In che modo la NASA potrebbe gestire un focolaio di malattia nello spazio?

Per quanto riguarda le emergenze mediche, gli astronauti sono stati finora in grado di accedere in remoto all'assistenza medica dallo spazio, grazie alle crescenti capacità nelle comunicazioni Terra-spazio.

0
908

Mentre il coronavirus continua a diffondersi in tutto il mondo, può essere interessante riflettere su cosa accadrebbe se un questo o un altro virus si diffondesse nello spazio.
In rare occasioni nella storia del volo spaziale, gli astronauti si sono ammalati mentre erano nello spazio. in microgravità, fuori dalla Terra, gli astronauti hanno sofferto di infezioni delle vie respiratorie superiori (URI) o raffreddori, infezioni del tratto urinario e infezioni della pelle”, ha dichiarato Jonathan Clark, un ex chirurgo dell’equipaggio del programma Space Shuttle della NASA e attuale professore associato di neurologia e medicina spaziale al Center for Space Medicine presso il Baylor College Of Medicine.
Durante la missione Apollo 7 del 1968, l’equipaggio ebbe raffreddori nello spazio e, secondo Clark, “ebbe un impatto significativo“. Molto probabilmente Wally Schirra salì a bordo con un lieve raffreddore e lo diffuse agli altri membri dell’equipaggio. “Gli astronauti finirono i farmaci e il resto dell’occorrente per curarsi, e si rifiutarono di indossare il casco mentre stavano rientrando nell’atmosfera terrestre”, ha raccontato Clark.
Difficoltà simili si sono verificate anche durante le missioni Apollo 8 e Apollo 9, in quanto anche allora gli astronauti furono colpiti da brutti raffreddori. Dopo queste esperienze, la NASA ha stabilito per gli astronauti una quarantena pre-volo che richiede contatti limitati e monitorati con altre persone, per cercare di garantire la salute e la sicurezza dell’equipaggio.
 È possibile che un giorno gli astronauti possano combattere malattie più gravi in ​​ambienti “off-earth” potenzialmente più difficili?

Le malattie funzionano diversamente nello spazio

Per quanto riguarda le emergenze mediche, gli astronauti sono stati finora in grado di accedere in remoto all’assistenza medica dallo spazio, grazie alle crescenti capacità nelle comunicazioni Terra-spazio. In effetti, i medici sulla Terra sono stati in grado di aiutare un astronauta colpito da un coagulo di sangue mentre si trovava a bordo della ISS.
Tuttavia, i modi in cui si diffondono le infezioni e il modo in cui virus e malattie si comportano nel corpo, cambiano nello spazio. Dagli stress fisici che derivano dal lancio al di fuori della Terra, alla vita in un ambiente confinato senza gravità terrestre, anche le malattie “regolari” come il raffreddore possono sembrare molto diverse astronauti.
I voli nello spazio cambiano il corpo in modi molto diversi, che gli scienziati stanno ancora cercando di studiare per comprenderli appieno. Ovviamente, l’atto fisicamente estremo di lanciarsi al di fuori della Terra con un razzo, può causare cinetosi e influire sull’orientamento e sulla coordinazione spaziale. Una volta nello spazio, i cambiamenti nei livelli dell’ormone dello stress e altre ripercussioni fisiche del volo spaziale, causano con cambiamento del sistema immunitario. Mentre un astronauta potrebbe essere abituato ad avere un “buon sistema immunitario” sulla Terra, potrebbe essere più suscettibile alle malattie o persino alle reazioni allergiche mentre si trova nello spazio.
Come ha spiegato Clark, virus come l’influenza o persino il coronavirus potrebbero anche essere più facilmente trasmessi in un ambiente di microgravità, come sulla Stazione Spaziale Internazionale. “L’assenza di gravità impedisce alle particelle di depositarsi, quindi rimangono sospese nell’aria e potrebbero essere più facilmente trasmesse. Per evitare ciò, i compartimenti sono ventilati e i filtri HEPA dell’aria rimuovono le particelle“.
Inoltre, gli scienziati hanno scoperto che i virus dormienti reagiscono allo stress del volo spaziale e che virus come l’herpes simplex, normalmente quiescenti, tendono a “risvegliarsi” durante il volo spaziale. Inoltre, come ha affermato Clark, studi in corso hanno dimostrato che è possibile che una maggiore virulenza batterica nello spazio possa rendere i trattamenti antibiotici meno efficaci.
Esistono farmaci antivirali utilizzati anche nelle epidemie sulla Terra che potrebbero essere usati per prevenire la diffusione virale. Inoltre, per le missioni planetarie l’equipaggio verrebbe isolato al ritorno sulla Terra, proprio come avveniva nelle prime missioni di ritorno dalla luna“, ha dichiarato Clark.

Cosa farebbero gli astronauti?

Sia nello spazio confinato della stazione spaziale che nei futuri habitat lunari o marziani, la diffusione di malattie potrebbe costituire una minaccia molto reale per gli astronauti futuri.
Quindi, mentre qui sulla Terra cerchiamo di capire come fermare meglio la diffusione della malattia del coronavirus nota come COVID-19, cosa farebbero gli astronauti al di fuori della Terra?
Come accennato, sappiamo che è possibile che tali virus si diffondano più facilmente nello spazio e che i trattamenti possano funzionare in modo diverso. Sebbene ci possano essere ulteriori sfide nel mettere in quarantena un astronauta malato nell’ambiente ristretto di una stazione spaziale o di un habitat (per non parlare di una capsula) al di fuori della Terra, Clark suggerisce che probabilmente sarebbe una delle procedure più corrette da applicare.
È difficile implementare la quarantena in piccoli spazi“, ha detto Clark, “ma un membro dell’equipaggio con un URI dovrebbe essere isolato mentre è sintomatico e dovrebbe indossare una maschera per il contenimento”.
Ha aggiunto che gli astronauti potrebbero essere messi in quarantena a bordo della stazione spaziale in quanto il “segmento USA della ISS possiede filtri dell’aria HEPA (aria particellare ad alta efficienza) e viene effettuata pulizia regolare delle superfici, nonché monitoraggio microbico“.
Tuttavia, per quanto riguarda un focolaio nei futuri habitat lunari o marziani, è impossibile dire esattamente cosa potrebbe accadere perché dobbiamo ancora tornare sulla Luna o inviare una missione con equipaggio su Marte. Ma, considerando i suggerimenti di Clark e gli esempi storici dell’era Apollo, gli astronauti probabilmente seguiranno misure simili a quelle che seguiamo sulla Terra, come la quarantena.
Fonte: Space.com

2