Gli zombi? Esistono e stanno nel regno animale

Gli zombi esistono davvero e potrebbero trovarsi nei nostri giardini, ma attenzione, non hanno sembianze umane. Si tratta infatti di animali, come ad esempio una formica infettata da un fungo

0
7148
Gli zombi? Esistono e stanno nel regno animale
Gli zombi? Esistono e stanno nel regno animale

Esiste una formica, che per la sua stranezza e mostruosità è stata definita zombi. Ha infatti un fungo nella sua testa. Per crescere e diffondersi, questo fungo deve influenzare il cervello della formica.

Eppure, per quanto strano possa sembrare, questo comportamento non è poi così insolito.

Il mondo naturale è pieno di zombi sotto il controllo mentale. Ragni zombi e scarafaggi, ad esempio, fanno da babysitter allo sviluppo di larve di vespe, finché i piccoli non li divorano. I pesci zombi si girano e si lanciano verso la superficie dell’acqua, sembrando implorare che gli uccelli li mangino. Grilli zombi, scarafaggi e mantidi religiose si annegano nell’acqua. I topi zombi sono attratti dall’odore dell’urina dei gatti che potrebbero divorarli.

Gli zombi parassiti

Tutti questi zombi hanno una cosa in comune: i parassiti. Un parassita vive dentro o su un’altra creatura, conosciuta come il suo ospite. Un parassita può essere un fungo, un verme o un’altra minuscola creatura. Tutti i parassiti alla fine indeboliscono o fanno ammalare i loro ospiti. A volte, il parassita uccide o addirittura mangia il suo ospite.

Ma la morte dell’ospite non è l’obiettivo più strano. Un parassita può far morire il suo ospite in un determinato luogo o farlo mangiare da una certa creatura. Per realizzare questi trucchi, alcuni parassiti hanno sviluppato la capacità di penetrare nel cervello dell’ospite e influenzarne il comportamento in modi molto specifici.



In che modo i parassiti trasformano insetti e altri animali in esseri quasi morti che camminano? Ogni parassita ha il proprio metodo, ma il processo di solito comporta l’alterazione delle sostanze chimiche all’interno del cervello della vittima. I ricercatori stanno lavorando duramente per identificare quali sostanze chimiche sono coinvolte e come finiscono per alterare in modo così strano il comportamento del loro ospite.

Funghi che controllano cervelli

Un fungo non ha un cervello eppure, in qualche modo, può controllare il cervello di animali più grandi e intelligenti.

Kelly Weinersmith, una biologa che studia parassiti alla Rice University di Houston, in Texas, è particolarmente interessata alle creature zombi. “I veri zombi non sono esattamente come il tipo che trovi nelle storie dell’orrore. In nessun modo questi animali muoiono e poi resuscitano. La maggior parte dei veri zombi è destinata a morire e alcuni hanno pochissimo controllo sulle proprie azioni“, ha spiegato la dottoressa.

Il Toxoplasma gondii e il fungo Ophiocordyceps

Il parassita Toxoplasma gondii  è una creatura unicellulare che può completare il suo ciclo vitale solo all’interno di un gatto. Ma prima, questo parassita deve vivere per un po’ in un animale diverso, come un topo. Per garantire che questo ospite part-time venga mangiato da un gatto, il parassita trasforma i topi in zombi amanti dei gatti.

In Thailandia, una specie di fungo – Ophiocordyceps – può costringere una formica a salire quasi esattamente per 20 centimetri su una pianta, a guardare a nord e poi a mordere una foglia. E lo fa fare alla formica quando il Sole è nel punto più alto del cielo. Ciò fornisce le condizioni ideali affinché il fungo cresca e rilasci le sue spore.

Lo studio della biologa Charissa de Bekker

La biologa Charissa de Bekker ha cercato di capire come quel fungo esercita il controllo mentale sulle formiche. Quindi lei e il suo team hanno studiato una specie correlata al fungo Ophiocordyceps in Thailandia. Questo cugino americano è un fungo originario della Carolina del Sud. Anch’esso costringe le formiche a lasciare le loro colonie e ad arrampicarsi. Queste formiche, però, mordono i ramoscelli invece delle foglie. Ciò è probabilmente dovuto al fatto che alberi e piante in questo stato perdono le foglie in inverno.

