L’evoluzione culturale umana potrebbe rendere obsoleta l’evoluzione genetica

Oggi, secondo un nuovo studio, l'evoluzione non è più strettamente legata ai geni. Invece, la cultura umana potrebbe guidare l'evoluzione più velocemente di quanto possano funzionare le mutazioni genetiche

0
938

In balia della selezione naturale sin dagli albori della vita, i nostri antenati si sono adattati, si sono accoppiati e sono morti, trasmettendo minuscole mutazioni genetiche che alla fine hanno reso gli esseri umani quello che siamo.

Ma oggi, secondo un nuovo studio, l’evoluzione non è più strettamente legata ai geni. Invece, la cultura umana potrebbe guidare l’evoluzione più velocemente di quanto possano funzionare le mutazioni genetiche.

In questa concezione, l’evoluzione non richiede più che le mutazioni genetiche che conferiscono un vantaggio di sopravvivenza vengano trasmesse e diffuse. Invece, i comportamenti appresi trasmessi attraverso la cultura sono le “mutazioni” che forniscono vantaggi in termini di sopravvivenza. Questa cosiddetta evoluzione culturale può ora modellare il destino dell’umanità più fortemente della selezione naturale, sostengono i ricercatori.

Quando un virus attacca una specie, questa in genere diventa immune a quel virus attraverso l’evoluzione genetica“, ha spiegato il coautore dello studio Zach Wood, ricercatore post-dottorato presso la School of Biology and Ecology dell’Università del Maine.

Tale evoluzione funziona lentamente, poiché coloro che sono più suscettibili muoiono e solo coloro che sopravvivono trasmettono i loro geni.



Ma al giorno d’oggi, la maggior parte degli esseri umani non ha bisogno di adattarsi geneticamente a tali minacce. Invece, ci adattiamo sviluppando vaccini e altri interventi medici, che non sono il risultato del lavoro di una persona, ma piuttosto di molte persone che costruiscono sulle “mutazioni” accumulate della conoscenza culturale.

Sviluppando vaccini, la cultura umana migliora il suo “sistema immnunitario” collettivo, ha affermato il coautore dello studio Tim Waring, professore associato di modellizzazione dei sistemi socio-ecologici presso l’Università del Maine.

E a volte, l’evoluzione culturale può portare all’evoluzione genetica. “L’esempio classico è la tolleranza al lattosio“, ha spiegato Waring in un’intervista a WordsSideKick.com.

Bere latte di mucca è iniziato come un tratto culturale che ha poi guidato l’evoluzione [genetica] di un gruppo di umani“. In quel caso, il cambiamento culturale ha preceduto il cambiamento genetico, non viceversa.

Il concetto di evoluzione culturale è iniziato con il padre dell’evoluzione stesso, ha detto Waring. Charles Darwin capì che i comportamenti potevano evolversi ed essere trasmessi alla prole proprio come lo sono i tratti fisici, ma gli scienziati ai suoi tempi credevano che i cambiamenti nei comportamenti fossero ereditati.

Ad esempio, se una madre avesse un tratto che la spingeva a insegnare a una figlia a procurarsi il cibo, avrebbe trasmesso questo tratto ereditato a sua figlia. A sua volta, sua figlia avrebbe avuto maggiori probabilità di sopravvivere e, di conseguenza, quel tratto avrebbe finito per diventare più comune nella popolazione.

La trasmissione della cultura influenza l’evoluzione più rapidamente della genetica

Ecco perché: la cultura è orientata al gruppo e le persone in quei gruppi parlano, imparano e si imitano a vicenda. Questi comportamenti di gruppo consentono alle persone di trasmettere gli adattamenti appresi attraverso la cultura più velocemente di quanto i geni possano trasmettere benefici di sopravvivenza simili.

Un individuo può apprendere abilità e informazioni da un numero quasi illimitato di persone in un breve lasso di tempo e, a sua volta, diffondere tali informazioni a molti altri. E più persone sono disponibili da cui imparare, meglio è.

I grandi gruppi risolvono i problemi più velocemente dei gruppi più piccoli e la competizione tra gruppi stimola gli adattamenti che potrebbero aiutare quei gruppi a sopravvivere. Man mano che le idee si diffondono, le culture sviluppano nuovi tratti.

Al contrario, una persona eredita solo le informazioni genetiche da due genitori e accumula relativamente poche mutazioni casuali nelle loro uova o sperma, che impiegano circa 20 anni per essere trasmesse ai loro piccoli bambini. È solo un ritmo di cambiamento molto più lento.

Questa teoria è arrivata da molto tempo“, ha detto Paul Smaldino, professore associato di scienze cognitive e dell’informazione presso l’Università della California, Merced, che non era affiliato a questo studio. “Le persone hanno lavorato a lungo per descrivere come la biologia evolutiva interagisce con la cultura“.

È possibile, suggeriscono i ricercatori, che la comparsa della cultura umana rappresenti una pietra miliare evolutiva chiave.

Il loro grande argomento è che la cultura è il prossimo stato di transizione evolutiva“, ha detto Smaldino a WordsSideKick.com. Nel corso della storia della vita, gli stati chiave di transizione hanno avuto enormi effetti sul ritmo e sulla direzione dell’evoluzione.

L’evoluzione delle cellule con il DNA è stato un grande stato di transizione, e poi quando sono arrivate cellule più grandi con organelli e strutture interne complesse, è cambiato di nuovo il gioco. Le cellule che si uniscono in piante e animali sono state un altro grande cambiamento epocale, così come l’evoluzione del sesso, il passaggio alla vita sulla terra e così via.

Ciascuno di questi eventi ha cambiato il modo in cui ha agito l’evoluzione, e ora gli umani potrebbero trovarsi nel mezzo di un’altra trasformazione evolutiva. Potremmo ancora evolverci geneticamente, ma questo potrebbe non controllare più molto la sopravvivenza umana.

A lungo termine, suggeriamo che gli esseri umani si stiano evolvendo da singoli organismi genetici a gruppi culturali che funzionano come superorganismi, simili a colonie di formiche e alveari“, ha affermato Waring in una nota.

Ma la genetica guida le colonie di api, mentre il superorganismo umano esisterà in una categoria tutta sua. Che aspetto avrà quel superorganismo in un lontano futuro non è chiaro, ma probabilmente ci vorrà un villaggio per capirlo.

Pubblicato originariamente su Live Science.

2