L’universo potrebbe essere pieno di buchi neri ultraleggeri che non possono morire

I buchi neri primordiali sono oggetti ipotetici formatisi durante i primi istanti dell’Universo. Secondo i modelli, si sono formati da microfluttuazioni nella densità della materia e nello spaziotempo per diventare buchi neri ammassati come montagne delle dimensioni di un granello di sabbia.

Secondo una teoria ogni buco nero potrebbe contenere un universo, buchi neri

I buchi neri primordiali

Anche se non sono mai stati rilevati buchi neri primordiali, essi hanno tutte le proprietà necessarie della materia oscura, come non emettere luce e la capacità di raggrupparsi attorno alle galassie. Se esistessero, potrebbero spiegare la maggior parte della materia oscura.

Lo svantaggio è che la maggior parte di essi sono stati esclusi dall’osservazione. Ad esempio, per tenere conto della materia oscura dovrebbero esserci così tanti di questi pipsqueak gravitazionali che spesso passerebbero davanti a una stella dal nostro punto di vista.

Questo creerebbe un bagliore di microlente che dovremmo osservare regolarmente. Diverse indagini del cielo hanno cercato un evento del genere senza alcun risultato, quindi la materia oscura PBH non è un’idea popolare al giorno d’oggi.

I buchi neri ultraleggeri

Il nuovo studio ha un approccio leggermente diverso. Invece di considerare i tipici buchi neri primordiali, considera i buchi neri ultraleggeri. Queste sono le masse più piccole tra quelle possibili e sono così piccole che entrerebbe in gioco la radiazione di Hawking.

Il tasso di decadimento di Hawking è inversamente proporzionale alla dimensione di un buco nero, quindi questi buchi neri ultraleggeri dovrebbero irradiarsi fino alla fine della loro vita in un breve lasso di tempo cosmico. Dato che non disponiamo di un modello completo della gravità quantistica, non sappiamo cosa accadrebbe alla fine ai buchi neri ultraleggeri.

buco nero M87*
I buchi neri primordiali sono oggetti ipotetici formatisi durante i primi istanti dell’Universo. Secondo i modelli, si sono formati da microfluttuazioni nella densità della materia e nello spaziotempo per diventare buchi neri ammassati come montagne delle dimensioni di un granello di sabbia

Secondo la ricerca, fondamentalmente ci sono tre possibili risultati. Il primo è che il buco nero si irradia completamente. Il buco nero finirebbe come un breve lampo di particelle ad alta energia. La seconda è che qualche meccanismo impedisce la completa evaporazione e il buco nero raggiunge una sorta di stato di equilibrio

La terza opzione è simile alla seconda, ma in questo caso lo stato di equilibrio fa scomparire l’orizzonte degli eventi, lasciando esposta una massa densa nota come singolarità nuda. Lo studio inoltre ha indicato che per gli ultimi due risultati gli oggetti potrebbero avere una carica elettrica netta.

Conclusioni

Nel caso dell’evaporazione, l’incognita più grande sarebbe la sua tempistica. Se i PBH fossero inizialmente piccoli, evaporerebbero rapidamente e si aggiungerebbero all’effetto di riscaldamento del ccosmo primordiale.

Se evaporassero lentamente, dovremmo essere in grado di vedere la loro morte come un lampo di raggi gamma. Nessuno di questi effetti è stato osservato, ma è possibile che rilevatori come il Large Area Telescope di Fermi possano coglierne uno sul fatto.

Webb scopre il buco nero più antico mai osservato, Markarian 817

Per le ultime due opzioni, lo studio ha sostenuto che l’equilibrio verrebbe raggiunto attorno alla scala di Planck. I resti avrebbero le dimensioni di un protone ma con masse molto più elevate. Sfortunatamente, se questi resti fossero elettricamente neutri, sarebbero impossibili da rilevare.

Non decadrebbero in altre particelle, né sarebbero abbastanza grandi da poter essere rilevate direttamente. Questo corrisponderebbe all’osservazione, ma non è un risultato soddisfacente. Il modello è sostanzialmente indimostrabile.

Se le particelle avessero una carica, potremmo rilevarne la presenza nella prossima generazione di rilevatori di neutrini. Il focus di questo lavoro è che i buchi neri primordiali non sono del tutto esclusi dalle osservazioni attuali. Fino a quando non avremo dati migliori, questo modello si aggiungerà alla pila teorica di molte altre possibilità.

La ricerca è stata pubblicata su arXiv

Più letti nella settimana

New Horizons: lo spazio profondo è davvero completamente buio

Quattro anni fa, gli astronomi hanno avuto una spettacolare...

Siamo davvero andati sulla Luna? Il complotto lunare

Sono trascorsi oltre 50 anni dal giorno in cui la missione Apollo 11 sbarcò sulla Luna. Sono stati realizzati film, documentari, scritti libri ed esaminate le rocce

Rinvenuta grotta lunare che potrebbe ospitare gli astronauti – video

Mentre la NASA e altre agenzie spaziali pianificano una...

Rinvenuti cristalli di zolfo giallo su Marte

Gli scienziati della NASA sono rimasti sbalorditi quando una...

Pi greco: nuova rappresentazione scoperta nella teoria delle stringhe

I ricercatori hanno trovato una nuova rappresentazione in serie...

In Tendenza

Google non eliminerà i cookie di terze parti

Google non intende più interrompere il supporto per i...

Puglia 2024: tutti gli eventi per un’estate indimenticabile

I villaggi all inclusive in Puglia stanno diventando sempre...

Blazar S5 1803+78: scoperta affascinante variabilità ottica

I blazar sono tra gli oggetti più enigmatici e...

TeraNet: laser spaziali per velocità internet 1000x

La 'TeraNet' della University of Western Australia, una rete...

Rapporto Limits to Growth: il 2030 segnerà il declino della civiltà

Limits to Growth è tanto impressionante quanto intimidatorio. Tutti i risultati per il nostro futuro prevedono un declino della nostra civiltà entro i prossimi 20 anni

Infezioni urinarie: in arrivo un vaccino per prevenirle?

Le infezioni urinarie rappresentano una delle condizioni mediche più...

Flavanoli per controllare la pressione sanguigna naturalmente

Gli alimenti ricchi di flavanoli, come mele, bacche, noci e...

Un millepiedi gigante perso da 120 anni è stato ritrovato

Nel cuore della foresta di Makira, una delle aree...

Articoli correlati

Popular Categories