8.4 C
Rome
lunedì, Dicembre 5, 2022
HomeEsplorazione SpazialeLa NASA rilascia una spettacolare mappa di Marte

La NASA rilascia una spettacolare mappa di Marte

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Presto avremo la possibilità di guardare Marte con un occhio diverso, grazie a una mappa multicolore da 5,6 gigapixel che la NASA sta rilasciando. Coprendo l’86% della superficie di Marte, la mappa rivela la distribuzione di dozzine di minerali chiave. Osservando la distribuzione dei minerali, i ricercatori possono comprendere meglio il passato acquoso di Marte e dare la priorità a quali regioni devono essere studiate in modo più approfondito.

Le prime porzioni di questa mappa sono state rilasciate dal Planetary Data System della NASA. Nei prossimi sei mesi, ne verranno rilasciati altre, completando una delle indagini più approfondite mai realizzate sulla superficie marziana (lLeggi di più su questi segmenti di mappa).

Il Mars Reconnaissance Orbiter, o MRO, della NASA ha mappato i minerali sul Pianeta Rosso per 16 anni, con il suo Compact Reconnaissance Imaging Spectrometer for Mars, o CRISM (MRO è stato lanciato il 12 agosto 2005 ed è arrivato su Marte il 10 marzo 2006).

CRISM Mappa di Marte

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Questa mappa quasi globale è stata catturata dal Mars Reconnaissance Orbiter della NASA utilizzando il suo Compact Reconnaissance Imaging Spectrometer for Mars, o CRISM. Il quadrato giallo indica la regione di Marte di Nili Fossae, che è evidenziata in sei viste nell’immagine in evidenza. Credito: NASA/JPL-Caltech/JHU-APL

 

Utilizzando rivelatori che vedono le lunghezze d’onda del visibile e dell’infrarosso, il team di CRISM ha precedentemente prodotto mappe minerali ad alta risoluzione che forniscono una registrazione della formazione della crosta marziana e di dove e come è stata alterata dall’acqua. Queste mappe sono state fondamentali per aiutare gli scienziati a capire come i laghi, i corsi d’acqua e le acque sotterranee hanno plasmato il pianeta miliardi di anni fa. La NASA ha anche utilizzato le mappe di CRISM per selezionare i siti di atterraggio per altri veicoli spaziali, come con il cratere Jezero, dove il rover Perseverance della NASA sta esplorando un antico delta del fiume.

Il primo pezzo di questa nuova mappa include 51.000 immagini, ognuna delle quali rappresenta una “striscia” lunga 540 chilometri e larga 10 chilometri che è stata catturata mentre MRO gli passava sopra. La risoluzione è inferiore rispetto alle mappe CRISM ottenute da osservazioni mirate perché i dati sono stati acquisiti con lo strumento rivolto verso il basso, una strategia di imaging diversa progettata per coprire molta più superficie del pianeta.

Per acquisire i suoi dati, CRISM ha utilizzato due spettrometri, uno dei quali è stato progettato con tre criorefrigeratori per mantenere basse le temperature in modo da poter rilevare più chiaramente le lunghezze d’onda più lunghe della luce infrarossa solare riflessa. Utilizzati in successione, l’ultimo di questi criorefrigeratori ha completato il suo ciclo di vita nel 2017, limitando le capacità dello strumento di visualizzare le lunghezze d’onda visibili. Quindi questa sarà l’ultima mappa di CRISM che copre l’intera gamma di lunghezze d’onda dello strumento. Lo strumento è ora in modalità standby e potrebbe registrare i dati alcune altre volte nei prossimi mesi prima di essere dismesso.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Un’ultima mappa verrà rilasciata entro l’anno, coprendo le lunghezze d’onda visibili e concentrandosi solo sui minerali contenenti ferro; questo avrà il doppio della risoluzione spaziale dell’ultima mappa.

L’indagine CRISM è stata uno dei gioielli della corona della missione MRO della NASA“, ha affermato Richard Zurek, scienziato del progetto della missione presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA nel sud della California. “Le analisi basate su queste mappe finali forniranno nuove informazioni sulla storia di Marte per molti anni a venire“.

MRO è guidato dal Jet Propulsion Laboratory (JPL), che è una divisione del Caltech di Pasadena. CRISM è guidato dal Laboratorio di Fisica Applicata della Johns Hopkins University.

Articoli più letti