Grembi artificiali: congegni abominevoli o culle salvavita?

Oltre a salvare i bambini prematuri, i grembi artificiali sono attraenti perché potrebbero consentire alle donne di avere bambini senza il trauma del parto

0
2562

I ricercatori in Cina hanno sviluppato un sistema di intelligenza artificiale (AI) che monitora in tempo reale e si prende cura dello sviluppo di feti di topo mentre crescono in grembi artificiali.

Gli esseri umani saranno controllati dall’IA in grembi artificiali?

Il robot misura costantemente gli indicatori chiave dello sviluppo dell’embrione, come i livelli di anidride carbonica o i nutrienti, e li regola di conseguenza per una crescita ottimizzata. Sebbene la tecnologia sia stata testata sui topi, è possibile che un giorno alcuni esseri umani possano nascere più o meno allo stesso modo tramite un surrogato artificiale. Ma prima che ciò accada, molte preoccupazioni etiche si frappongono.

La gestazione ex-utero, ovvero la gestazione di un bambino non ancora nato al di fuori del corpo, utilizzando grembi artificiali, ha guadagnato molta attenzione negli ultimi dieci anni. Ad esempio, nel 2017, scienziati negli Stati Uniti hanno ideato un ambiente simile a un utero pieno di una sostanza che imita i fluidi prenatali in cui gli agnelli prematuri sono maturati in modo sano per quattro settimane. Questo “biobag” ha il potenziale per cambiare il volto delle unità di terapia intensiva neonatale, offrendo ai bambini prematuri nati prima di 24 settimane una possibilità di sopravvivenza.

Al momento, i bambini di età inferiore alle 22 settimane non hanno speranza di sopravvivenza. Anche i neonati prematuri più “anziani” devono affrontare difficoltà schiaccianti poiché i loro cuori e polmoni non sono ancora completamente sviluppati per funzionare al di fuori dell’utero, anche se aiutati dai sistemi di supporto vitale nelle unità neonatali. Anche coloro che lo fanno possono sperimentare complicazioni che possono portare a disabilità per tutta la vita.

Idealmente, questi bambini sarebbero immediatamente trasferiti in un utero artificiale una volta che sono stati consegnati per continuare il loro sviluppo fino a quando non sono abbastanza sani.



Oltre a salvare i bambini prematuri, i grembi artificiali sono attraenti perché consentono alle donne di avere bambini senza il trauma del parto. La maggior parte delle donne subisce un certo livello di lesioni durante il parto, inclusi strappi muscolari, incontinenza permanente, danni agli organi o fratture delle ossa pelviche. In casi estremi, alcune madri in attesa vanno incontro a gravi complicazioni del travaglio, inclusi attacchi di cuore, insufficienza renale e aneurismi, che possono essere pericolosi per la vita sia della madre che del bambino. Poi c’è il bilancio psicologico del parto, che è stato associato a PTSD postnatale e depressione.

Il fatto che ci sia una crescente domanda di maternità surrogata ci dice che i grembi artificiali potrebbero avere un futuro. Durante la maternità surrogata, gli ovuli della madre biologica vengono fecondati con lo sperma del padre o del donatore e quindi l’embrione viene inserito nell’utero del surrogato, che porta a termine il bambino e lo consegna. In questo caso, la madre biologica è sempre la donna di cui vengono utilizzati gli ovuli, mentre il surrogato è chiamato ‘madre naturale’. Tuttavia, la maternità surrogata non risolve le complicazioni legate al parto o ai bambini prenatali: esternalizza semplicemente questi rischi a terzi.

Il sistema dell'utero artificiale. Credito: Istituto di ingegneria e tecnologia biomedica di Suzhou.
Il sistema dell’utero artificiale. Credito: Istituto di ingegneria e tecnologia biomedica di Suzhou.

La tata IA

È qui che possono entrare in gioco i grembi artificiali e la tecnologia, sebbene al momento non sia fattibile per partorire, anche se fosse legale, sta crescendo rapidamente. Nel 2019, i ricercatori cinesi hanno fatto crescere un feto di scimmia dallo stadio di un uovo fecondato allo stadio di formazione dell’organo all’interno di un utero sintetico, segnando la prima volta che un embrione di primate si è sviluppato così lontano al di fuori del corpo di sua madre.

Ora, i ricercatori del Suzhou Institute of Biomedical Engineering and Technology, sempre dalla Cina, hanno appena pubblicato uno studio sul Journal of Biomedical Engineering, in cui hanno descritto il funzionamento di un’intelligenza artificiale che monitora gli embrioni mentre si trasformano in feti e regola i parametri chiave per crescita ottimale. In questo caso, l’utero artificiale – che i ricercatori chiamano un “dispositivo di coltura embrionale a lungo termine” nel loro studio – fa crescere più embrioni di topo all’interno di recinti a forma di cubo pieni di tutti i fluidi nutrienti di cui hanno bisogno per svilupparsi.

Questo tipo di sviluppo embrionale ex-utero richiede un’attenta osservazione perché le esigenze dell’embrione possono variare a seconda del suo stadio di crescita. Il processo di sviluppo deve quindi essere regolato manualmente, un compito ingombrante e soggetto a errori umani. Ma il sistema robotico monitora e regola automaticamente l’ambiente di sviluppo dell’embrione in tempo reale e 24 ore su 24. Anche i minimi cambiamenti nello sviluppo dell’embrione vengono registrati e messi a punto per uno sviluppo ottimale, secondo il South China Morning Post.

Inoltre, il robot acquisisce immagini ultra nitide di profondità variabile durante i momenti chiave dello sviluppo. Questo tipo di monitoraggio potrebbe, ad esempio, rivelare importanti spunti sulle primissime fasi di sviluppo dell’embrione umano, che è ancora avvolta nel mistero. Tuttavia, le leggi internazionali vietano gli studi sugli embrioni umani oltre le due settimane di sviluppo: qualsiasi altra cosa è considerata immorale, sebbene questa posizione possa cambiare se i benefici per la società derivati ​​da tale ricerca superano ampiamente gli aspetti negativi.

Nel complesso, l’IA e il sistema di sviluppo dell’embrione non sono un vero utero artificiale, dal momento che i feti di topo non sono cresciuti per vivere cuccioli ma è un passo avanti nella giusta direzione, una dimostrazione di concetto che potrebbe suscitare interesse, soprattutto in Cina. Sebbene le persone associno la Cina a una crescita demografica apparentemente infinita e a politiche draconiane del “figlio unico” intese a scongiurare la sovrappopolazione, non è più affatto vero.

Il profilo demografico della Cina sta recuperando terreno rispetto a quello di altri paesi sviluppati: le persone si sposano sempre più tardi e hanno meno figli. Nel 2021, la Cina ha registrato la crescita della popolazione netta più bassa degli ultimi sei decenni, con solo la metà dei nati rispetto al 2016. La tecnologia dei grembi artificiali potrà aiutare a invertire questa tendenza che preoccupa gli stati di tutto il mondo. Ma siamo pronti per questa modalità di riproduzione simile al cyberpunk?

2