De Bekker ha iniziato questi studi alla Pennsylvania State University di University Park. Lì, la sua squadra ha infettato alcune specie di formiche con il fungo della Carolina del Sud. Il parassita ha ucciso tutte le diverse formiche che ha infettato ha trasformato in zombi solo le specie che infetta abitualmente in natura.

Questi funghi rilasciano spore in presenza di cervelli di formiche

Per capire cosa succede, il team di de Bekker ha raccolto nuove formiche non infette di ogni specie. I ricercatori hanno mantenuto in vita il cervello delle formiche in piccole capsule di Petri.

Quando il fungo è stato esposto ai suoi cervelli preferiti (cioè quelli delle formiche che infetta naturalmente in natura), ha rilasciato migliaia di sostanze chimiche. Molte di queste sostanze chimiche erano completamente nuove per la scienza. Il fungo ha anche rilasciato sostanze chimiche quando esposto a cervelli sconosciuti. Queste sostanze chimiche, tuttavia, erano completamente diverse. I ricercatori hanno pubblicato i loro risultati nel 2014.

Gli esperimenti alla Penn State del team di de Bekker sono stati i primi a creare formiche zombi in laboratorio ed i ricercatori ci sono riusciti solo dopo aver impostato cicli artificiali di luce e oscurità di 24 ore per gli zombi ed i loro parassiti.

Ci vorrà ancora molto lavoro per capire come le sostanze chimiche del parassita portano al comportamento degli zombi nelle formiche. “Siamo all’inizio del tentativo di capirlo“, ha affermato de Bekker, che ora sta studiando formiche zombi all’Università Ludwig Maximilian di Monaco, in Germania. La biologa sta sondando come quel ciclo quotidiano di luce solare e oscurità influenzi la zombificazione.

Le Vespe divoratrici di ragni

Di tutti i parassiti, le vespe conoscono alcuni dei trucchi più inquietanti. Una vespa, la Reclinervellus nielseni, depone le uova solo su ragni tessitori di sfere. Quando una larva di vespa si schiude, sorseggia lentamente il sangue del suo ospite. Il ragno rimane in vita abbastanza a lungo da tessere una ragnatela e creare una specie di asilo nido per le piccole vespe e muoversi con una larva attaccata alla sua schiena.

Il ragno romperà anche la sua vecchia ragnatela per iniziarne una nuova per la larva. “La nuova ragnatela sarà più robusta della precedente“, ha spiegato Keizo Takasuka, che studia il comportamento degli insetti e l’ecologia all’Università di Kobe in Giappone. Una volta che la tela sarà finita, la larva mangierà il suo ospite di ragno.

Vespe divoratrici di scarafaggi

La vespa gioiello porta scarafaggi da mangiare ai suoi piccoli. Mamma vespa deve prendere un insetto che è il doppio delle sue dimensioni. Per fare questo, spiega Frederic Libersat, “trasforma lo scarafaggio in uno zombi“. Libersat è un neurobiologo che studia come il cervello controlla il comportamento. Lavora alla Ben Gurion University di Beer-Sheva, in Israele.

La puntura della vespa gioiello toglie la capacità di uno scarafaggio di muoversi da solo. La segue come un cane al guinzaglio quando la vespa tira la sua antenna. La vespa porta lo scarafaggio al suo nido e vi depone un uovo. Poi se ne va, sigillando l’uovo nel nido con la sua cena. Quando l’uovo si schiude, la larva divora lentamente il suo ospite. Essendo uno zombi, questo scarafaggio non cerca mai di reagire o scappare.

Questo scenario è così inquietante che i biologi descrivono questa vespa come Dissennatore Ampulex – un mostro soprannaturale nella serie di Harry Potter. In questi libri, i Dissennatori possono divorare le menti delle persone. Questo lascia la vittima viva ma senza un sé o un’anima. Sebbene il Dissennatore Ampulex sia un parente stretto della vespa gioiello, Libersat osserva che i ricercatori non hanno ancora confermato che trasforma anche gli scarafaggi o qualsiasi altro insetto in schiavi senza cervello.

La vespa inietta il veleno nel cervello degli scarafaggi

Il gruppo di Libersat ha concentrato la sua ricerca sul capire cosa fa la vespa gioiello alla mente dello scarafaggio. La madre vespa gioiello esegue qualcosa come un intervento chirurgico al cervello. Usa il suo pungiglione per tastare la parte giusta del cervello della sua vittima. Una volta trovata, ci inietta un veleno zombificante.

