2.3 C
Rome
venerdì, Dicembre 2, 2022
HomeArcheologia e StoriaIl segreto della porta dell'inferno a Hierapolis

Il segreto della porta dell’inferno a Hierapolis

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Una grotta che gli antichi romani credevano fosse una porta per gli inferi sita a Hierapolis fosse così mortale che uccideva tutti gli animali che vi entravano, senza danneggiare i sacerdoti umani che li guidavano.

Millenni dopo, gli scienziati ritengono di aver capito il motivo: una nuvola concentrata di anidride carbonica soffocava coloro che la respiravano.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Risalente a 2.200 anni fa, la grotta è stata riscoperta dagli archeologi dell’Università del Salento nel 2011.

Si trova in una città chiamata Hierapolis nell’antica Frigia, l’attuale Turchia, ed era usata per sacrifici animali, soprattutto tori. Era chiamata Porta di Plutone, dal nome del dio degli inferi – ed era custodita da un ordine di sacerdoti castrati.

Mentre i sacerdoti conducevano i tori nell’arena, le persone potevano sedersi su sedili rialzati in un’arena e guardare mentre i fumi emanati dal cancello portavano gli animali alla morte.

Questo spazio è pieno di un vapore così nebbioso e denso che si riesce a malapena a vedere il suolo. Qualsiasi animale che vi entra incontra una morte quasi istantanea. Vi ho buttato dei passeri e, immediatamente, hanno esalato l’ultimo respiro e sono caduti“, così scriveva lo storico greco Strabone (64 aEV – 24 CE).

È stato questo fenomeno che ha fatto capire ad un team di archeologi la posizione della grotta. Gli uccelli che volavano troppo vicino all’ingresso della grotta cadevano morti, dimostrando che, migliaia di anni dopo, le esalazioni della grotta sono ancora mortali.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Si tratta di un fenomeno dovuto ad attività sismica sotterranea, secondo il vulcanologo Hardy Pfanz dell’Università di Duisburg-Essen in Germania, che ha condotto uno studio sul gas che filtra dalla grotta nel 2018. Una fessura che scorre in profondità sotto la regione emette grandi quantità di anidride carbonica vulcanica .

Il team ha effettuato misurazioni dei livelli di anidride carbonica nell’arena collegata alla grotta e ha scoperto che il gas – leggermente più pesante dell’aria – forma un “lago” che si innalza di 40 centimetri sopra il pavimento dell’arena.

Questo gas viene dissipato dal Sole durante il giorno, hanno scoperto, ma è più letale all’alba dopo una notte di accumulo. La concentrazione supera il 50 percento sul fondo del lago, arrivando ancora al 35 percento a 10 centimetri, il che potrebbe persino uccidere un essere umano, ma, oltre i 40 centimetri, la concentrazione diminuisce rapidamente.

Durante il giorno, c’è ancora un po’ di anidride carbonica che si estende per circa 5 centimetri, come evidenziato dai coleotteri morti trovati dal team di ricerca sul pavimento dell’arena. All’interno della grotta, dove sole e vento non riescono a svolgere la loro azione dissipatrice, i livelli di CO2 sono sempre compresi tra l’86 e il 91 percento.

Il team osserva che anticamente la grotta era una vera e propria attrazione. Ai turisti venivano venduti piccoli animali e uccelli che si potevano lanciare sul pavimento dell’arena per essere sacrificati, e nei giorni di festa, gli animali più grandi venivano sacrificati dai sacerdoti.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

“Mentre il toro si trovava nel lago di gas con la bocca e le narici a un’altezza compresa tra 60 e 90 cm, i grandi sacerdoti stavano sempre in piedi nel lago, preoccupandosi che il loro naso e la loro bocca fossero ben al di sopra del livello del gas tossico”, è riportato nell’articolo.

plutonio oggi

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Gli spettatori vedevano tori grandi e forti soccombere ai fumi in pochi minuti, mentre i sacerdoti rimanevano forti e sani – una testimonianza del potere degli dei o dei sacerdoti, presumibilmente.

Tuttavia, i ricercatori ritengono che i sacerdoti fossero ben consapevoli delle proprietà della grotta e dell’arena, e probabilmente conducevano le loro cerimonie soprattutto all’alba o al tramonto dei giorni senza vento per ottenere il massimo effetto.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Archaeological and Anthropological Sciences

Articoli più letti