4.5 C
Rome
domenica, Dicembre 4, 2022
HomeFisica/Astronomia/astrofisicaVenere potrebbe avere oceani d'acqua intrappolati nella sua crosta

Venere potrebbe avere oceani d’acqua intrappolati nella sua crosta

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Venere è un pianeta violento e inospitale, con la sua atmosfera densa e tossica traboccante di anidride carbonica, è permanentemente racchiusa in nuvole giallo-sporche di acido solforico, intrappolando tutto il calore sottostante, dove le pressioni e le temperature salgono a livelli di morte istantanea. Ma potrebbe esserci un barlume di speranza nel profondo del paesaggio infernale in superficie.

La “fase oceanica magmatica” di Venere

Il secondo pianeta dal sole potrebbe avere oceani d’acqua intrappolati nello strato di mantello sotto la sua crosta, che potrebbe fuoriuscire come vapore acqueo bollente se potessimo aprirlo, secondo un recente studio condiviso su un server di prestampa.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Ovviamente, questo non significa che Venere possa essere terraformata, e probabilmente non lo sarà mai. Ma se mai trovassimo un modo per attingere a un “serbatoio” d’acqua sotto la sua crosta, la nostra comprensione di Venere e di altri pianeti terrestri oltre il nostro sistema solare, potrebbe essere cambiata per sempre.

Giovani mondi ricoperti da un oceano di caldo magma

In passato, gli scienziati hanno proposto che il vapore colossale e le atmosfere di CO2 potrebbero essere degassati dagli oceani di magma sulla Terra e su altri pianeti terrestri (rocciosi, simili alla Terra). Quando si formano pianeti rocciosi simili alla Terra, la distribuzione di elementi volatili come carbonio (C), idrogeno (H) e ossigeno (O) nei componenti planetari primari, che includono il nucleo, il mantello caldo e l’atmosfera esterna, determinano e regolano il modo in cui l’atmosfera di un pianeta terrestre si forma e si evolve nel tempo.

Mentre il pianeta viene colpito da meteore e altri corpi sempre più ricchi di risorse, si forma il nucleo di ferro e un oceano mondiale di forme di magma caldo. Pensa alle simulazioni della Terra colpita da un asteroide gigante e al risultato di un colossale oceano di magma che si riversa attraverso la crosta strappata, come il sangue da una ferita.

Per analogia molto vaga, ecco come iniziano i pianeti simili alla Terra. Ma una parte significativa di C e H subirebbe cicli geochimici a breve e lungo termine. “Il degassamento shock di una sostanziale H2O (vapore acqueo) da minerali idrati per simulare gli impatti durante l’accrescimento planetario ha motivato l’indagine sull’effetto di copertura di un’atmosfera di vapore sopra la Terra fusa delle origini”, hanno scritto gli autori dello studio. Ma la creazione di atmosfere in questo modo sarebbe subordinata a intensi scambi con l’interno fuso di un pianeta roccioso.

I ricercatori hanno esaminato l’evoluzione dei sistemi di magma oceano-atmosfera in una serie di condizioni e hanno determinato che le complesse reazioni che si verificano quando il magma di un pianeta è esposto impediscono a circa il 75% dell’acqua contenuta al suo interno di fuoriuscire nell’atmosfera, il che può rallentare o prevenire la formazione di oceani sulla superficie di un pianeta.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Gli oceani d’acqua potrebbero essere intrappolati nel mantello di pianeti simili alla Terra

Tuttavia, se le condizioni naturali o qualche altro meccanismo permettesse a una superficie fusa di persistere nell'”aria aperta” della superficie di un pianeta roccioso, ciò potrebbe consentire la transizione della sua atmosfera da un’atmosfera ricca di CO a una ricca di acqua. Secondo la ricerca, una grande porzione dell’acqua depositata su pianeti terrestri come Venere (o Terra) durante i loro primi anni di formazione potrebbe rimanere intrappolata all’interno dei loro interni durante la “fase oceanica magmatica“. Ciò significherebbe che l’acqua contenuta all’interno potrebbe fuoriuscire solo su scale temporali geologiche molto graduali.

“In definitiva, l’elevata solubilità dell’H2O negli oceani di magma può consentire il suo stoccaggio sicuro durante la fase tumultuosa della formazione del pianeta”, hanno concluso gli autori nel loro studio. Sebbene ciò non implichi che gli oceani d’acqua si formeranno su Venere, significa comunque che i pianeti terrestri, tra cui la Terra e altri pianeti rocciosi oltre il nostro sistema solare, potrebbero trattenere l’acqua sotto la crosta, intrappolata nel mantello sottostante. Anche se le condizioni della superficie di Venere potrebbero uccidere qualsiasi essere umano in un istante.

Articoli più letti