Nuova scoperta sulla RAM renderà l’informatica inarrestabile

Una nuova scoperta che analizza il modo in cui la luce interagisce con i magneti potrebbe rendere la RAM più veloce che mai

RAM e è l’acronimo di “memoria ad accesso casuale“. Questi chip funzionano come memoria temporanea per un sistema operativo e la velocità è di grande importanza, poiché hanno costantemente bisogno di accedere a bit di memoria per far funzionare tutto senza intoppi.

RAM

Per più di due decenni, la versione più avanzata di questa tecnologia, la memoria ad accesso casuale magnetoresistiva o MRAM, è stata la tecnologia di riferimento per il tipo di elaborazione intensiva necessaria nelle applicazioni industriali, militari e spaziali.

Le implicazioni della nuova scoperta sulla RAM

Una nuova scoperta degli scienziati dell’Università Ebraica di Gerusalemme, ha illustrato come un meccanismo in un raggio laser può controllare lo stato magnetico nei solidi, che gli scienziati descrivono come un “cambiamento di paradigma” nella nostra comprensione del comportamento tra la luce e materiali magnetici.

I risultati dello studio sono stati pubblicati all’inizio di quest’anno sulla rivista Physical Review Research.

RAM

Questa scoperta ha implicazioni di vasta portata, in particolare nel campo della registrazione dei dati utilizzando la luce e i nanomagneti“, ha affermato in un comunicato stampa Amir Capua, capo del laboratorio di Spintronica dell’università e coautore dello studio.

Questa scoperta suggerisce la potenziale realizzazione di MRAM ultraveloci ed efficienti dal punto di vista energetico controllati otticamente e un cambiamento epocale nella memorizzazione e nell’elaborazione delle informazioni in diversi settori”.

Lo studio

La memoria ad accesso casuale funziona utilizzando elettromagneti incredibilmente piccoli che, una volta magnetizzati con la tensione, possono codificare come “acceso” o “spento“: 1 e 0 in linguaggio binario.

Questa innovazione analizza le proprietà magnetiche della luce, spesso trascurate, che hanno portato il team di ricerca a scoprire che le onde luminose che oscillano rapidamente possono controllare i magneti, un enorme vantaggio nel campo della memoria e dell’archiviazione dei dati.

Con la loro nuova equazione matematica, Capua e il suo team sono stati in grado di descrivere la forza di questa interazione, insieme all’“ampiezza del campo magnetico della luce, alla sua frequenza e all’assorbimento di energia del materiale magnetico”, come riferito il comunicato stampa.

Naturalmente, l’intersezione tra magnetismo e luce è una cosa vecchia nel regno quantistico, ma l’idea viene applicata raramente nel regno della spintronica, una combinazione di “spin” ed “elettronica” che esplora la relazione tra lo spin di un elettrone e il magnetismo. Questo concetto è ciò che sta alla base della MRAM, che utilizza la rotazione di un elettrone per archiviare informazioni.

RAM

Siamo arrivati a un’equazione molto elementare che descrive questa interazione“, ha detto Capua: “Ci consente di riconsiderare completamente la registrazione magnetica ottica e di orientarci verso un dispositivo di archiviazione magnetica ottica denso, efficiente dal punto di vista energetico ed economico che ancora non esiste nemmeno“.e

Pensando ai dispositivi di archiviazione che ancora non esistono, con l’avvicinarsi dell’era dei computer quantistici, sarà necessario che anche la memoria ad accesso casuale con capacità quantistica si avvicini. Una tale tecnologia potrebbe utilizzare un raggio di luce per fissare un bit magnetico in una sovrapposizione di 1 e 0, in modo simile a come funzionano i qubit nei computer quantistici.

Per ora, quel futuro è ancora lontano. Oggi la MRAM sta appena iniziando la sua ascesa nel mondo informatico, ma questa nuova scoperta le dà un grande impulso come chip di memoria del futuro.

Qual è la funzione della RAM?

La memoria ad accesso casuale, o RAM, di un computer svolge un ruolo fondamentale nel consentire al computer di eseguire processi e programmi. A differenza della sua controparte, la ROM (Read Only Memory), la memoria della RAM in realtà non è permanente o volatile in termini propri.

RAM

Pertanto, una volta spento il computer, il contenuto della memoria ad accesso casuale cesserà di esistere. Pertanto, non viene utilizzata per archiviare informazioni permanenti come il programma del sistema operativo, i sistemi di input/output e altre utilità necessarie. Piuttosto, funge da spazio temporaneo in cui la CPU può eseguire i suoi calcoli ed eseguire programmi o giochi.

Questo è il motivo per cui la maggior parte dei gamer si preoccupa meno della dimensione di archiviazione delle ROM e più spesso enfatizza la memoria ad accesso casuale quando parla di computer da game.

Articoli più letti

Related articles

2 Comments