Antilope blu: ecco come si è estinta

Un team internazionale di ricercatori guidati dall’Università di Potsdam ha generato e analizzato il primo genoma nucleare ad alta copertura dell’antilope blu estinta in collaborazione con Colossal Biosciences e il Museo di Storia Naturale di Berlino

0
689
Antilope blu
L'antilope blu (Hippotragus leucophaeus ) era un'antilope africana con una pelliccia grigio-bluastra, imparentata con l'antilope nera e roana. L'ultimo esemplare è stato ucciso intorno al 1800, appena 34 anni dopo la sua prima descrizione scientifica.

Un team internazionale di ricercatori guidati dall’Università di Potsdam ha generato e analizzato il primo genoma nucleare ad alta copertura dell’antilope blu estinta in collaborazione con Colossal Biosciences e il Museo di Storia Naturale di Berlino.

Antilope blu
L’antilope blu (Hippotragus leucophaeus ) era un’antilope africana con una pelliccia grigio-bluastra, imparentata con l’antilope nera e roana. L’ultimo esemplare è stato ucciso intorno al 1800, appena 34 anni dopo la sua prima descrizione scientifica.

L’estinzione dell’antilope blu

Queste informazioni genomiche forniscono informazioni sulla traiettoria evolutiva e sulle ragioni dietro l’estinzione di questa specie. L’antilope blu detiene la particolarità di essere l’unico grande mammifero africano ad essersi estinto nella storia recente.

Antilope blu

I risultati dello studio, pubblicati su Current Biology, hanno dimostrato che la specie probabilmente si era adattata a popolazioni di piccole dimensioni ed è sopravvissuta così per migliaia di anni. Questo l’ha resa anche suscettibile a impatti improvvisi come la caccia, che è aumentata dopo la colonizzazione europea dell’Africa meridionale.

L’antilope blu (Hippotragus leucophaeus) era un’antilope africana con una pelliccia grigio-bluastra, imparentata con l’antilope nera e roana. L’ultimo esemplare è stato ucciso intorno al 1800, appena 34 anni dopo la sua prima descrizione scientifica.



Lo studio sul genoma

Il gruppo di ricerca, che ha coinvolto biologi evoluzionisti di Potsdam guidati dal Prof. Dr. Michael Hofreiter, è riuscito a ottenere un genoma ad alta copertura 40 volte da un esemplare conservato al Museo svedese di storia naturale. Questo è uno dei soli cinque esemplari museali storici di antilope blu convalidati dal DNA.

La bassa diversità genomica e la dimensione della popolazione sono spesso considerate uno svantaggio, poiché possono portare a una riduzione della forma fisica e dell’adattabilità di una specie: “Tuttavia, l’antilope blu ha avuto una popolazione di piccole dimensioni per molti millenni prima di estinguersi intorno al 1800″, ha spiegato Michael Hofreiter.

Il fatto che non sia stata rilevata alcuna consanguineità e che siano state rilevate solo poche mutazioni dannose indica che la specie si era adattata a popolazioni di dimensioni ridotte a lungo termine“, ha aggiunto Elisabeth Hempel, che ha studiato l’antilope blu come parte della sua tesi di dottorato presso l’Università di Potsdam e il Museo di Storia Naturale di Berlino.

Antilope blu

L’analisi della dimensione della popolazione a lungo termine ha evidenziato anche che essa non è stata influenzata dalle fluttuazioni climatiche dell’era glaciale. Questo è inaspettato per un grande mammifero erbivoro, poiché questi cicli avrebbero dovuto portare a cambiamenti nella disponibilità dell’habitat.

Questo risultato suggerisce che potrebbe essere necessario perfezionare gli attuali modelli delle dinamiche degli ecosistemi a lungo termine nella regione.

Conclusioni

Dai risultati ottenuti i ricercatori hanno concluso che le specie possono sopravvivere a lungo con popolazioni di piccole dimensioni purché non siano esposte a disturbi ad azione rapida. Di conseguenza, l’improvvisa influenza umana durante la colonizzazione europea dell’Africa meridionale nel XVII secolo ha probabilmente giocato un ruolo centrale nell’estinzione della specie.

Nel corso dell’analisi del DNA sono stati identificati nel genoma anche due geni che potrebbero essere responsabili del colore blu del pelo della specie da cui l’antilope blu deve il suo nome.

Antilope blu

Questo è stato possibile con l’aiuto del software di analisi computazionale all’avanguardia della società di biotecnologia Colossal Bioscience, con la quale i ricercatori hanno collaborato.

Nell’ambito della continua attenzione di Colossal al DNA antico, alle relazioni genotipo-fenotipo e al ripristino dell’ecosistema, siamo stati onorati di collaborare al lavoro innovativo del professor Hofreiter e del suo team“, ha affermato Ben Lamm, co-fondatore e CEO di Colossal Bioscience.

Gli obiettivi di ricerca del progetto hanno permesso ai nostri team di lavorare insieme applicando alcuni dei più recenti DNA antichi Colossal e algoritmi genomici comparativi per scoprire cosa rendeva veramente l’antilope blu la specie unica che era”.

2