Il Tyrannosaurus rex potrebbe essere stato intelligente quanto le scimmie moderne

Il dibattito sull'intelligenza del Tyrannosaurus rex continua, con un nuovo studio che si mette in discussione la teoria originale secondo cui questi temibili giganti non erano poi così brillanti

2
107
Tyrannosaurus mcraeensis, Tyrannosaurus rex

Il dibattito sull’intelligenza del Tyrannosaurus rex continua, con un nuovo studio che ha messo in discussione la teoria originale secondo cui questi temibili giganti non erano poi così brillanti.

Tyrannosaurus mcraeensis, Tyrannosaurus rex
Tyrannosaurus rex

L’intelligenza del Tyrannosaurus rex

Nel 2023 uno studio controverso ha suggerito che uno dei dinosauri più famigerati del mondo, il Tyrannosaurus rex, potrebbe essere intelligente quanto le scimmie moderne, provocando molto scetticismo da parte di altri ricercatori che ora hanno portato sul tavolo le loro ricevute.

Tyrannosaurus mcraeensis

La possibilità che il Tyrannosaurus rex potesse essere intelligente quanto un babbuino è affascinante e terrificante, con il potenziale di reinventare la nostra visione del passato“, ha spiegato il paleontologo dell’Università di Southampton Darren Naish: “Ma il nostro studio ha dimostrato come tutti i dati che abbiamo siano contrari a questa ipotesi”.

Guidato dallo zoologo Kai Caspar dell’Università Heinrich Heine in Germania, il nuovo studio ha scoperto che le misurazioni delle dimensioni del cervello della ricerca del 2023 erano imprecise, gonfiando le stime sul numero di neuroni che i rettili preistorici potevano possedere nella loro testa, in particolare nel prosencefalo.



Lo studio

Questa sopravvalutazione era dovuta principalmente al fatto che l’articolo originale presupponeva che il cervello del Tyrannosaurus rex riempisse la maggior parte dello spazio endocranico, il che non è vero nella maggior parte dei dinosauri, ha spiegato Naish.

Inoltre, Caspar e colleghi hanno sostenuto che il conteggio dei neuroni non corrisponde in modo affidabile all’intelligenza. Prendiamo ad esempio gli uccelli: per molto tempo si è creduto che le dimensioni ridotte della loro testa significassero che avessero meno neuroni e quindi non fossero molto intelligenti.

Da allora tuttavia abbiamo imparato che gli uccelli come i corvi possono sovraperformare i primati in determinati compiti cognitivi nonostante le loro teste più piccole, portando alla conclusione che fattori diversi dalle dimensioni del cervello, come i modelli di connettività m, svolgono un ruolo più importante nel determinare l’intelligenza.

Noi sosteniamo che non sia una buona pratica predire l’intelligenza nelle specie estinte quando il conteggio dei neuroni ricostruito dagli endocast è tutto quello su cui possiamo basarci“, ha specificato Casper.

Sono invece necessarie molteplici linee di prova, dall’anatomia agli indizi sul comportamento e ulteriori confronti con gli animali moderni, per effettuare stime più accurate sulle intelligenze preistoriche.

È necessaria una comprensione sostanzialmente migliore della relazione tra il conteggio dei neuroni e altre variabili biologiche, in particolare le prestazioni cognitive, negli animali esistenti“, prima che possano verificarsi previsioni più accurate, ha sostenuto il team di ricerca.

Recenti indizi comportamentali hanno suggerito che il Tyrannosaurus rex potrebbe essere stato sorprendentemente sociale, cacciando in branco, ma questo non è sufficiente per suggerire un’intelligenza a livello di primate.

Erano più simili a coccodrilli giganti intelligenti, e questo è altrettanto affascinante“, ha dichiarato Naish.

I grandi teropodi come il Tyrannosaurus rex erano animali longevi ed eccezionalmente intelligenti dotati di “cognizione simile a quella del macaco o del babbuino“, mentre i sauropodi e la maggior parte dei dinosauri ornitischi avrebbero mostrato cervelli significativamente più piccoli e una fisiologia ectotermica.

Dinosauri

Oltre a mettere in discussione le opinioni consolidate sulla biologia dei dinosauri mesozoici, queste affermazioni sollevano dubbi sul fatto che le stime del conteggio dei neuroni possano apportare benefici alla ricerca sugli animali fossili in generale.

Stime riviste dell’encefalizzazione e del conteggio dei neuroni telencefalici nei dinosauri, che deriviamo da modelli filogeneticamente informati e da un set di dati modificato di misurazioni endocraniche. Per i teropodi di grandi dimensioni in particolare, recuperiamo conteggi di neuroni significativamente inferiori rispetto a quanto proposto in precedenza.

Inoltre, gli studiosi hanno esaminato l’idoneità delle variabili neurologiche come il numero di neuroni e le relative dimensioni del cervello per prevedere la complessità cognitiva, il tasso metabolico e i tratti della storia della vita nei dinosauri, arrivando alla conclusione che sono indicatori errati di questi fenomeni biologici.

Invece di fare affidamento su tali stime neurologiche nel ricostruire la biologia dei dinosauri mesozoici, i ricercatori hanno ribadito che siano necessari studi integrativi per affrontare questo argomento complesso.

Conclusioni

Il conteggio dei neuroni dei dinosauri e le relative stime delle dimensioni del cervello presentate da Herculano-Houzel ( 2023 ) sono imprecise a causa di carenze metodologiche, in particolare per Tyrannosaurus rex.

Di conseguenza, le deduzioni biologiche tratte da essi non sono plausibili. Come è stato dimostrato nella ricerca, non ci sono prove convincenti che le dimensioni relative del cervello nei teropodi di grandi dimensioni differissero significativamente da quelle dei sauropsidi non aviari esistenti, e il loro numero di neuroni telencefalici probabilmente non era eccezionale, specialmente per animali delle loro dimensioni.

Tracce di dinosauri

Inoltre, gli studiosi hanno evidenziato i problemi associati alle stime del conteggio dei neuroni nella paleontologia dei vertebrati e hanno discusso contro il loro uso nella ricostruzione di variabili comportamentali e della storia della vita, specialmente in animali come i dinosauri non aviari, per i quali si potrebbero ipotizzare densità di neuroni disparate sulla base di diverse differenze filogenetiche e morfologiche.

Per ovvie ragioni, molte delle deduzioni che si potrebbero fare sul comportamento dei dinosauri mesozoici rimarranno limitate. Si possono tuttavia valutare alcune previsioni, in una certa misura, all’interno di quadri empirici integrativi ai quali le stime del conteggio dei neuroni potrebbero essere aggiunte in futuro.

Prima che tali passi possano essere intrapresi, tuttavia, è necessaria una comprensione sostanzialmente migliore della relazione tra il numero di neuroni e altre variabili biologiche, in particolare le prestazioni cognitive, negli animali esistenti.

La ricerca è stata pubblicata su The Anatomical Record.

2