Chiese ai suoi soggetti di studio se gli Stati Uniti avrebbero dovuto coinvolgersi con questo paese. Ovviamente, prima fornì un quadro di riferimento. Un gruppo ha letto del coinvolgimento degli Stati Uniti in Vietnam, un altro gruppo del coinvolgimento degli Stati Uniti in Germania nella seconda guerra mondiale. Le persone che hanno letto del coinvolgimento degli Stati Uniti in Germania sono state più favorevoli a questo nuovo caso. Le persone che usavano il Vietnam come punto di riferimento arrivarono a una conclusione diversa riguardo alla questione se l’intervento fosse una buona idea.

Cosa ci dicono i vostri risultati su come possiamo garantire che innovazioni preziose non vadano perse?

Ciò che vediamo qui è che le persone traggono conclusioni su un’idea in base al fatto che altre persone siano d’accordo o in disaccordo su di essa. Il disaccordo fa sì che le persone pensino che l’idea sia rischiosa. Ma penso che il disaccordo ci dica davvero qualcosa sui valutatori: stanno usando criteri diversi e potrebbero non avere la competenza per farlo. Quindi la cosa più importante che direi è di non arrendersi quando vedi molto disaccordo su un’idea. Non limitarti a dire: “Ooh, controverso, brutto, abbiamo finito”. Quindi, se stai cercando di vedere se le idee sono buone o meno, crea una lista di controllo o criteri di valutazione davvero buoni e chiedi a tutti di usarli.

Se sei tu ad avere l’idea creativa e vuoi che prenda piede, cosa fai?

Bene, se sei esperto, quello che vuoi fare è creare un buon punto di riferimento positivo. Quindi, quando le persone inventano una cosa nuova, cosa dicono? Questo è l’ Uber del cibo per gatti, o altro. Uber ha funzionato davvero bene, ha guadagnato un sacco di soldi. Se usi Uber come punto di riferimento, è come: “Oh, ecco una nuova opportunità peer-to-peer. Questo è qualcosa che può davvero decollare”.

Se sei attratto dalla scienzadalla tecnologia, o vuoi essere aggiornato sulle ultime notiziecontinua a seguirci, così da non perderti le ultime novità e news da tutto il mondo!

Articoli più letti

Related articles

2 Comments