Quando Libersat ha rimosso le parti target del cervello di uno scarafaggio, la vespa ha cercato il suo obbiettivo intorno a ciò che era rimasto del cervello dello scarafaggio con il suo pungiglione per 10-15 minuti. “Se il cervello fosse stato presente, la vespa avrebbe impiegato meno di un minuto per trovare il punto esatto ed immettere il suo veleno“, ha osservato il ricercatore. Questo dimostra che la vespa può percepire il posto giusto per iniettare il suo veleno.

Quel veleno potrebbe interferire con una sostanza chimica nel cervello dello scarafaggio chiamata octopamina. Questa sostanza chimica aiuta lo scarafaggio a rimanere vigile, a camminare e ad eseguire altre attività. Quando i ricercatori hanno iniettato una sostanza simile all’octopamina negli scarafaggi zombi, gli insetti hanno ripreso a camminare.

Libersat avverte, tuttavia, che questo è probabilmente solo un pezzo del puzzle. C’è ancora del lavoro da fare per capire il processo chimico che avviene nel cervello dello scarafaggio, dice. Ma Weinersmith, che non è stato coinvolto nella ricerca, osserva che il team di Libersat ha elaborato questo processo chimico in modo più dettagliato di quanto sia disponibile per la maggior parte dei tipi di controllo mentale degli zombi.

Il pesce zombi

La specialità di Weinersmith è il pesce zombi. Studia il killifish della California infettato da un verme chiamato Euhaplorchis californiensis. Un singolo pesce può avere migliaia di questi vermi che vivono sulla superficie del suo cervello. Più il cervello è infestato dai vermi, più è probabile che il pesce si comporti in modo strano.

Un pesce infetto continuerà a mangiare normalmente e rimarrà in gruppo con gli altri suoi simili, ma tenderà anche a salire in superficie, torcere il corpo o struscirsi contro le rocce. Tutte queste azioni rendono più facile per gli uccelli vedere il pesce. In effetti, è quasi come se il pesce infetto volesse  essere mangiato.

Questo parassita, infatti, può riprodursi solo all’interno di un uccello. Quindi altera il comportamento del pesce in un modo che attira gli uccelli. I pesci infettati da questo parassita hanno una probabilità da 10 a 30 volte maggiore di essere mangiati. Questo è ciò che hanno scoperto i colleghi di Weinersmith Kevin Lafferty dell’Università della California, Santa Barbara e Kimo Morris del Santa Ana College in California.

Weinersmith ora sta lavorando con Øyvind Øverli,dell’Università norvegese di scienze della vita, e stanno studiando i processi chimici alla base del comportamento di ricerca degli uccelli del pesce zombi. Finora, sembra che i pesci zombi possano essere meno stressati dei loro cugini normali.

I ricercatori sanno quali cambiamenti chimici dovrebbero accadere normalmente a un cervello di killifish quando diventa consapevole della presenza di un uccello in cerca di preda, ma nel cervello di un pesce zombi, questi cambiamenti chimici non sembrano verificarsi.

E’ come se il pesce notasse l’uccello in caccia ma non si spaventasse come dovrebbe. “Abbiamo bisogno di ulteriori studi per confermare che questo è vero“, ha detto Weinersmith. Il suo gruppo prevede di analizzare le sostanze chimiche nel cervello dei pesci infetti, quindi provare a ricreare l’effetto zombi nei pesci normali.

I parassiti controllano i cervelli da 48 milioni di anni

Il controllo mentale degli zombi è una questione complicata. I parassiti hanno sviluppato il controllo del cervello di altre creature nel corso di milioni di anni di evoluzione. Gli scienziati hanno trovato prove fossili di formiche controllate dai funghi risalenti a 48 milioni di anni fa.

In questo lungo periodo il fungo ha imparato molto di più su come funziona il cervello della formica rispetto agli scienziati umani. Ma i ricercatori stanno iniziando a recuperare il ritardo. Il cervello delle formiche può essere molto più semplice del cervello umano ma la chimica che si svolge al loro interno non è poi così diversa.

Capire i segreti del controllo mentale degli zombi negli insetti potrebbe aiutare i neuroscienziati a capire di più sui legami tra il cervello e il comportamento nelle persone. Questo lavoro potrebbe portare a nuovi farmaci o terapie per il cervello umano.

Fonte: Science

2