Espansione urbana: verso una catastrofe planetaria?

Gli esperti scientifici sostengono con urgenza una trasformazione significativa nella governance globale nella rapida espansione urbana

0
389
Espansione urbana: verso una catastrofe planetaria?
Espansione urbana: verso una catastrofe planetaria?

Gli esperti scientifici sostengono con urgenza una trasformazione significativa nella governance globale nella rapida espansione urbana per salvaguardare il futuro delle città di tutto il mondo e del pianeta nel suo insieme.

L'insostenibile espansione delle città
L’insostenibile espansione delle città

Le città stanno crescendo a un ritmo senza precedenti, esercitando pressioni enormi sui terreni sfruttati, sulle risorse scarse e sugli ecosistemi fragili. Le coraggiose proposte, guidate da esperti delle Università di Bristol, Oxford e Yale, propongono un nuovo sistema di consulenza globale per affrontare gli impatti allarmanti dell’espansione urbana. Questo sistema svolgerebbe una funzione simile a quella svolta dal Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPCC) per il cambiamento climatico.

L’impatto trascurato dell’espansione urbana

L’autrice principale, la Dott.ssa Jessica Espey, specialista in governance internazionale dello sviluppo sostenibile presso l’Università di Bristol, ha dichiarato: “Il cambiamento climatico attira grande attenzione a livello globale, ma c’è un enorme punto cieco quando si tratta di guardare all’impatto devastante che l’espansione urbana quasi incontrollata ha sul pianeta”.

“Una maggiore collaborazione internazionale è fondamentale per aiutare a gestire meglio la crescita sostenibile delle nostre città e proteggere i sistemi vitali della Terra, tra cui acqua, aria e terra, da cui tutti dipendiamo”.

Secondo un recente report di World Cities, più della metà (55%) della popolazione mondiale vive oggi nelle città e questa percentuale è destinata a salire fino a quasi i due terzi entro il 2050.



Le aree urbane insieme rappresentano circa i tre quarti delle emissioni di anidride carbonica, come riconosciuto dall’IPCC, ma la loro espansione non è governata collettivamente a livello multilaterale. Oltre ad esacerbare i cambiamenti climatici e i problemi di qualità dell’aria, le città stanno anche rimodellando drasticamente tutti e quattro i principali sistemi della Terra: idrosfera, atmosfera, biosfera e geosfera.

Espansione urbana e gestione efficiente del suolo: evidenze empiriche e spunti di riflessione
Espansione urbana e gestione efficiente del suolo: evidenze empiriche e spunti di riflessione

I costi ambientali dell’espansione urbana

La coautrice Karen Seto, professoressa di Geografia e Scienze dell’Urbanizzazione alla Yale School of the Environment e autrice dell’IPCC, ha dichiarato: “Il territorio occupato dall’espansione urbana in tutto il mondo è uno dei maggiori fattori di perdita di habitat e biodiversità. Ciò si verifica non solo a causa della bonifica e dell’occupazione del territorio da parte delle città, ma anche a causa della più profonda frammentazione del restante territorio non edificato. Questo frammenta la fauna selvatica e le aree ecologiche, oltre ad aumentare i rischi di incendi, parassiti e malattie che potrebbero diffondersi più facilmente”.

Lo smaltimento dei rifiuti, le emissioni nocive dell’industria e dei trasporti e lo sviluppo dei terreni contribuiscono al drastico declino della biodiversità. Anche le cosiddette alternative verdi, come le tecnologie ad alta efficienza energetica come l’illuminazione a LED, possono avere effetti dannosi, come la soppressione della produzione di melatonina, l’ormone che regola il sonno negli esseri umani e in altri organismi.

La necessità di una politica urbana integrata

Il professor Michael Keith, direttore del Peak Urban Research Program dell’Università di Oxford, che ha riunito gli autori e altri leader mondiali nella politica urbana globale, ha spiegato: “È tempo che i leader mondiali si alzino e si rendano conto che affrontare il cambiamento climatico non è possibile se non guardiamo a come progettiamo, costruiamo, finanziamo e gestiamo le città del mondo”.

Il coautore Tim Schwanen, professore di geografia dei trasporti all’Università di Oxford, chiede politiche più forti per sfruttare il potenziale delle città per guidare l’innovazione tecnologica e sociale per ridurre al minimo gli impatti negativi dell’urbanizzazione. Le proposte dei ricercatori sono state esposte in un articolo sulla rivista Science.

“Sviluppare le città attorno al trasporto pubblico, all’uso della bicicletta e al camminare può migliorare la salute pubblica e l’integrazione sociale riducendo al minimo le emissioni e il consumo di territorio e risorse naturali”, ha affermato il professor Schwanen.

Vista aerea dell'espansione urbana
Vista aerea dell’espansione urbana

Nonostante le conseguenze massicce e di vasta portata dell’espansione urbana, la maggior parte dei forum politici globali raramente discute la questione e non si consulta in modo sufficientemente sistematico con gli scienziati competenti che potrebbero offrire spunti importanti o soluzioni innovative.

Il dottor Espey, ex direttore del Sustainable Development Solutions Network delle Nazioni Unite, ha dichiarato: “Sebbene sia incoraggiante che il Segretario generale delle Nazioni Unite abbia recentemente creato un nuovo comitato consultivo scientifico indipendente, attualmente non esiste una rappresentanza per la scienza urbana. Questo deve cambiare se vogliamo affrontare collettivamente ed efficacemente alcune delle sfide globali più urgenti”.

Gli autori propongono un nuovo sistema consultivo per le scienze urbane, che lavorerebbe in tandem con l’Assemblea generale delle Nazioni Unite, per evidenziare le questioni rilevanti e mettere le informazioni più recenti sull’impatto trasformativo dell’espansione urbana nei radar dei politici.

La coautrice, la professoressa Susan Parnell, titolare della cattedra di Geografia umana presso l’Università di Bristol, ha aggiunto: “Questo non deve essere un esercizio ampio e costoso su così vasta scala come l’IPCC – altri modelli sono possibili. Il cambiamento deve avvenire adesso per non andare incontro a una catastrofe planetaria”.

2