I primi esseri umani sopravvissero all’eruzione del super-vulcano Toba

I ricercatori dell'ASU in Sud Africa stanno studiando come gli esseri umani siano stati in grado di continuare la propria vita nonostante un importante cambiamento climatico avvenuto circa 74.000 anni fa dopo l'eruzione del super-vulcano di Toba

0
1510
Indice

I ricercatori dell’ASU in Sud Africa stanno studiando come gli esseri umani siano stati in grado di continuare la propria vita nonostante un importante cambiamento climatico avvenuto circa 74.000 anni fa dopo l’eruzione del super-vulcano di Toba in Indonesia.

Curtis Marean, professore e direttore associato presso l’Institute of Human Origins dell’ASU, è il direttore del progetto di un sito di ricerca nella città costiera meridionale di Pinnacle Point, in Sudafrica .

Quando Toba è esploso e ha sfidato la specie umana con un brusco cambiamento climatico, gli umani hanno continuato a prosperare, ha scritto Marean in un articolo pubblicato da Nature il 12 marzo.

Marean ha iniziato la sua ricerca a Pinnacle Point in Sudafrica nel 1999. Ha detto di avere una serie di domande di ricerca sulle origini degli esseri umani moderni e credeva che la costa meridionale del Sudafrica fosse la migliore regione di destinazione.

I ricercatori sul posto hanno trovato diversi frammenti di vetro e hanno iniziato il lavoro di geochimica per dimostrare che provenivano da Toba. Quando hanno esaminato per la prima volta i frammenti al microscopio, i ricercatori hanno determinato che erano vulcanici.



Esaminando il numero di frammenti nel sito con tecniche di mappatura tridimensionale, i ricercatori hanno ipotizzato che non ci fosse un reale cambiamento nello stile di vita delle persone che vivevano lì durante il periodo dell’eruzione. Ciò è dovuto alla fitta quantità di manufatti rimasti, il che indica che non c’erano periodi definiti in cui le persone lasciavano l’area.

“Abbiamo scavato i siti con tecniche ad altissima risoluzione: ogni artefatto viene misurato con un dispositivo di posizionamento laser che ci fornisce una precisione sub-millimetrica”, ha scritto Marean in un’e-mail. “Abbiamo quindi esaminato la distribuzione degli artefatti attraverso lo strato di input di frammenti.”

Marean ha detto che le loro attuali tecniche di datazione hanno una precisione di circa il dieci percento, quindi la datazione di Toba è più o meno 7.000 anni.

“Toba è datato in modo molto più preciso, quindi fornisce un modo per calibrare la nostra datazione ad alta precisione”, sostiene Marean. “Nel nostro articolo, abbiamo trovato (frammenti) in due siti vicini l’uno all’altro, quindi quei siti erano probabilmente realizzati da persone dello stesso gruppo sociale. Questo è un risultato assolutamente incredibile. Non è mai stato raggiunto in paleoscienza prima del nostro studio”.

Erich Fisher, un ricercatore dell’Institute of Human Origins, ha contribuito a sviluppare tecnologie di mappatura 3D dettagliate che possono essere utilizzate nei siti archeologici di tutto il mondo. Fisher e il suo team stanno utilizzando questa tecnologia a Pinnacle Point.

“La tecnica più comune che usiamo è con una macchina chiamata Stazione Totale, e questa macchina misura angoli e distanze usando i laser”, afferma Fisher. “Possiamo usarlo per mappare la posizione di artefatti, campioni e tutto ciò che possiamo trovare nei siti archeologici con precisioni fino al centimetro e al millimetro.”

Fisher ha affermato che, osservando i modelli spaziali, i luoghi specifici in cui si trovavano le cose e come tutti questi elementi cambiano nel tempo, i ricercatori possono apprendere come le persone vivevano la propria vita non solo decenni fa, ma anche decine di migliaia di anni fa.

Fisher ha affermato di aver mappato migliaia di manufatti e pezzi di osso in questo sito archeologico in Sud Africa.

“Non ci sono periodi reali in cui le persone hanno lasciato il sito o altro, è un’occupazione continua”, sostiene Fisher. “Ci si potrebbe aspettare che all’improvviso ci possa essere una lacuna, e non ci sarebbero materiali archeologici o qualcosa del genere, ma non vediamo alcuna prova del genere in cui abbia avuto un impatto importante sulla vita delle persone”.

Christopher Campisano, professore associato presso la School of Human Evolution and Social Change e ricercatore associato presso la School of Human Origins, ritiene che studiare eventi accaduti migliaia di anni fa aiuti i ricercatori a capire da dove vengono gli esseri umani e come gli stili di vita siano cambiati nel tempo.

2