Vita su Marte, come la cercherà Perseverance?

Il rover ha due modi per raccogliere i campioni. Può analizzarli con il suo laboratorio di bordo o stoccarli in appositi contenitore pronti per essere raccolti da una missione futura per riportarli sulla Terra. Ma cosa cercherà esattamente Perseverance e cosa dovrebbe trovare per convincerci che c'è o c'è stata vita su Marte?

563

Oggi il rover Mars 2020 Perseverance atterrerà su Marte. Seguendo una complessa e pericolosa procedura di atterraggio, inizierà a svolgere la sua missione principale: la ricerca della vita su Marte.

Il rover ha due modi per raccogliere i campioni. Può analizzarli con il suo laboratorio di bordo o stoccarli in appositi contenitore pronti per essere raccolti da una missione futura per riportarli sulla Terra. Ma cosa cercherà esattamente Perseverance e cosa dovrebbe trovare per convincerci che c’è o c’è stata vita su Marte?

Se l’atterraggio avrà successo, questa sarà la prima missione dal tempo delle missioni Viking a cercare attivamente prove dirette della vita su Marte. Questa vita, se esiste o è esistita, molto probabilmente si concretizzerà in microorganismi attivi o sulle loro impronte fossili.

Recentemente abbiamo trovato alcuni interessanti indizi sulla possibilità che vi sia vita su Marte nelle emissioni periodiche di gas metano nell’atmosfera. Sulla Terra, una grande percentuale di metano nell’atmosfera è prodotta da processi biologici. Ciò significa che il metano potrebbe essere considerato una firma biologica. Ma può anche essere prodotto da processi geologici inorganici, quindi non è una prova di vita.

Diagramma che mostra i diversi modi in cui il metano potrebbe finire nell'atmosfera di Marte.
Gli organismi viventi producono metano su Marte? Nasa

Esistono molte molecole che, per quanto ne sappiamo, vengono prodotte solo dalla biologia terrestre, come l’isoprene o il DNA. Quindi trovare qualcosa di simile ci permetterebbe di muoverci verso la conclusione che la vita esiste o esisteva su Marte. 

Se Perseverance dovesse trovare tali molecole, avremo il compito di dimostrare che sono originari di Marte e non autostoppisti microbici giunti dalla Terra. Per evitare un inconveniente del genere, prima di raccogliere qualsiasi cosa dalla superficie di Marte, il rover eseguirà una serie di test di controllo a vuoto. Se questi esperimenti daranno esito positivo identificando molecole biologiche, è probabile che vi siano contaminazioni terrestri sul rover stesso, nonostante tutte le procedure di sterilizzazione eseguite prima del lancio.



Strumenti sofisticati per trovare la vita su Marte

Detto questo, se troveremo molecole che non prodotte da reazioni chimiche standard su Marte, potremmo trovarci su qualcosa di biologicamente alieno. Uno degli strumenti che verranno utilizzati per la ricerca di firme biologiche su Marte si chiama SHERLOC (Scanning Habitable Environments with Raman & Luminescence for Organics & Chemicals). Utilizzerà una luce laser ultravioletta per sondare i campioni da una distanza di sicurezza di circa 5 cm. In questo modo si ridurrà la possibilità di contaminare i campioni durante la misurazione della luce riflessa per l’evidenza di molecole biologiche.

Questo funziona perché ogni tipo di molecola riflette la luce in un modo unico, permettendoci di determinare con un alto grado di certezza che abbiamo trovato qualcosa come gli amminoacidi (che costruiscono le proteine) o i lipidi (che costruiscono le pareti cellulari). È noto che queste molecole persistono nell’ambiente dopo che altre molecole biologiche come il DNA sono state scomposte e non sono più rilevabili.

Perseverance trasporta anche lo strumento SuperCam, in grado di sparare un laser a una distanza di circa sette metri. Può analizzare la nuvola di polvere risultante per cercare prove di tipi di roccia che potrebbero preservare indizi sulla vita passata. Questo aiuterà a restringere i luoghi che potrebbero essere i migliori per indagare più a fondo senza dover prendere il tempo per raggiungerli.

Campioni di roccia verranno estratti da una profondità di circa 5 cm e conservati in contenitori sigillati per una futura missione di raccolta che NASA ed ESA stanno progettando insieme. Le analisi che possiamo condurre sulla Terra sono molte volte più precise e dettagliate rispetto a quelle che possono effettuare gli strumenti che possiamo inviare su Marte. 


Inoltre, sulla Terra potremno eseguire diversi tipi di analisi in più laboratori in tutto il mondo, consentendo risultati complessivi migliori. Ad esempio, se si sospetta che le prove di vita estinta siano conservate in un campione, potremmo usare la microscopia elettronica (che utilizza gli elettroni anziché la luce per sondare un campione) per provare a vedere se contiene cellule microbiche fossilizzate .

Tutto questo dipende dalla nostra comprensione molto ristretta di cosa sia la vita. Conosciamo solo un tipo di vita: il tipo terrestre. I nostri esperimenti cercheranno la vita su Marte così come la conosciamo. Ma è sempre possibile che esistano forme di vita che nemmeno immaginiamo, forse basata sul silicio anziché sul carbonio. È improbabile che Perseverance possa rilevare una forma di vita del genere anche se prosperasse su Marte.

A meno che qualcosa non si alzi e si muova davanti alla telecamera, ottenere prove conclusive probabilmente sarà un processo lungo, specialmente mentre aspettiamo di analizzare i campioni che verranno riportati sulla Terra. Se troviamo anche solo un accenno di prova dell’esistenza di vita su Marte, i passi successivi consisteranno nel cercare di rilevarlo con più tecniche analitiche, per dimostrare che non si tratta di contaminazione dalla Terra e capire se le prove hanno senso nel contesto dell’ambiente e dei dati degli altri strumenti.

Qualsiasi prova di vita dovrà passare attraverso il rigoroso processo scientifico di test, ripetizione e revisione tra pari. Inoltre, Perseverance condurrà analisi in un unico cratere su Marte e potrebbe non essere il posto giusto per trovare la vita su Marte.

Presto (tra due anni) Perseverance sarà raggiunto da un’altra missione che cercherà la vita su Marte, il rover Rosalind Franklin dell’Agenzia spaziale europea. Rosalind Franklin potrà perforare la superficie marziana fino a 2 metri di profondità. Se oggi esiste vita su Marte, potremmo avere maggiori probabilità di trovarla nelle profondità del sottosuolo che in superficie, costantemente sottoposta ad un bombardamento di radiazioni nocive.

Altri articoli sull’argomento:

C’è vita su Marte? Forse si, se non lo contaminiamo

Vita su Marte, è il sottosuolo la parte più abitabile

Perché ancora non abbiamo trovato la vita aliena?