La NASA rilascia le prime immagini del touch-down tra OSIRIS-REx e Bennu – video

Circa 24 ore dopo l'operazione, la NASA ha condiviso le prime immagini dell'operazione di atterraggio registrate dal veicolo spaziale

0
12969
Indice

La sonda spaziale della NASA Osiris-Rex ha completato martedì un breve e storico atterraggio sull’asteroide Bennu, a oltre 350 milioni di chilometri dalla Terra. Mercoledì, l’agenzia spaziale ha condiviso la prima serie di immagini dell’audace operazione, rivelando un momento delicato ma esplosivo dell’incontro tra la roccia spaziale e la sonda automatica.

Osiris-Rex ha viaggiato fino a quel punto per eseguire una breve manovra di touch and go. Il suo obiettivo principale è raccogliere un campione dalla superficie dell’asteroide e trasportarlo sulla Terra per lo studio.

Martedì, la TV della NASA ha riferito che il braccio robotico di campionamento della navicella, chiamato Touch-And-Go Sample Acquisition Mechanism, o Tagsam, è atterrato su Bennu. Durante il breve contatto, ha eseguito quella che equivale a una manovra di borseggio cosmico. I pianificatori della missione si aspettavano che il tempo totale di contatto tra il braccio e l’asteroide sarebbe stato inferiore a 16 secondi. Quando i dati preliminari sono stati rilasciati mercoledì, si è visto che il periodo di contatto è stato di soli di soli sei secondi, con gran parte della raccolta dei campioni avvenuta solo nei primi tre.
Il veicolo spaziale, che opera in gran parte in modo autonomo a causa del ritardo di 18 minuti nelle comunicazioni con il controllo della missione sulla Terra, ha sparato del gas altamente compresso attraverso il Tagsam fratturando lievemente la superficie di Bennu e consentendo ad un campione di roccia e polvere di farsi strada nella testa del collettore del braccio.
Osiris-Rex è stato progettato per atterrare su una superficie piana e uniforme, ma Bennu è così roccioso che il team non ha trovato uno spazio adatto. Fortunatamente, Osiris-Rex è andato oltre le previsioni dei suoi progettisti ed è stato in grado di eseguire il campionamento su un sito denominato Nightingale, non più ampio di una decina di metri.

Circa 24 ore dopo l’operazione, la NASA ha condiviso le prime immagini dell’operazione di atterraggio registrate dal veicolo spaziale. Nelle immagini si vede il Tagsam portarsi in posizione e prendere contatto con la superficie di Bennu attraverso la sua testa di campionamento prima che venga sparata la raffica di azoto. L’operazione solleva una grande quantità di detriti che volano tutto intorno al braccio di acquisizione.
Il braccio è stato abbassato a circa 10 centimetri al secondo quando ha contattato il sito da campionare.
L’obiettivo della squadra era raccogliere circa 60 grammi di polvere e sassolini dalla superficie di Bennu. Per determinare se tale obiettivo è stato raggiunto, Osiris-Rex ha manovrato a una distanza di sicurezza e ora sposterà il braccio in posizione per scattare foto della testa del collettore e valutare quanta massa si trova all’interno.
Non c’è alcuna garanzia che Osiris-Rex abbia raccolto un campione significativo. Mentre la sonda si avvicinava e poi trascorreva due anni in orbita e rilevando Bennu, è diventato chiaro che questo minuscolo mondo è diverso da ciò che gli scienziati si aspettavano. Il team sperava di trovare una serie di superfici sabbiose ideali per il campionamento, ma si è scoperto che Bennu è un mucchio di macerie, con un terreno accidentato disseminato di massi.
Saranno necessarie ulteriori misurazioni per confermare che il materiale si trovi all’interno della testa di campionamento, ma se Osiris-Rex avrà avuto successo, si unirà alle missioni giapponesi Hayabusa e Hayabusa-2 negli annali dell’esplorazione degli asteroidi. Hayabusa ha campionato e restituito un minuscolo frammento di materiale dall’asteroide Itokawa, e Hayabusa2 è in procinto di restituire un campione significativo di roccia spaziale Ryugu.
Se la missione avrà raccolto un campione, inizierà il lungo viaggio di ritorno verso la Terra, con un atterraggio programmato nel deserto dello Utah nel settembre 2023.

2