8.4 C
Rome
lunedì, Dicembre 5, 2022
HomeAlieni & UFOUFO: Loeb afferma che vedremo un'immagine in HD entro 2 anni

UFO: Loeb afferma che vedremo un’immagine in HD entro 2 anni

Data:

Prepping

Illuminazione domestica di emergenza

Diamo un'occhiata ad alcune semplici opzioni di illuminazione di...

Usi di sopravvivenza per l’olio da cucina

L'olio da cucina potrebbe non essere un elemento che...

Kit di sopravvivenza urbana: gli strumenti critici da avere

Vivi in ​​una città e sei preoccupato per la...

Come tirare con una fionda con la massima precisione

In molte nazioni non è facile poter ottenere il...

Bug in o out, i tempi di risposta contano

Pensiamoci, quasi tutti abbiamo ben classificati INCH, BOB o...

Il professor Avi Loeb non si fermerà finché la comunità scientifica non prenderà sul serio la ricerca sugli UFO.

In una nuova intervista con The Guardian, il controverso professore di Harvard ha affermato che potremmo essere a pochi mesi dal vedere la prima immagine abbastanza dettagliata da fornire prove incontrovertibili che gli UFO sono veicoli spaziali alieni.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Questo perché mira a catturare una “immagine ad alta risoluzione” di un UFO entro i prossimi due anni, ha spiegato, con l’aiuto di un grande team di scienziati e di una vasta rete mondiale di fotocamere e telescopi.

Un’indagine empirica sugli UFO

Loeb ha guadagnato grande attenzione pubblica negli ultimi mesi e anni per le sue affermazioni fiduciose sull’esistenza di civiltà aliene tecnologicamente avanzate. L’anno scorso ha fondato il Progetto Galileo, che mira a fornire prove della tecnologia aliena costruendo una rete globale di telescopi, fotocamere e computer per consentirgli di indagare sugli UFO.

L’annuncio del Progetto Galileo è arrivato poco dopo che il Pentagono ha rilasciato al pubblico registrazioni di filmati UFO lo scorso anno. All’epoca, Loeb disse, “ciò che vediamo nel nostro cielo non è qualcosa che i politici o il personale militare dovrebbero interpretare, perché non sono stati formati come scienziati, spetta alla comunità scientifica capirlo”.

Loeb ha anche attirato l’attenzione per i suoi commenti su ‘Oumuamua, il primo oggetto interstellare osservato dai telescopi. In un’intervista del 2021, Loeb ha affermato che un certo numero di scienziati lo aveva contattato in privato per dire di essere d’accordo con le sue affermazioni secondo cui ‘Oumumua potrebbe essere stata una sonda costruita da extraterrestri, tuttavia, non sarebbero d’accordo pubblicamente per paura che danneggerebbe le loro carriere.

Ora, il fisico di Harvard afferma di voler provocare un cambiamento radicale nella percezione pubblica fornendo nuove prove per la tecnologia aliena tramite il suo progetto Galileo. “Voglio davvero che la prossima generazione sia libera di discuterne e che diventi parte del mainstream”, ha detto Loeb nella sua intervista a The Guardian. “La mia speranza è che ottenendo un’immagine ad alta risoluzione di qualcosa di insolito, o trovandone prove, il che è del tutto possibile nel prossimo anno o due, lo cambieremo”.

---L'articolo continua dopo la pubblicità---

Le telecamere del Progetto Galileo inizieranno a girare questa estate

Il progetto Galileo di Loeb è composto da un team di oltre 100 scienziati. Secondo il professore di Harvard, il primo telescopio del progetto inizierà a funzionare dal tetto dell’osservatorio del college di Harvard questa estate. Manterrà telecamere a infrarossi, un sensore radio, un sensore audio e un magnetometro in funzione 24 ore su 24, 7 giorni su 7

Molti scettici sosterrebbero che in un mondo pieno di utenti di smartphone pronti a iniziare a girare le loro fotocamere al minimo strano incontro, a questo punto avremmo davvero dovuto vedere filmati UFO più dettagliati. In effetti, Loeb mira a mettere a tacere quell’argomento guardando il cielo da vari punti del globo 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Se lui e il suo team riusciranno a fornire dati convincenti, il mondo dovrà improvvisamente iniziare a prendere molto più seriamente la ricerca sugli UFO. E anche la missione sonda progettata per raggiungere ‘Oumuamua, utilizzando la tecnologia delle vele solari, potrebbe essere rapidamente portata a termine.

Articoli più letti