Perché a volte confondiamo i nomi? Ce lo dice un nuovo studio

Un nuovo studio suggerisce che confondere i nomi delle persone è del tutto normale e non è affatto un segno di cattiva memoria o di invecchiamento

0
308
Perché a volte confondiamo i nomi? Ce lo dice un nuovo studio
Perché a volte confondiamo i nomi? Ce lo dice un nuovo studio

Un nuovo studio suggerisce che confondere i nomi delle persone è del tutto normale e non è affatto un segno di cattiva memoria o di invecchiamento. In effetti, potrebbe essere qualcosa di profondamente radicato nel nostro cervello.

Il fenomeno di confondere i nomi non è nuovo
Il fenomeno di confondere i nomi non è nuovo

Psicologia e mescolanza dei nomi

Il fenomeno di confondere i nomi non è nuovo. Gli aneddoti storici sono pieni di storie di persone, dagli studiosi ai re, che si sono accidentalmente scambiati il nome. Inizialmente, questi equivoci sono stati spesso attribuiti a distrazione o mancanza di attenzione. Tuttavia, quando la psicologia è emersa come scienza alla fine del XIX secolo, gli esperti hanno iniziato a considerarla un’area degna di studio.

I primi psicologi come Sigmund Freud hanno teorizzato che gli errori di denominazione potrebbero essere errori subconsci, che rivelano pensieri o sentimenti nascosti.

Verso la metà del XX secolo, l’attenzione si è spostata dalle interpretazioni freudiane alle spiegazioni cognitive. I ricercatori hanno iniziato a esaminare come i processi di memoria e le relazioni sociali possono influenzare la nostra capacità di ricordare correttamente i nomi. L’ascesa della psicologia cognitiva ha portato nuove conoscenze, suggerendo che questi errori riguardavano meno i significati nascosti e più il modo in cui il nostro cervello classifica e recupera le informazioni. Quindi sbagliarli è collegato a un declino o errore cognitivo.

Il meccanismo del cervello per memorizzare e ricordare è complesso. Biologicamente, i nomi sono etichette arbitrarie, prive di informazioni descrittive
Il meccanismo del cervello per memorizzare e ricordare è complesso. Biologicamente, i nomi sono etichette arbitrarie, prive di informazioni descrittive

Nuove intuizioni sul perché confondiamo i nomi

Samantha Deffler, scienziata cognitiva del Rollins College di Winter Park, in Florida, ha esaminato 1.700 uomini e donne di varie età e ha scoperto che hanno confuso spesso i nomi di familiari e amici. Secondo la ricercatrice si tratta di un “problema cognitivo” derivante dal modo in cui il cervello classifica e memorizza.



Il meccanismo del cervello per memorizzare e ricordare è complesso. Biologicamente, i nomi sono etichette arbitrarie, prive di informazioni descrittive. Ciò rende difficile per il cervello ricordarli rispetto ad altri tipi di memoria, come eventi o oggetti. Quando proviamo a recuperare un nome, il nostro cervello naviga attraverso una rete di associazioni: caratteristiche personali, esperienze condivise e persino attributi fisici.

Il cervello usa “cartelle” diverse per nomi diversi

I nomi delle persone più vicine alla nostra cerchia sociale vengono archiviati in una propria cartella mentre quelli di conoscenti, parenti lontani o persone conosciute di recente sono archiviati in un’altra.

Deffler e colleghi hanno scoperto che quando le persone esaminate hanno confuso un nome, nella stragrande maggioranza dei casi rientrava nella stessa categoria di quello che doveva essere utilizzato. Ciò accade quando il nostro cervello deve recuperare rapidamente le parole. 

Stranamente, non confondiamo solo il nome di parenti e amici, ma anche quello degli animali domestici
Stranamente, non confondiamo solo il nome di parenti e amici, ma anche quello degli animali domestici

Confondiamo anche i nomi degli animali domestici

I genitori spesso passano in rassegna i nomi dei loro figli prima di arrivare a quello corretto, soprattutto se iniziano con la stessa lettera o suono. Gli insegnanti potrebbero confondere quello degli studenti, soprattutto se si somigliano o condividono tratti comportamentali. Anche sul posto di lavoro, i colleghi con ruoli simili o che sono entrati in azienda nello stesso periodo spesso si ritrovano con i nomi scambiati.

Stranamente, non confondiamo solo il nome di parenti e amici, ma anche quello degli animali domestici.

La mamma potrebbe chiamarti con il nome del tuo cane, il che può essere divertente o strano, a seconda della situazione. Tuttavia, lo scambio sembra avvenire solo con i cani. Lo studio suggerisce che le persone hanno molte meno probabilità di mescolare il nome di una persona con quello di un gatto, un cincillà o qualche altro animale domestico. Non è chiaro il motivo, ma è possibile che alcuni proprietari di cani si preoccupino dei loro animali domestici tanto quanto dei loro cari umani.

Nel complesso, la denominazione errata di individui familiari è guidata dalla relazione che ha colui che chiama in modo errato. Anche la somiglianza fonetica gioca un ruolo chiave, secondo ricercatori che hanno pubblicato il loro studio sulla rivista Memory & Cognition. In conclusione, confondere i nomi è un “capriccio” comune e spesso divertente della cognizione umana, profondamente radicato nel funzionamento della nostra memoria.

2