Resti del Nazi V2, il primo razzo supersonico

I resti di un razzo V2 lanciato dalla Germania nazista a Londra durante la seconda guerra mondiale sono stati dissotterrati in un campo nel sud-est dell'Inghilterra, dove si è schiantato ed è esploso prima di raggiungere il suo obiettivo

1718

I resti di un razzo V2 lanciato dalla Germania nazista a Londra durante la seconda guerra mondiale sono stati dissotterrati in un campo nel sud-est dell’Inghilterra, dove si è schiantato ed è esploso prima di raggiungere il suo obiettivo.

Questo è il sesto grande scavo di un sito V2 effettuato dagli archeologi del conflitto e dai fratelli Colin e Sean Welch, che hanno trascorso più di 10 anni a indagare sui siti delle “armi di vendetta” naziste lanciate nella capitale britannica.

Hanno anche scavato i siti di impatto di dozzine di bombe volanti V1, un precursore dei moderni missili da crociera lanciati principalmente da catapulte nella Francia occupata dai nazisti nel 1944 e nel 1945. 

Il team ha trascorso quattro giorni a scavare il sito del cratere del 1944 con una scavatrice meccanica, pale e metal detector. I resti più profondi dell'esplosione erano a più di 14 piedi sotto terra.
Il team ha trascorso quattro giorni a scavare il sito del cratere del 1944 con una scavatrice meccanica, pale e metal detector. I resti più profondi dell’esplosione erano a più di 14 piedi sotto terra.

Nell’ultimo scavo V2 vicino a Platt, un villaggio vicino a Maidstone, i ricercatori – chiamati Crater Locators – hanno recuperato più di 1.760 libbre (800 chilogrammi) di detriti metallici, inclusi grandi frammenti della camera di combustione del razzo, da quando il razzo è esploso intorno a mezzanotte il 14 febbraio 1945.

Il sito è ora un terreno agricolo aperto, ma era un frutteto quando il razzo l’ha colpito. L’impatto è stato abbastanza lontano da qualsiasi casa e nessuno è rimasto ferito, ma una donna anziana ha detto in seguito che il rumore dell’esplosione ha danneggiato il suo udito, ha dichiarato Sean Welch a WordsSideKick.com.
 

Il team ha trascorso quattro giorni alla fine di settembre utilizzando una scavatrice meccanica e pale per scavare il cratere della bomba, che era stato riempito di terra sebbene la sua posizione fosse nota. Ora trascorreranno fino a 18 mesi per conservare gli oggetti prima di redigere un rapporto archeologico per gli archivi storici ufficiali della contea.

Il team ha utilizzato i metal detector per localizzare i resti più profondi dell’esplosione, che erano a più di 14 piedi (4,3 metri) sottoterra, ha detto Colin Welch

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“Sebbene il razzo viaggi fino a tre volte e mezzo la velocità del suono, la detonazione non è supersonica”, ha detto. “Il razzo arriva ad almeno 1,5 metri di profondità nel terreno prima di iniziare a esplodere correttamente”.

Advertisement

Armi di vendetta: i razzi V1 e V2

Le bombe volanti V1 e i razzi V2 erano tra le ultime “Wunderwaffen“, o “armi miracolose“, che la leadership nazista sperava avrebbero cambiato le sorti della guerra, che la Germania stava perdendo, ma arrivarono troppo tardi.

Secondo il Museo dell’aria e dello spazio dello Smithsonian Institute, Adolf Hitler ordinò che i V1 e i V2 fossero schierati contro Londra in seguito ai devastanti bombardamenti alleati delle città tedesche nel 1943 e 1944, e il suo ministro della propaganda Joseph Goebbels li soprannominò “Vergeltungswaffe” o “armi della vendetta“. ” Il primo V1 colpì Londra il 13 giugno 1944 e il primo V2 il 7 settembre 1944.

