14.8 C
Rome
domenica, Dicembre 4, 2022
HomeEsplorazione SpazialeAlla ricerca di segni di vita su Marte: Perseverance inizia la sua...

Alla ricerca di segni di vita su Marte: Perseverance inizia la sua missione

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Il rover Perseverance della NASA, fino ad ora, è stato impegnato a servire come stazione base di comunicazioni per l’Elicottero Ingenuity. Perseverance è stato anche impegnato ad analizzare con i suoi strumenti scientifici le rocce che giacciono sul pavimento del cratere Jezero.

I ricercatori, ora, utilizzeranno gli strumenti di Perseverance per cercare di capire quando si è asciugato e quando i sedimenti hanno iniziato ad accumularsi nel delta che si è formato nel cratere molto tempo fa. La comprensione di questa sequenza temporale dovrebbe aiutare a datare i campioni di roccia da raccogliere più avanti nella missione che potrebbero nascondere fossili di microorganismi.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Una telecamera chiamata WATSON all’estremità del braccio robotico del rover ha scattato riprese dettagliate delle rocce. Anche una coppia di telecamere zoomabili che compongono l’imager Mastcam-Z sulla “testa” del rover ha ripreso il terreno, mentre uno strumento laser chiamato SuperCam ha colpito alcune delle rocce per rilevarne la chimica. Questi strumenti e altri consentiranno agli scienziati di saperne di più sul cratere Jezero e di concentrarsi su aree che potrebbero desiderare di studiare in modo più approfondito.

Una domanda importante a cui gli scienziati vogliono rispondere: se queste rocce sono sedimentarie (come l’arenaria) o ignee (formate dall’attività vulcanica). Ogni tipo di roccia racconta un diverso tipo di storia. Alcune rocce sedimentarie – formate in presenza di acqua da frammenti di roccia e minerali come sabbia, limo e argilla – sono più adatte a preservare le firme biologiche, o segni di vita passata. Le rocce ignee, d’altra parte, sono orologi geologici più precisi che consentono agli scienziati di creare una cronologia accurata di come si è formata un’area.

Un fattore complicante è che le rocce intorno a Perseverance sono state erose dal vento nel tempo e ricoperte di sabbia e polvere più recenti. Sulla Terra, un geologo potrebbe prendere una roccia e romperla per avere un’idea migliore delle sue origini. “Quando guardi dentro una roccia, è lì che vedi la storia“, ha detto Ken Farley del Caltech, scienziato del progetto Perseverance.

Sebbene Perseverance non abbia un martello da roccia, ha altri modi per scrutare la polvere millenaria di Marte. 

Quando gli scienziati trovano un punto particolarmente allettante, possono allungare la mano con il braccio del rover e utilizzare un abrasivo per macinare e appiattire la superficie di una roccia, rivelando la sua struttura interna e la sua composizione. Una volta fatto ciò, il team raccoglie informazioni chimiche e mineralogiche più dettagliate utilizzando strumenti a braccio chiamati PIXL (Planetary Instrument for X-ray Lithochemistry) e SHERLOC (Scanning for Habitable Environments with Raman & Luminescence for Organics & Chemicals).

---L'articolo continua dopo la pubblicità---
PERSEVERANCE’S PIXL AT WORK ON MARS (ILLUSTRATION): IN QUESTA ILLUSTRAZIONE, IL ROVER PERSEVERANCE MARS DELLA NASA UTILIZZA LO STRUMENTO PLANETARIO PER LA LITOCCHIMICA A RAGGI X (PIXL). SITUATO SULLA TORRETTA ALL’ESTREMITÀ DEL BRACCIO ROBOTICO DEL ROVER, LO SPETTROMETRO A RAGGI X AIUTERÀ A CERCARE I SEGNI DELL’ANTICA VITA MICROBICA NELLE ROCCE. CREDITO: NASA / JPL-CALTECH.

Più rocce guardi, più sai“, ha detto Farley.

E più il team sa, migliori saranno i campioni che alla fine potranno raccogliere con il trapano sul braccio del rover. I migliori verranno immagazzinati in appositi tubi e depositati in raccolte sulla superficie del pianeta per un eventuale ritorno sulla Terra.

Maggiori informazioni sulla missione di Perseverance

Un obiettivo chiave per la missione di Perseverance su Marte è l’astrobiologia, inclusa la ricerca di segni di antica vita microbica. Il rover caratterizzerà la geologia del pianeta e il clima passato, aprendo la strada all’esplorazione umana del Pianeta Rosso e sarà la prima missione a raccogliere e memorizzare roccia marziana e regolite (roccia rotta e polvere).

Le successive missioni della NASA, in collaborazione con l’ESA (Agenzia spaziale europea), dovrebbero inviare veicoli spaziali su Marte per raccogliere questi campioni sigillati dalla superficie e riportarli sulla Terra per un’analisi approfondita.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

La missione di Perseverance fa parte dell’approccio di esplorazione Moon to Mars della NASA, che include le missioni Artemis sulla Luna che aiuteranno a prepararsi per l’esplorazione umana del Pianeta Rosso.

Il JPL, che è gestito per la NASA dal Caltech a Pasadena, in California, ha costruito e gestisce le operazioni del rover Perseverance.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Articoli più letti