La stella di neutroni che cambia identità

Una strana coppia di stelle presenti all’interno di un denso ammasso denominato Terzan 5, situato a 19.000 anni luce dal sistema solare, ha attirato l’attenzione di un team internazionale di astronomi.

Abbiamo osservato un sistema stellare binario esotico che emette sia raggi X che onde radio“, ha detto l’astrofisico dell’Università di Alberta Craig Heinke. “Solo 10 anni fa, sapevamo dell’esistenza di stelle di neutroni dette pulsar e di stelle di neutroni che strappano la materia dalle stelle compagne, ma nessuna che si comportava in entrambi i modi

La stella di neutroni che cambia identità

Gli scienziati del team the Milky Way ATCA and VLA Exploration of Radio Sources in Clusters (MAVERIC) hanno osservato l’insolito cambiamento nella nuova immagine, utilizzando i dati raccolti in 15 anni di ricerche dall’Osservatorio a raggi X Chandra della NASA.

Il sistema stellare è stato descritto in uno studio del 2018 condotto da Arash Bahramian, ora alla Curtin University. Nel sistema, una stella normale e una densa stella di neutroni orbitano l’una attorno all’altra e, a volte, il materiale stellare viene catturato dalla stella di neutroni, un fenomeno noto come vampirismo stellare.

Tuttavia, il sistema stellare ha un comportamento insolito, infatti alcune volte il flusso di materiale stellare si arresta e l’intenso campo magnetico della stella di neutroni ne accelera le particelle quasi alla velocità della luce, generando forti emissioni radio, note appunto come pulsar.

Conosciamo solo una manciata di queste stelle che si alternano, chiamate pulsar di transizione al millisecondo“, ha detto l’astrofisico Gregory Sivakoff, un co-investigatore del team MAVERIC. “Avevamo pensato a lungo che le stelle di neutroni dovessero mangiare materiale da una stella vicina per girare a velocità così elevate, ma è stato solo con la pulsar al millisecondo di transizione che abbiamo trovato il proiettile d’argento che ha dimostrato che la nostra ipotesi è probabilmente corretta“.

Sono noti solo tre esempi confermati di sistemi che cambiano identità, ha spiegato Sivakoff. Il primo è stato scoperto nel 2013 grazie al telescopio Chandra e molti altri telescopi a raggi X e radiotelescopi, che hanno reso la nuova immagine del sistema ancora più emozionante.

Il primo di questi sistemi ad essere scoperto ha suscitato un’enorme eccitazione, poiché rappresenta il Santo Graal dell’astronomia a raggi X: mostra che le stelle di neutroni  possono accendersi come pulsar“, ha affermato Heinke. “Ma ha anche generato una miriade di altre domande ed è stato molto difficile trovare sistemi come questo per ampliare la conoscenza. Questa scoperta apre un nuovo modo di cercare questi oggetti mentre impariamo di più su di loro, e speriamo di iniziare a svelare i loro misteri“.

Stelle di neutroni

Una stella di neutroni è una stella molto piccola e densa, composta quasi completamente da neutroni. Sono piccole stelle con un raggio di circa 11–11,5 chilometri. Hanno una massa pari a circa il doppio di quella del Sole. Sono le stelle più piccole e dense conosciute nell’Universo. Sono ciò che resta di un’enorme stella esplosa come supernova.

La densità della stella è come quella del nucleo di un atomo. Hanno forti campi magnetici, tra 10 8 e 10 15 volte più forti di quello della Terra. Il campo gravitazionale sulla superficie della stella di neutroni è circa 2×10 11 volte più forte che sulla Terra.

Per immaginare quanto sia densa una stella di neutroni, prendi tutta la massa del nostro Sole (che ha un diametro di 1.392.000 chilometri (865.000 mi)) e comprimila fino a raggiungere una dimensione che possa stare in una palla con un diametro di 19 chilometri (12 mi)) diametro. Un altro modo per capire la densità è questo: un cucchiaino di materia proveniente da una stella di neutroni peserebbe 6 miliardi di tonnellate.

Le stelle di neutroni ruotano molto velocemente, da 0,001 secondo fino a 30 secondi per girare. Ne esistono diversi tipi. Possono emettere fasci di radiazioni elettromagnetiche come pulsar. Altri tipi sono le magnetar e le pulsar binarie.

La loro temperatura supera i 600.000 gradi Kelvin. Le stelle di neutroni che possono essere osservate sono molto calde e tipicamente hanno una temperatura superficiale intorno 600.000K

Più letti nella settimana

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Perché l’Homo sapiens è sopravvissuto a tutte le altre specie umane?

Gli Homo sapiens sono gli unici rappresentanti sopravvissuti dell'albero...

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

In Tendenza

In che modo lo spray anti-THC garantisce la tua tranquillità?

La cannabis è diventata un argomento di preoccupazione per...

Ossigeno oscuro: straordinario ritrovamento a 4000 metri

La recente scoperta di un “ossigeno oscuro” prodotto da...

Venere di Brassempouy: all’avanguardia già 23.000 anni fa

La Venere di Brassempouy è una straordinaria scultura in...

Farmaci nello spazio: la scadenza di 3 anni un unico grande problema

L’esplorazione spaziale ha sempre rappresentato una delle frontiere più...

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Paradosso di Fermi: la realtà non è quella che ci appare

Tra i tentativi più fantasiosi di rispondere al paradosso di Fermi l'ipotesi del planetario vorrebbe che tutti noi fossimo immersi in una simulazione perfetta di una realtà virtuale.

Medioevo: la vita quotidiana delle persone

Il Medioevo è associato a battaglie epiche, storie leggendarie,...

La fisica cambia andando avanti o indietro nel tempo?

Le interazioni deboli violano la T-simmetria, dimostrando che le leggi della fisica non sono identiche se il tempo scorre avanti o indietro

Articoli correlati

Popular Categories