I V1 volavano all’incirca alla velocità di un aereo da combattimento in quel momento e i piloti della Royal Air Force impararono presto ad abbatterli o a mandarli fuori rotta. Anche i loro motori a getto d’impulso facevano molto rumore – erano soprannominati “bombe ronzanti” – così la gente poteva sentirli arrivare e cercare di mettersi al riparo.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

I razzi V2, tuttavia, furono le prime armi supersoniche ed erano molto temuti perché nessuno poteva sentirli arrivare, e volavano troppo in alto e velocemente per essere intercettati. L’esercito tedesco ha lanciato i razzi da siti in Germania a un’altitudine di circa 50 miglia (80 chilometri); poi caddero sui loro bersagli, raggiungendo velocità fino a 3.500 mph (5.600 km/h.) 

Sebbene i V2 fossero più sofisticati, i V1 erano molto più economici da realizzare e tendevano a esplodere a livello del suolo, piuttosto che dopo essere entrati nel terreno, il che li rendeva armi più efficaci, ha affermato Colin Welch.

Gli attacchi missilistici V2 su Londra uccisero circa 9.000 civili e militari, mentre entrambi i Vergeltungswaffen tedeschi messi insieme uccisero fino a 30.000 persone, secondo l’ Imperial War Museum di Londra.

Lanci notturni

Diversi razzi V2 non sono riusciti a raggiungere la capitale britannica e sono atterrati nel Kent; Colin e Sean Welch pensano che ciò sia dovuto al fatto che sono stati lanciati di notte quando il targeting era meno preciso. Con il progredire della campagna V2, sostengono, i lanci potrebbero essere stati individuati dagli operatori radar alleati, che avrebbero quindi guidato gli squadroni di caccia verso la posizione. Per evitare gli attacchi degli aerei alleati, i tedeschi hanno iniziato a lanciare V2 di notte quando la maggior parte dei caccia non poteva volare, il che ha portato a una peggiore precisione da parte degli equipaggi di terra che hanno puntato i razzi.
 
Un codice di tre lettere che indica la fabbrica nell'Europa occupata dai nazisti in cui è stata realizzata la parte
Un codice di tre lettere che indica la fabbrica nell’Europa occupata dai nazisti in cui è stata realizzata la parte
Alcuni dei resti di metallo contorto del V2 che si è schiantato ed è esploso vicino a Platt nel 1944 sono impressi con un codice di tre lettere che indica la fabbrica nell’Europa occupata dai nazisti in cui è stata realizzata la parte.

Fino a poco tempo fa, gli storici pensavano che tutti i successivi V2 fossero stati costruiti sotto la direzione dello scienziato missilistico tedesco Wernher von Braun in tunnel sotterranei vicino a Nordhausen, ai piedi delle montagne tedesche dell’Harz. 

Advertisement

Ma ora sembra che lo stabilimento di Nordhausen fosse solo una catena di montaggio e i codici di tre lettere mostrano che i nazisti hanno fabbricato le parti V2 in fabbriche lontane fino alla Cecoslovacchia occupata, ha detto Sean Welch.

Diversi razzi V2 non lanciati furono catturati dagli invasori americani dopo la seconda guerra mondiale e furono utilizzati nel programma spaziale degli Stati Uniti.
Diversi razzi V2 non lanciati furono catturati dagli invasori americani dopo la seconda guerra mondiale e furono utilizzati nel programma spaziale degli Stati Uniti.

Lo stesso Von Braun è un personaggio controverso. Ha affermato di non conoscere le atrocità naziste, ma era un membro delle SS paramilitari naziste (“Schutzstaffel“, che significa “squadra di protezione”) e secondo il White Sands Missile Range Museum più di 12.000 lavoratori forzati sono morti sulla sua linea di produzione V2 in un solo anno. 

Ma von Braun fu catturato dagli americani dopo la guerra e divenne un pioniere della corsa allo spazio; nel 1960 fu nominato direttore del Marshall Space Flight Center della NASA, dove sviluppò i razzi che spinsero la navicella Apollo sulla luna.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

L’esercito americano nella Germania del dopoguerra ha anche catturato diversi V2 in varie fasi di assemblaggio e li ha spediti negli Stati Uniti, dove sono diventati la base del nascente programma spaziale. Nel 1946, un V2 modificato lanciato dalla White Sands Missile Range nel New Mexico ha raggiunto un’altitudine di 65 miglia (105 km) e ha scattato la prima fotografia della Terra dallo spaziosecondo quanto riportato dalla rivista Air & Space.

Advertisement